Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Montserrat: tra San Patrizio e pallone, l’Irlanda dei Caraibi

[themoneytizer id=”27127-1″]

Montserrat: tra San Patrizio e pallone, l’Irlanda dei Caraibi

Il 17 marzo si festeggia San Patrizio, il santo protettore dell’Irlanda. Oggi tutto si tinge di verde nell’isola di Smeraldo, ma anche dall’altra parte dell’Oceano, nei Caraibi c’è chi ritiene questo giorno sacro. Siamo a Montserrat e, ovviamente, anche qui rotola un pallone…sotto al vulcano.

Il vecchio detto secondo il quale all’ombra di un vulcano cresce un po’ di tutto, può rendere bene l’idea di cosa sia la nazionale di calcio dell’isola di Montserrat. Il piccolo lembo di terra nel mare delle Antille, che ufficialmente non è una colonia britannica ma poco ci manca. Dato che la lingua ufficiale è l’inglese, con una grande influenza irlandese che ha lasciato in eredità alla popolazione del luogo, per lo più di origine africana, i tipici cognomi dell’Isola di Smeraldo e la Festa di San Patrizio.

Le radici iberniche si ritrovano anche nella bandiera, all’interno della quale è disegnato, oltre all’Union Jack britannica, uno stemma con una donna in abito verde che impugna un’arpa e una croce, tutti simboli della tradizione irlandese. L’inno nazionale invece è “God Save he Queen“. Senza dimenticare che il capitano, nonché anche allenatore della squadra di calcio Wayne Dyer è nato appunto in Inghilterra, nella città di Birmingham. Ed è rimasto uno dei pochi professionisti della rosa della nazionale, dato che il resto dei giocatori come primo lavoro svolge un’altra professione. Chi è un poliziotto, chi addirittura un ballerino, ma veramente in pochi vivono giocando a calcio.

C’è un po’ di tutto, insomma, nella nazionale di calcio di Montserrat, come se appunto ci trovassimo all’ombra di un vulcano. Che è poi è lo stesso, il Soufriere Hills, che nel 1995 sputò fuori tutta la lava che aveva costringendo gran parte della popolazione a rifugiarsi altrove. Distruggendo tra le altre cose, anche lo stadio di calcio. Che potè essere ricostruito soltanto grazie ai soldi che arrivarono sull’isola nell’ambito di “Progetto Goal”, il programma di aiuti economici che furono stanziati in seguito alla decisione dell’allora presidente federale Vincent Cassell, di iscriversi alla FIFA. Al ritorno nella grande famiglia del calcio mondiale però non seguirono mai i risultati sul campo. La nazionale di Montserrat infatti (che al momento occupa il 200esimo posto nel ranking della FIFA) soltanto dopo 7 anni è riuscita a vincere una partita amichevole (nel 2003 contro una formazione di dilettanti svizzeri) senza riuscire però, tuttavia, a vincere, fino ad oggi, anche solo una partita ufficiale. Piuttosto si ricordano le sconfitte, talvolta clamorose. Come la pioggia di gol subiti (ben 13 senza segnarne una) nella gara contro le Isole Bermuda del febbraio 2004.

Ma i momenti indelebili nella storia del calcio monserrino non sono mancati. Uno in particolare, che ha portato la nazionale della piccola isola centroamericana ad occupare le prime pagine dei giornali di tutto il mondo. Ossia la partecipazione, insieme alla nazionale del Bhutan (altra grande piccola del calcio mondiale) all’ “altra finale” disputatasi il 30 giugno del 2002. Quando, proprio in concomitanza, era in programma la finale dei mondiali di calcio, Germania-Brasile, quella del calcio cosiddetto “che conta”.

[themoneytizer id=”27127-28″]

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Dall’El Dorado ai Narcos: Inferno e Paradiso dei Millonarios di Bogotà Cinco y baile. Dopo il quinto gol, si balla. C’è stata una squadra...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Il 23 Gennaio 1939 moriva in circostanze misteriose Matthias Sindelar, il fenomeno austriaco che con il suo gesto...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Il Mistero Scaini: la triste storia di un ragazzo che non era Paolo Rossi Il 21 Gennaio 1983 se ne andava Enzo Scaini, il...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 18 Gennaio 2021 si festeggia negli Stati Uniti il Martin Luther King Day,...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Calcio

La cantina Nevio Scala: dalla panchina alle vigne Capolavoro in Emilia-Romagna. Tra calcio e buon vino Nevio Scala ha scritto un romantico romanzo di...

Calcio

A tu per tu con Ambra Lombardo tra calcio e spettacolo a Tiki Taka e non solo A tu per tu con la bellissima...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro