Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Nella Finale di Europa League a Baku, Mkhitaryan non ci sarà

[themoneytizer id=”27127-1″]

Nella Finale di Europa League a Baku, Mkhitaryan non ci sarà

Il centrocampista dell’Arsenal Henrix Mkhitaryan non giocherà la finale di Europa League  tra Arsenal e Chelsea che si disputerà stasera alle 21 a Baku, Azerbaijan.

Il giocatore dei Gunners, di nazionalità armena, ha paura per la sua sicurezza qualora dovesse recarsi a Baku per via delle forti tensioni tra il governo armeno e quello azero.

“Abbiamo considerato tutte le opzioni disponibili, e ci siamo visti costretti a prendere questa difficile decisione, ovvero che non parteciperò al viaggio con la squadra per giocare la finale di Europa League. Non è il tipo di partita che capita così spesso ed è per questo che mi fa molto male sapere di non poterla giocare”. 

Anche Unai Emery, allenatore dell’Arsenal, ha detto la sua: “Il giocatore voleva giocare, ha parlato con la sua famiglia e ha deciso di non partire. E’ una decisione molto personale e va rispettata“.

Intanto la UEFA ha risposto all’Arsenal in merito alla decisione ma soprattutto ai rischi palesati nella decisione di non far andare il calciatore: “Abbiamo collaborato con le autorità Azere per garantire l’incolumità del giocatore e abbiamo avuto tutte rassicurazioni a riguardo”. Anche il governo Azero si è detto “dispiaciuto e amareggiato” soprattutto perchè in questo modo, a detta dei suoi portavoce, si dipinge il paese per quello che non è.

Mkhitaryan per l’Arsenal è stato un giocatore chiave nel percorso in questa Europa League e la sua assenza potrebbe essere determinante nella corsa a quel trofeo europeo che manca in bacheca dal lontano 1994. A supporto di ciò, le parole del capitano Koscielny: “Non sono contento, in quanto non abbiamo potuto portare un giocatore per la finale. Credo che quando vi sia un problema politico tra un paese e un altro, la Uefa non dovrebbe assegnare la finale a questo paese. Non sarà la finale che sognavamo, vista anche l’enorme distanza che separa Baku dai nostri tifosi”

Proprio dai compagni di squadra londinesi era arrivata anche la proposta di indossare una maglia con il suo nome durante il riscaldamento per manifestare vicinanza al giocatore armeno. Iniziativa bloccata sul nascere dalla UEFA per motivi legati al regolamento.

Purtroppo non è più così raro vedere atleti dover rinunciare a determinate trasferte per motivi politici o religiosi, andando a rovinare lo spettacolo ma soprattutto l’anima inclusiva e di unione che dovrebbe avere lo sport. Nei giorni scorsi vi abbiamo parlato di un caso simile per certi versi come quello di Enes Kanter, centro dei Portland Trail Blazers. 

[themoneytizer id=”27127-28″]

 

A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Ieri, 23 gennaio, ricadeva l’anniversario della morte, datato 1939, avvenuta in circostanze misteriose di Matthias Sindelar, il fenomeno...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Calcio

La Tigre Arkan e un sogno chiamato Champions League Il 15 Gennaio del 2000 moriva Željko Ražnatović, meglio conosciuto come la Tigre Arkan, il...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Il calcio è una chiave per vincere il dolore di un bambino mai nato Ci sono molti modi per esorcizzare il dolore. C’è chi...

Calcio

La storia della Coppa d’Africa in cinque edizioni memorabili Inizia oggi alle 17 l’edizione numero 33 della Coppa d’Africa con sede in Camerun. Per...

Calcio

Milan-Roma: la distanza non è solo nei chilometri Oggi alle ore 18.30 si sfideranno a San Siro due squadre che rappresentano due città così...

Calcio

Wimbledon ’88, la gloria dei bastardi Per i 57 anni compiuti oggi da Vinnie Jones, vi raccontiamo in FA Cup della squadra più scorretta di...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Il 4 Gennaio 1998 il calcio riconosceva la grandezza di Ronaldo il Fenomeno, consegnandogli il primo Pallone d’Oro...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro