Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Nella Finale di Europa League a Baku, Mkhitaryan non ci sarà

[themoneytizer id=”27127-1″]

Nella Finale di Europa League a Baku, Mkhitaryan non ci sarà

Il centrocampista dell’Arsenal Henrix Mkhitaryan non giocherà la finale di Europa League  tra Arsenal e Chelsea che si disputerà stasera alle 21 a Baku, Azerbaijan.

Il giocatore dei Gunners, di nazionalità armena, ha paura per la sua sicurezza qualora dovesse recarsi a Baku per via delle forti tensioni tra il governo armeno e quello azero.

“Abbiamo considerato tutte le opzioni disponibili, e ci siamo visti costretti a prendere questa difficile decisione, ovvero che non parteciperò al viaggio con la squadra per giocare la finale di Europa League. Non è il tipo di partita che capita così spesso ed è per questo che mi fa molto male sapere di non poterla giocare”. 

Anche Unai Emery, allenatore dell’Arsenal, ha detto la sua: “Il giocatore voleva giocare, ha parlato con la sua famiglia e ha deciso di non partire. E’ una decisione molto personale e va rispettata“.

Intanto la UEFA ha risposto all’Arsenal in merito alla decisione ma soprattutto ai rischi palesati nella decisione di non far andare il calciatore: “Abbiamo collaborato con le autorità Azere per garantire l’incolumità del giocatore e abbiamo avuto tutte rassicurazioni a riguardo”. Anche il governo Azero si è detto “dispiaciuto e amareggiato” soprattutto perchè in questo modo, a detta dei suoi portavoce, si dipinge il paese per quello che non è.

Mkhitaryan per l’Arsenal è stato un giocatore chiave nel percorso in questa Europa League e la sua assenza potrebbe essere determinante nella corsa a quel trofeo europeo che manca in bacheca dal lontano 1994. A supporto di ciò, le parole del capitano Koscielny: “Non sono contento, in quanto non abbiamo potuto portare un giocatore per la finale. Credo che quando vi sia un problema politico tra un paese e un altro, la Uefa non dovrebbe assegnare la finale a questo paese. Non sarà la finale che sognavamo, vista anche l’enorme distanza che separa Baku dai nostri tifosi”

Proprio dai compagni di squadra londinesi era arrivata anche la proposta di indossare una maglia con il suo nome durante il riscaldamento per manifestare vicinanza al giocatore armeno. Iniziativa bloccata sul nascere dalla UEFA per motivi legati al regolamento.

Purtroppo non è più così raro vedere atleti dover rinunciare a determinate trasferte per motivi politici o religiosi, andando a rovinare lo spettacolo ma soprattutto l’anima inclusiva e di unione che dovrebbe avere lo sport. Nei giorni scorsi vi abbiamo parlato di un caso simile per certi versi come quello di Enes Kanter, centro dei Portland Trail Blazers. 

[themoneytizer id=”27127-28″]

 

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

St. Pauli: i Pirati tedeschi che giocano contro l’odio Il 15 Maggio 1910 ad Amburgo nasceva un club che si è reso famoso negli...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Calcio

Ebrima Darboe, il sogno di una cosa – E poi, e poi Gente viene qui e ti dice Di saper gia’ Ogni legge delle...

Calcio

Bob Marley: il Reggae nella mente, il Calcio nel cuore L’11 maggio 1981 moriva il leggendario cantante reggae Robert Nesta Marley. Da tutti conosciuto...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il  2 maggio 1998 moriva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 30 Aprile 1945 nel suo bunker di Berlino, Adolf Hitler si suicidava a 56 anni...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 30 aprile 1989 ci lasciava uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone....

Calcio

Piazzale Loreto e Michele Moretti, il terzino partigiano: quando il calcio si incrocia con la Storia Il 29 aprile 1945 i corpi di Benito...

Calcio

Storia, Disciplina e Onore: CSKA, viaggio nello Sport dell’Armata Rossa Il 29 Aprile 1929 nasceva la Polisportiva CSKA, massima espressione dello Sport dell’Unione Sovietica...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro