Connect with us

Cerca articoli

Doping

NBA: Rivoluzione Anti-Doping

Giovedì scorso  la NBA ha sospeso il centro degli Charlotte Hornets Al Jefferson per cinque gare, senza paga, per aver violato i termini del “NBA/NBPA Anti-drug Program”. Nelle dichiarazioni rilasciate alla stampa,  Jefferson non ha rivelato la sostanza che lo ha portato alla squalifica, ma leggendo il regolamento appare chiaro che si tratti di Marijuana poiché è l’unico caso, al terzo positivo, in cui si viene squalificati per cinque giornate.

L’atleta americano, ora infortunato, sconterà la pena quando sarà di nuovo abile a giocare. Tra multa e lucro cessante, Jefferson rinuncerà a 613.000 dollari a fronte del suo stipendio annuale di 13.2 mln. L’ultimo caso di sospensione per uso di sostanze proibite era datato gennaio scorso: Larry Sanders, allòra ala dei Milwaukee Bucks ,venne sospeso per 10 giornate e costretto ad andare in riabilitazione.

Nel 2012, l’Agenzia Mondiale Anti-Doping (WADA), che fornisce i protocolli sui test da eseguire per tantissime leghe e discipline comprese le Olimpiadi, per bocca del suo direttore generale David Howman, dichiarava che il programma antidoping della NBA era insufficiente, e che bisognava assolutamente introdurre dei test aggiuntivi per scovare chi facesse uso dell’Ormone della crescita (HGH). L’Ormone della crescita è da sempre proibito nella NBA, ma era impossibile scovarlo perché gli unici test che venivano eseguiti erano quelli delle urine.

Non solo, sempre Howman affermava che la lega cestistica americana era quella rimasta più indietro rispetto alle altre leghe a stelle e strisce e tante altre europee. Come è possibile che un paese ma soprattutto una lega che da sempre si fregia di essere avanguardista, giusta e trasparente, possa avere una lacuna del genere su una tematica così importante?

Nel 2015, sotto pressione della WADA e dopo interminabili negoziati con l’associazione dei giocatori (NBPA), la NBA si è evoluta dal punto di vista della lotta al doping ed ha introdotto le analisi del sangue per poter finalmente scovare l’ormone della crescita (HGH) nel suo “NBA/NBPA Anti-Drug Program”. Felicissimo di questa introduzione il direttore generale della WADA David Howman che ha dichiarato: “Con l’accordo tra la lega e l’Associazione dei giocatori di fare i test del sangue per l’Ormone della Crescita (HGH), la NBA ha migliorato il livello e l’efficacia dei controlli anti-doping anche a livello di prevenzione”.

NBA/NBPA Anti-Drug Program prevede che ogni giocatore sia sottoposto a quattro test nell’arco della stagione. C’è una categorizzazione delle sostanze proibite a cui sono connesse determinate sanzioni:

MARIJUANA:  se si viene trovati positivi alla Marijuana, il giocatore per le prime due volte pagherà solo una multa di 25.000. Alla terza sconterà cinque giornate di squalifica e decurtazione dello stipendio. Dalla quarta in poi, cinque giornate aggiuntive rispetto alla squalifica precedente e decurtazione dello stipendio.

DOPING (PED’s): se un giocatore viene trovato positivo al test sulle sostanze che migliorano le prestazioni, oltre alla decurtazione dello stipendio, nel primo caso verrà sospeso per dieci giornate, al secondo positivo per venticinque, al terzo squalificato a tempo indeterminato dalla lega.

ORMONE DELLA CRESCITA (HGH): squalifiche più pesanti per la new entry dei nuovi controlli anti-doping. La prima volta che si viene trovati positivi la squalifica, oltre la ovvia decurtazione dello stipendio,  è di venti giornate, la seconda quarantacinque, la terza porta all’esclusione dalla lega a tempo indeterminato.

ABUSO  DI DROGHE: intransigenza totale per quanto riguarda invece l’uso e abuso di droghe pesanti. Se si viene trovati positivi al test  non ci sono altre possibilità e si viene esclusi subito dalla NBA a tempo indeterminato.

Gli Stati Uniti d’America sono famosi per concedere sempre una seconda chance, non è da meno quindi la NBA che fa lo stesso nei suoi controlli anti-doping. Fallita quella, però, nessun perdono e addio.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Commenti

5 Comments

  1. Avatar

    Vittorio

    Dicembre 23, 2015 at 2:59 pm

    Mi sembra assurdo squalificare un atleta per uso di marijuana. La marijuana non è una sostanza dopante e nessuno si sogna di assumerla per migliorare le proprie prestazioni, Sono ben altre le sostanze da ricercare. Se la NBA si allinea all’Europa nei controlli anti doping, mi sa che tanti gesti atletici e schiacciate, alle quali ormai siamo abituati, le vedremo solo alla playstation. E forse non è un male………………….

  2. Avatar

    Flavio

    Dicembre 23, 2015 at 4:34 pm

    I controlli nello sport professionistico americano sono sempre all’acqua di rose.
    Intanto non mi sembra siano compresi quelli a sorpresa che sono i più utili per scoprire i colpevoli. Poi le squalifiche per alcune giornate sono abbastanza ridicole (in atletica e ciclismo al primo positivo vieni comunque fermato per un anno).
    4 test per atleta all’anno agonistico non serviranno a quasi niente dato che il potenziamento muscolare lo puoi fare tranquillamente al di fuori della stagione regolare.
    Tra l’altro non si parla di punizioni per i medici coinvolti (o si pensa che facciano da soli gli atleti?)
    Sembra una bella operazione di facciata tanto per farsi un pò di pubblicità.

  3. Avatar

    giannicometti@virgilio.it

    Dicembre 23, 2015 at 7:22 pm

    Ecco perchè nel ciclismo si sono rilevati tanti casi positivi (comunque il ciclismo è “solo” al quinto posto per positività): da anni vi sono il passaporto bioologico, controlli a sorpresa ed esame sangue/uringe. Quanti sport fanno altrettanto? Forse solo l’atletica.

  4. Avatar

    markopa_1966@libero.it

    Dicembre 24, 2015 at 8:57 am

    nello sport professionistico americano il doping e’ sempre esistito ,in quanto ci sono troppi interessi in gioco ,pubblicita’ ,ingaggi faraonici e l’atleta per un infortunio non puo fermarsi piu di tanto e allora eccolo li che subentra il doping con recuperi straordinari e giocate fantastiche sopratutto nei sport a contatto come basket , football americano.

  5. Avatar

    Matteo

    Dicembre 24, 2015 at 10:14 am

    Nel 2000 hanno introdotto le difese a zona, adesso i controlli anti doping… Sembra che stiano facendo di tutto per rendere anche l’nba un campionato “normale” a discapito dello spettacolo.
    Comunque le nazionali usa alle olimpiadi hanno sempre stravinto e non ci sono mai stati casi di doping nonostante i test fatti durante le olimpiadi siano ben più severi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Salute e Benessere

Cannabis light e coltivazione autonoma: cosa dice la legge in Italia Ormai è una moda diffusa, sulla scia della liberalizzazione della cosiddetta cannabis light,...

Altri Sport

Mistero Pantani: storia di una morte ancora tutta da chiarire Ieri abbiamo ricordato Marco Pantani, in occasione della ricorrenza della sua morte che ancora...

Calcio

Francesco Acerbi: storia di una rinascita Compie oggi 33 anni Francesco Acerbi, colonna difensiva della Lazio, la cui storia, oggi più che mai, ci...

Basket

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon “Ci sono tantissimi, grandissimi atleti nel mondo di fede islamica. E come ben sapete c’è un mese all’anno...

Basket

Il cuore grande di Marc Gasol Compie oggi 36 anni Marc Gasol, la stella NBA che, a differenza di molti, alle parole ha dato...

Basket

Kobe e Gianna: come te lo immagini il paradiso? E’ passato già un anno da quando un terribile incidente in elicottero si è portato...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 18 Gennaio 2021 si festeggia negli Stati Uniti il Martin Luther King Day,...

Basket

Conrad McRae, “Icaro Mangiafuoco” della palla a spicchi Avrebbe compiuto oggi 49 anni Conrad McRae, lo sfortunato cestista che nel Basket Europeo ha lasciato...

Basket

Javaris Crittenton, quando la NBA è criminale Compie oggi 32 Javaris Crittenton, l’ex giocatore NBA esempio lampante di come si possa buttare un talento...

Basket

36 anni del Re: LeBron James e il segreto dell’eterna giovinezza Compie oggi 36 anni LeBron James, il Re che anche quest’anno ha fatto...

Calcio

Kyle Rote Jr, storia (dimenticata) della stella che non sapeva di esserlo Ha compiuto ieri 70 anni Kyle Rote jr., un atleta che qui...

Calcio

Slavisa Zungul, il Maradona del Calcio Indoor Slavisa Zungul: un nome ed un cognome che a tanti milioni di appassionati di calcio, probabilmente, diranno...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro