Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo

Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta il 5 maggio 2004.

Uno slogan per entrare nell’immaginario collettivo. Nando Martellini da Roma è riuscito in questa piccola grande impresa. Lui, capitolino classe 1921, cristallizza subito l’anima da cronista.

In pochi forse rievocano i suoi primordi nella veste di narratore di fatti politici e cronachistici. La Seconda Guerra Mondiale è appena terminata quando, nel 1944, il ragazzotto Nando entra di diritto dapprima nell’EIAR e poi nella neonata RAI. La sua voce accompagna, con stile e misura, le esequie di due personaggi dall’elevato valore: Papa Giovanni XXIII e Luigi Einaudi. Scusate se è poco.

Alle soglie degli anni ’50, però, abbraccia quello che sarà il suo fratello maggiore: lo sport. Calcio e ciclismo le discipline più frequentate. Il suo tono sempre gestito al meglio, la dizione perfetta (all’epoca un autentico dogma) e quell’aria estremamente familiare lo pongono sul trono nella classifica dei telecronisti preferiti dal pubblico a casa.

Un poker di mondiali narrati. I punti più alti, senza ombra di dubbio, coincidono con il 4-3 di Italia-Germania nel 1970 ed il trionfo dei ragazzi di Bearzot nel 1982. In terra messicana Martellini subentra al decano Nicolò Carosio, dopo un incidente diplomatico sfiorato con l’Ambasciata dell’Etiopia per una considerazione rivolta al guardalinee del match con Israele. La direzione della Rai opta allora per l’avvicendamento tra i due microfoni. Con il capitolino al timone l’etere irradia il rocambolesco incontro dell’Azteca. La voce sarà decisamente dimessa, invece, nel 4-1 con cui il Brasile conquista la Rimet ai danni degli azzurri di Valcareggi.

Il popolo dello stivale dovrà attendere ben dodici anni per la liberazione sportiva. Al Bernabeu di Madrid c’è Pertini, c’è la pipa di Berzot, ci sono Paolo Rossi, Tardelli e Altobelli. Al Bernabeu, soprattutto, c’è Nando Martellini. “Campioni del mondo! Campioni del Mondo! Campioni del Mondo!” Libero, felice, orgoglioso di essere giunto sul tetto del pianeta.

Presente in cabina anche nel 1986. L’aria messicana però gioca un brutto scherzo. All’improvviso ecco una tachicardia che, come da lui spesso raccontato, lo spaventa convincendolo a desistere e a tornare in patria. Al suo posto debutta alle pendici della coppa Bruno Pizzul.

Oltre il pallone che rotola sull’erba, guai a dimenticarlo, c’è pure il ciclismo. Una quantità cospicua di racconti in video tra Tour de France e Giro d’Italia a braccetto con un altro simbolo indelebile del giornalismo televisivo: Adriano De Zan.

Cosa è stato Nando Martellini? Tanto, anzi tantissimo per gli italiani e per la storia del nostro paese. Da Roma alla vetta dell’universo con la sua voce. “Signore e signori, buonasera”. Ci salutiamo così, caro Nando.

Facebook

Da non perdere

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il 19 Giugno 1986 una overdose di cocaina interrompe il...

Basket

Dirk Nowitzki: quando il Basket incontrò la matematica Compie oggi 43 anni Dirk Nowitzki, il fenomeno tedesco che in NBA ha fatto la storia...

Motori

Kevin Schwantz, il “kamikaze” che ha reso pazzo il motociclismo Compie oggi 57 anni Kevin Schwantz, pilota iconico del Motociclismo a cavallo tra gli...

Calcio

Intervista a Giorgio Martino, autore del libro “Rossi, Rossi, Rossi” Due chiacchiere con Giorgio Martino, per farci raccontare come è germogliato il progetto di...

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Calcio

Gli Europei e le scorie della Guerra Fredda Nel 1991 ho accompagnato la nazionale di calcio under 21 dell’allora Unione Sovietica in una delle...

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Compie oggi 60 anni Dirk Schlegel, il...

Motori

Fratelli di Montreal: quando il Gp del Canada parlava italiano Se non ci fosse stato il Covid-19, oggi in Formula Uno si sarebbe disputato...

Calcio

Aye, Mr President! – Quando Donald Trump stava per irrompere nel mondo del Calcio Compie oggi 75 anni Donald Trump, il magnate americano divenuto...

Calcio

Albino United: la squadra di calcio che combatte la stregoneria e la strage di innocenti in Africa Il 13 giugno di ogni anno ricorre...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Kim Vilfort, il meno importante dei miracoli – Lieve è il dolore che parla. Il grande, è muto –  Seneca I sopravvissuti non sono...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro