Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

Naomi Osaka, il Sol Levante del Tennis femminile

-Naomi Osaka, il Sol Levante del Tennis femminile-

La finale femminile di Indian Wells ha messo davanti due giovani ragazze del 1997. Che ci sia aria di cambiamento per il movimento femminile? A vedere il livello dimostrato dalle due ventenni, possiamo stare certi che il futuro riserverà delle piacevoli sorprese.

A vincere in poco più di un’ora è stata Naomi Osaka, 1.80 per 69 kg che ha rotto il ghiaccio, conquistando il suo primo titolo in carriera. La giapponese ha regalato al suo paese un successo storico, oltre ad aver dimostrato nonostante la giovane età un coraggio e una sfrontatezza da top 10. La Osaka si è guadagnata la finale passo dopo passo, mettendo al tappeto giocatrice del calibro di Sharapova, Radwanska, Pliskova e in semifinale la numero uno Halep (dopo le finali perse con Ostapenko a Parigi e Wozniaki in Australia perde un’altra occasione per poter arricchire il palmarès e mettere al sicuro il primo posto). La nipponica è stata paragonata più volte a Serena Williams, sia per la somiglianza fisica ma soprattutto per le potenzialità che mette in mostra sul campo (non sarà un caso che ha come allenatore l’ex di Serena). Con i suoi punti di forza, servizio e dritto ha conquistato la finale, lasciando poco o nulla all’altra rivelazione del torneo, la russa Kasatkina (6-3 6-2 il punteggio finale).

“Ero veramente agitata – ha spiegato in conferenza stampa – e molto nervosa prima di scendere in campo ma ho cercato di nascondere questo disagio il più possibile, in modo che la mia avversaria non se ne accorgesse e non approfittasse della situazione. Sapevo solamente di dover combattere per ogni punto come se fosse l’ultimo, quindi non potevo assolutamente permettermi di perdere punti a causa dei miei nervi. Dovevo semplicemente continuare a prendere le decisioni giuste come ero riuscita a fare per tutto il torneo”. La vittoria del titolo gli consente di fare un notevole balzo in classifica, passando dalla 44esima posizione alle 22esima (la russa finalista ora à 11esima). “Sono molto felice di aver vinto il mio primo titolo ed è molto bello che sia successo qui ad Indian Wells. Volevo davvero vincere questo torneo, ma allo stesso tempo ho cercato di pensare che fosse una semplice partita di primo turno, in modo da non agitarmi troppo. Non riesco davvero a credere a quello che mi è successo. Mi sento come se avessi un’altra partita da giocare domani, ma non è così. È veramente speciale riuscire a vincere qui ad Indian Wells e giocare in finale contro una giocatrice come Kasatkina”, ha concluso Osaka.

Se queste giovani promesse continueranno di questo passo, per le regine del tennis (Halep, Muguruza, Wozniaki, Williams, Sharapova…) ci sarà da sudare, più delle fatidiche sette camicie.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Arthur Ashe, il tennista con una missione L’8 aprile 1992 il tennista afroamericano Arthur Ashe dichiarava al mondo intero la sua sieropositività a causa...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Il 6 aprile 1956 nasceva Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa tennista afroamericana che...

Calcio

SuperClasico: 11 + 1 aneddoti e curiosità del Derby più caldo di sempre Questa sera alle 22 si giocherà Boca Juniors – River Plate....

Calcio

Bruno Conti, il MaraZico che giocava a Baseball Compie oggi 66 anni Bruno Conti, formidabile ala dell’Italia Campione del Mondo 1982 e del secondo...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Il 4 dicembre 1998 va in scena una delle partite più emozionanti della storia del tennis nostrano,...

Calcio

Totò Schillaci: “Vi racconto la mia vita, quella vera” In occasione dei 56 anni compiuti oggi da Totò Schillaci, vi riproponiamo l’intervista che fece...

Calcio

EURO 2012: la grande illusione La tradizione calcistica che accompagna il nostro paese è una delle più longeve e vincenti della storia di questa...

Calcio

Daniel Subasic, nel cuore e nella mente Compie oggi 36 anni Daniel Subasic, il portiere della Croazia che in ogni partita non dimentica mai...

Calcio

Carlos Alberto, capitano elegante e talentuoso del Brasile ’70 Il 25 Ottobre 2016 il calcio brasiliano perdeva uno dei suoi più grandi simboli. Il capitano...

Tennis

Il Roland Garros 2020 si è fatto portavoce di una tesi ben evidente: il tennis italiano, sia al maschile che al femminile, ed è...

Tennis

Martina Trevisan: la luce che illumina il Tennis Italiano “Quello che non uccide, fortifica” è una citazione molto usata e credo che in questo...

Calcio

I leggendari 1.140 minuti dello Swindon Town dalla Third Division alla gloria di Wembley Il calcio è uno sport meraviglioso e niente entusiasma più...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro