Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Mourinho, quei due partiti così fastidiosi

Mourinho, quei due partiti così fastidiosi

Due partiti, più che due correnti di pensiero e, “romanisticamente” parlando, vale sempre la pena precisare che non si appartiene a nessuna delle due. La sconfitta di Verona ha donato la ribalta a entrambe, soprattutto perché hanno avuto modo di esibire argomenti e motivazioni che avevano già in canna, per così dire, sin dallo sbarco di Mourinho nella Capitale.

Il primo partito lo definiremmo quello degli ipercritici a prescindere nei confronti del portoghese, che lo aspettavano al varco sin da quando ha varcato i cancelli di Trigoria; coloro che hanno dovuto attendere tre gare di Conference League e quattro di campionato per poter dire “Vedete? Non s’è inventato niente, è bollito, s’è capito che era un bluff…”. Prevedibili come le caditoie intasate alla prima pioggia autunnale.

Il secondo partito, in un certo senso ancora più pericoloso del primo, classicamente lo definiremo dei “più realisti del re”, vale a dire quelli che, qualsiasi cosa accada in campo, può essere colpa e responsabilità di chiunque tranne che del tecnico portoghese. Quindi, non si può in tutta serenità dire, giudicando episodio per episodio come dovremmo sempre fare, che a Verona Mourinho ha intasato la trequarti di attaccanti senza trovare una efficace chiave offensiva, perché automaticamente si peccherebbe di lesa maestà.

Sono due atteggiamenti egualmente provinciali, entrambi colpevoli del rallentamento sul percorso dell’acquisizione di una mentalità libera nei giudizi, ancora prima che vincente.

A cura di

Romano, 47 anni, voce di Radio Radio; editorialista; opinionista televisivo; scrittore, è autore di libri sulle leggende dello sport: tra gli altri, “Villeneuve - Il cuore e l’asfalto”, “Senna - Prost: il duello”, “Muhammad Ali - Il pugno di Dio”. Al mattino, insegna lettere.

Da non perdere

Calcio

Qualche mese fa Mimmo Carratelli ha scritto sul Guerin Sportivo che il Napoli era sulle tracce di Anguissa già sei anni fa ma che...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Motori

Gilles Villeneuve, l’eterno poeta innamorato del limite /E volta nostra poppa nel mattino,/ Dei remi facemmo ali al folle volo/ Sempre acquistando dal lato...

Pugilato

Muhammad Ali, in principio fu la bicicletta Quale ragazzino, negli anni Cinquanta, non avrebbe desiderato una bicicletta Schwinn? Una di quelle così belle e...

Pugilato

Tutte le vite di George Foreman – Quando Foreman iniziava a bombardare gli avversari con i suoi ganci, io chiudevo gli occhi. – Gianni...

Calcio

Pier Luigi Nervi, l’architettura al servizio dello sport Il 9 Gennaio 1979 moriva un maestro indiscusso della storia dell’architettura italiana, Pier Luigi Nervi, un innovatore nell’ambito...

Pugilato

Kid Chocolate, quando Cuba aveva un Re Cuba prima di Castro ebbe un re; il re si fermava per le strade dell’Havana con una...

Calcio

Milan-Roma: la distanza non è solo nei chilometri Oggi alle ore 18.30 si sfideranno a San Siro due squadre che rappresentano due città così...

Calcio

Wimbledon ’88, la gloria dei bastardi Per i 57 anni compiuti oggi da Vinnie Jones, vi raccontiamo in FA Cup della squadra più scorretta di...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Avrebbe compiuto ieri 93 anni uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone,...

Pugilato

Jarry Quarry, bianco per caso Vederlo davanti ad Ali, con i suoi passi prevedibili progressivamente invischiati nella ragnatela del più grande di tutti, fa...

Altri Sport

Andrej Kuznecov, ricordo di una stella cadente È una notte come tante sull’autostrada A14. E come tante altre volte, il silenzio è rotto dal...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro