Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Nella Finale di Europa League a Baku, Mkhitaryan non ci sarà

[themoneytizer id=”27127-1″]

Nella Finale di Europa League a Baku, Mkhitaryan non ci sarà

Il centrocampista dell’Arsenal Henrix Mkhitaryan non giocherà la finale di Europa League  tra Arsenal e Chelsea che si disputerà stasera alle 21 a Baku, Azerbaijan.

Il giocatore dei Gunners, di nazionalità armena, ha paura per la sua sicurezza qualora dovesse recarsi a Baku per via delle forti tensioni tra il governo armeno e quello azero.

“Abbiamo considerato tutte le opzioni disponibili, e ci siamo visti costretti a prendere questa difficile decisione, ovvero che non parteciperò al viaggio con la squadra per giocare la finale di Europa League. Non è il tipo di partita che capita così spesso ed è per questo che mi fa molto male sapere di non poterla giocare”. 

Anche Unai Emery, allenatore dell’Arsenal, ha detto la sua: “Il giocatore voleva giocare, ha parlato con la sua famiglia e ha deciso di non partire. E’ una decisione molto personale e va rispettata“.

Intanto la UEFA ha risposto all’Arsenal in merito alla decisione ma soprattutto ai rischi palesati nella decisione di non far andare il calciatore: “Abbiamo collaborato con le autorità Azere per garantire l’incolumità del giocatore e abbiamo avuto tutte rassicurazioni a riguardo”. Anche il governo Azero si è detto “dispiaciuto e amareggiato” soprattutto perchè in questo modo, a detta dei suoi portavoce, si dipinge il paese per quello che non è.

Mkhitaryan per l’Arsenal è stato un giocatore chiave nel percorso in questa Europa League e la sua assenza potrebbe essere determinante nella corsa a quel trofeo europeo che manca in bacheca dal lontano 1994. A supporto di ciò, le parole del capitano Koscielny: “Non sono contento, in quanto non abbiamo potuto portare un giocatore per la finale. Credo che quando vi sia un problema politico tra un paese e un altro, la Uefa non dovrebbe assegnare la finale a questo paese. Non sarà la finale che sognavamo, vista anche l’enorme distanza che separa Baku dai nostri tifosi”

Proprio dai compagni di squadra londinesi era arrivata anche la proposta di indossare una maglia con il suo nome durante il riscaldamento per manifestare vicinanza al giocatore armeno. Iniziativa bloccata sul nascere dalla UEFA per motivi legati al regolamento.

Purtroppo non è più così raro vedere atleti dover rinunciare a determinate trasferte per motivi politici o religiosi, andando a rovinare lo spettacolo ma soprattutto l’anima inclusiva e di unione che dovrebbe avere lo sport. Nei giorni scorsi vi abbiamo parlato di un caso simile per certi versi come quello di Enes Kanter, centro dei Portland Trail Blazers. 

[themoneytizer id=”27127-28″]

 

Emanuele Sabatino

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

Happel, Vilanova e Maestrelli: Storie di Vita, Storie di Sport Avrebbe compiuto oggi 52 anni Tito Vilanova, compianto allenatore del Barcellona, portato via da...

Calcio

Campioni del mondo! Gli azzurri di Mancini riportano a casa…il titolo non ufficiale “Campioni del mondo! Grazie alla rete di Nicolò Barella gli azzurri...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Il 16 settembre 2016 moriva l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Calcio

Un Ufo alla partita di calcio: quando lo Stadio Franchi sembrò Roswell Di solito, quando si sente il termine extraterrestre nel mondo del pallone...

Altri Sport

Perché corro alla Maratona di New York Il 13 settembre 1970 si correva la prima edizione della Maratona di New York, quest’anno rimandata a...

Calcio

Il nuovo infortunio occorso al giovane talento della Roma impone una riflessione sugli eccessi di un mondo, quello del calcio professionistico, che sembra incapace...

Calcio

11 Settembre 2001: il calcio nel giorno in cui il Mondo cambiò per sempre Alle 14,46 (ora italiana) di diciannove anni fa, un aereo...

Calcio

Jock Stein, il destino del minatore che salì sul tetto d’Europa Il 10 Settembre 1985 ci lasciava Jock Stein, leggendario allenatore del Celtic Campione...

TV

Sta per ripartire una nuova stagione calcistica, per certi versi la più strana e desueta dagli ultimi anni: la situazione legata al Covid è...

Inchieste & Focus

L’Altra Faccia di Pyongyang: la Corea del Nord e lo Sport “organico” di Kim Jong Un Oggi, 9 Settembre, si celebrano in Corea del...

Calcio

Roberto Donadoni, gli Usa e una simulazione ‘da Oscar’ Compie oggi 57 anni Roberto Donadoni, splendido centrocampista d’attacco del Milan imbattibile, oggi allenatore. Per...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro