Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Montserrat: tra San Patrizio e pallone, l’Irlanda dei Caraibi

Montserrat: tra San Patrizio e pallone, l’Irlanda dei Caraibi

Il 17 marzo si festeggia San Patrizio, il santo protettore dell’Irlanda. Oggi tutto si tinge di verde nell’isola di Smeraldo, ma anche dall’altra parte dell’Oceano, nei Caraibi c’è chi ritiene questo giorno sacro. Siamo a Montserrat e, ovviamente, anche qui rotola un pallone…sotto al vulcano.

Il vecchio detto secondo il quale all’ombra di un vulcano cresce un po’ di tutto, può rendere bene l’idea di cosa sia la nazionale di calcio dell’isola di Montserrat. Il piccolo lembo di terra nel mare delle Antille, che ufficialmente non è una colonia britannica ma poco ci manca. Dato che la lingua ufficiale è l’inglese, con una grande influenza irlandese che ha lasciato in eredità alla popolazione del luogo, per lo più di origine africana, i tipici cognomi dell’Isola di Smeraldo e la Festa di San Patrizio.

Le radici iberniche si ritrovano anche nella bandiera, all’interno della quale è disegnato, oltre all’Union Jack britannica, uno stemma con una donna in abito verde che impugna un’arpa e una croce, tutti simboli della tradizione irlandese. L’inno nazionale invece è “God Save he Queen“. Quasi tutti i  giocatori come primo lavoro svolgono un’altra professione. Chi è un poliziotto, chi addirittura un ballerino, ma veramente in pochi vivono giocando a calcio.

C’è un po’ di tutto, insomma, nella nazionale di calcio di Montserrat, come se appunto ci trovassimo all’ombra di un vulcano. Che è poi è lo stesso, il Soufriere Hills, che nel 1995 sputò fuori tutta la lava che aveva costringendo gran parte della popolazione a rifugiarsi altrove. Distruggendo tra le altre cose, anche lo stadio di calcio. Che potè essere ricostruito soltanto grazie ai soldi che arrivarono sull’isola nell’ambito di “Progetto Goal”, il programma di aiuti economici che furono stanziati in seguito alla decisione dell’allora presidente federale Vincent Cassell, di iscriversi alla FIFA. Al ritorno nella grande famiglia del calcio mondiale però non seguirono mai i risultati sul campo. La nazionale di Montserrat infatti (che al momento occupa il 183esimo posto nel ranking della FIFA) soltanto dopo 7 anni è riuscita a vincere una partita amichevole (nel 2003 contro una formazione di dilettanti svizzeri) senza riuscire però, tuttavia, a vincere, fino ad oggi, anche solo una partita ufficiale. Piuttosto si ricordano le sconfitte, talvolta clamorose. Come la pioggia di gol subiti (ben 13 senza segnarne una) nella gara contro le Isole Bermuda del febbraio 2004.

Ma i momenti indelebili nella storia del calcio monserrino non sono mancati. Uno in particolare, che ha portato la nazionale della piccola isola centroamericana ad occupare le prime pagine dei giornali di tutto il mondo. Ossia la partecipazione, insieme alla nazionale del Bhutan (altra grande piccola del calcio mondiale) all’ “altra finale” disputatasi il 30 giugno del 2002. Quando, proprio in concomitanza, era in programma la finale dei mondiali di calcio, Germania-Brasile, quella del calcio cosiddetto “che conta”.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Fabrizio Frizzi e lo Sport: dal Bologna alla Nazionale Cantanti “Hai un amico in me. Un grande amico in me. Se la strada non...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 4 Aprile 1968 veniva assassinato a Memphis, Martin Luther King. Nello stesso periodo,...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Calcio

Sarnano, 1 Aprile 1944: Partigiani contro Nazisti 1 a 1 Il Primo Aprile 1944, in centro Italia, si sarebbe giocata una partita di calcio...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro