Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Mourinho, quei due partiti così fastidiosi

Mourinho, quei due partiti così fastidiosi

Due partiti, più che due correnti di pensiero e, “romanisticamente” parlando, vale sempre la pena precisare che non si appartiene a nessuna delle due. La sconfitta di Verona ha donato la ribalta a entrambe, soprattutto perché hanno avuto modo di esibire argomenti e motivazioni che avevano già in canna, per così dire, sin dallo sbarco di Mourinho nella Capitale.

Il primo partito lo definiremmo quello degli ipercritici a prescindere nei confronti del portoghese, che lo aspettavano al varco sin da quando ha varcato i cancelli di Trigoria; coloro che hanno dovuto attendere tre gare di Conference League e quattro di campionato per poter dire “Vedete? Non s’è inventato niente, è bollito, s’è capito che era un bluff…”. Prevedibili come le caditoie intasate alla prima pioggia autunnale.

Il secondo partito, in un certo senso ancora più pericoloso del primo, classicamente lo definiremo dei “più realisti del re”, vale a dire quelli che, qualsiasi cosa accada in campo, può essere colpa e responsabilità di chiunque tranne che del tecnico portoghese. Quindi, non si può in tutta serenità dire, giudicando episodio per episodio come dovremmo sempre fare, che a Verona Mourinho ha intasato la trequarti di attaccanti senza trovare una efficace chiave offensiva, perché automaticamente si peccherebbe di lesa maestà.

Sono due atteggiamenti egualmente provinciali, entrambi colpevoli del rallentamento sul percorso dell’acquisizione di una mentalità libera nei giudizi, ancora prima che vincente.

A cura di

Romano, 47 anni, voce di Radio Radio; editorialista; opinionista televisivo; scrittore, è autore di libri sulle leggende dello sport: tra gli altri, “Villeneuve - Il cuore e l’asfalto”, “Senna - Prost: il duello”, “Muhammad Ali - Il pugno di Dio”. Al mattino, insegna lettere.

Da non perdere

Calcio

Jean-Marie Pfaff, un sorriso tra i guanti Sai che c’è? C’è che se da ragazzino passi il tempo in una roulotte, nel centro di...

Calcio

Una piccola storia ignobile Il ragazzo, senegalese, quando prende palla è difficile fermarlo; sin dal primo tempo si alternano, gli avversari, nel tentare di...

Motori

François Cevert: una folata di vento Il 6 ottobre 1973 perdeva la vita a causa di un incidente durante il Gran Premio degli Stati...

Inchieste & Focus

Bisogna mettersi d’accordo, a un certo punto, anche se per noi non ce ne sarebbe bisogno: un campione va giudicato in base ai risultati...

Pugilato

Raccontami di Sugar Ray, di Scorsese e del revolver di Babbo Natale Il 19 Settembre 2017 ci lasciava a 95 anni Giacobbe LaMotta, meglio...

Calcio

A Ovest di Socrates: Gol e droghe di Walter Casagrande “Quando guardi a lungo nell’abisso l’abisso ti guarda dentro.”  Friedrich Nietzsche Cosa fosse più...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Con l’Armistizio firmato da Badoglio l’8 settembre del 1943, iniziava...

Calcio

Immobile, Cassano e i pareri “cattura titoli” Si può discutere di ogni cosa, di ogni aspetto e dell’utilità di ogni giocatore, in ambito tecnico....

Pugilato

Manny Pacquiao, il Re delle Filippine Gli aneddoti che potrebbe raccontare sulla sua infanzia nelle Filippine sono più numerosi dei metri quadri delle ville...

Calcio

Oronzo Pugliese, il Mago di Turi di un calcio che non esiste più Tutto ha inizio a Turi, 30 Km da Bari, Oronzo nasce...

Pugilato

Sandro Mazzinghi: i pugni sul ring, i cazzotti della vita Non c’erano di mezzo né il Milan né l’Inter, quel pomeriggio di fine maggio,...

Motori

Nuvolari, quel giorno d’agosto Tazio Nuvolari è una scia di polvere, una di quelle che non vedremo mai nelle corse moderne, che la maggior...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro