Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo

Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta il 5 maggio 2004.

Uno slogan per entrare nell’immaginario collettivo. Nando Martellini da Roma è riuscito in questa piccola grande impresa. Lui, capitolino classe 1921, cristallizza subito l’anima da cronista.

In pochi forse rievocano i suoi primordi nella veste di narratore di fatti politici e cronachistici. La Seconda Guerra Mondiale è appena terminata quando, nel 1944, il ragazzotto Nando entra di diritto dapprima nell’EIAR e poi nella neonata RAI. La sua voce accompagna, con stile e misura, le esequie di due personaggi dall’elevato valore: Papa Giovanni XXIII e Luigi Einaudi. Scusate se è poco.

Alle soglie degli anni ’50, però, abbraccia quello che sarà il suo fratello maggiore: lo sport. Calcio e ciclismo le discipline più frequentate. Il suo tono sempre gestito al meglio, la dizione perfetta (all’epoca un autentico dogma) e quell’aria estremamente familiare lo pongono sul trono nella classifica dei telecronisti preferiti dal pubblico a casa.

Un poker di mondiali narrati. I punti più alti, senza ombra di dubbio, coincidono con il 4-3 di Italia-Germania nel 1970 ed il trionfo dei ragazzi di Bearzot nel 1982. In terra messicana Martellini subentra al decano Nicolò Carosio, dopo un incidente diplomatico sfiorato con l’Ambasciata dell’Etiopia per una considerazione rivolta al guardalinee del match con Israele. La direzione della Rai opta allora per l’avvicendamento tra i due microfoni. Con il capitolino al timone l’etere irradia il rocambolesco incontro dell’Azteca. La voce sarà decisamente dimessa, invece, nel 4-1 con cui il Brasile conquista la Rimet ai danni degli azzurri di Valcareggi.

Il popolo dello stivale dovrà attendere ben dodici anni per la liberazione sportiva. Al Bernabeu di Madrid c’è Pertini, c’è la pipa di Berzot, ci sono Paolo Rossi, Tardelli e Altobelli. Al Bernabeu, soprattutto, c’è Nando Martellini. “Campioni del mondo! Campioni del Mondo! Campioni del Mondo!” Libero, felice, orgoglioso di essere giunto sul tetto del pianeta.

Presente in cabina anche nel 1986. L’aria messicana però gioca un brutto scherzo. All’improvviso ecco una tachicardia che, come da lui spesso raccontato, lo spaventa convincendolo a desistere e a tornare in patria. Al suo posto debutta alle pendici della coppa Bruno Pizzul.

Oltre il pallone che rotola sull’erba, guai a dimenticarlo, c’è pure il ciclismo. Una quantità cospicua di racconti in video tra Tour de France e Giro d’Italia a braccetto con un altro simbolo indelebile del giornalismo televisivo: Adriano De Zan.

Cosa è stato Nando Martellini? Tanto, anzi tantissimo per gli italiani e per la storia del nostro paese. Da Roma alla vetta dell’universo con la sua voce. “Signore e signori, buonasera”. Ci salutiamo così, caro Nando.

Da non perdere

Storie di Sport

Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio vissuto nell’eccesso Il 22 Gennaio 1983 annunciava il suo ritiro (sarebbe poi tornato nel 1991, senza lasciare traccia) il...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Basket

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon Compie oggi 59 anni Hakeem Olajuwon, fenomenale cestista di origini nigeriane, due volte campione NBA con gli Houston...

Calcio

Mané Garrincha: quando l’oro era gratis Il 20 gennaio 1983 ci salutava Manè Garrincha, il fenomeno brasiliano scomparso neanche cinquantenne per cirrosi epatica ed...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Motori

Gilles Villeneuve, l’eterno poeta innamorato del limite /E volta nostra poppa nel mattino,/ Dei remi facemmo ali al folle volo/ Sempre acquistando dal lato...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Si è festeggiato ieri negli Stati Uniti il Martin Luther King Day, per celebrare...

Pugilato

Muhammad Ali, in principio fu la bicicletta Quale ragazzino, negli anni Cinquanta, non avrebbe desiderato una bicicletta Schwinn? Una di quelle così belle e...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Franco Citti: l'”Accattone” che amava il calcio Il 14 gennaio 2016 moriva a 80 anni il grande Franco Citti. Per ricordarlo vi raccontiamo la...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro