Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Moggi giornalista “garantisce” per Buffon: “Sono convinto, ha detto la verità”

Per la serie a volte ritornano, anche Luciano Moggi è tornato a parlare della “sua” Juve. E lo ha fatto, nella maniera a lui oggi più congeniale, quella del giornalista. Dato che, da qualche anno ormai, l’ex direttore generale della Juventus radiato dal calcio dopo l’inchiesta Calciopoli, è ospite fisso come editorialista sportivo sulle colonne di Libero. Ed è proprio da qui, dalle colonne del quotidiano diretto da Vittorio Feltri, che Moggi è voluto ritornare sul caso Buffon.

Scoppiato in seguito alle esternazioni del portiere juventino dopo la gara contro il Napoli. Al termine della quale, Buffon, all’interno dello spogliatoio avrebbe dichiarato a qualcuno (tra i compagni di squadra o dello staff) che “in Italia,  le squadre si scansano mentre in Europa no”. Una dichiarazione inquietante con quel verbo “si scansano” che ha fatto subito pensare ai tempi peggiori. Quando la Juve, come ci hanno appunto raccontato i processi, beneficiava dei “rapporti” che la “Triade” (Moggi-Giraudo e Bettega), che all’epoca guidava la società bianconera, vantava tra arbitri e dirigenti di federazione. Quella che i magistrati di Napoli definirono una vera e propria “associazione a delinquere” ritenendo che Luciano Moggi (condannato anche in Appello ma prescritto) ne fosse appunto uno dei promotori.

Ma tutto questo non ha impedito a Moggi di continuare a parlare di calcio sulle pagine dei giornali. Per questo che adesso, sulla vicenda che ha coinvolto Buffon, l’ex dg bianconero scrive su Libero che secondo lui, “conoscendo Gigi, è tutto vero” e che la Juve non avrebbe avuto bisogno di fare “comunicati che negassero una più che possibile verità” (riferendosi al comunicato di smentita diffuso dalla Juve qualche ora più tardi lo scoppio del caso sulle pagine della Gazzetta dello Sport). Ma quel “tutto vero” scritto da Moggi, a che cosa si riferisce?  Al fatto che la Juve, beneficerebbe ancora di qualche favore di cui Moggi sarebbe a conoscenza? Niente affatto. Piuttosto, secondo Big Luciano, il fatto che le squadre si scansino sarebbe dovuto alla paura che la Juve infonde nei loro confronti. Ed è per questo, come scrive sempre Moggi, che in Italia “capita che allora qualche allenatore (Moggi fa il nome di Giampaolo della Samp) ritenga opportuno preservare alcuni titolari per l’incontro successivo”.

Dunque, secondo il Moggi pensiero, molte squadre italiane, quando incontrano la Juve, anziché schierare la formazione migliore preferirebbero risparmiare qualche pedina importante, come se già avessero perso in partenza. Meglio quindi pensare direttamente alla partita successiva. Secondo Moggi inoltre, un caso come quello di Giampaolo “non sarà il solo da qui alla fine del torneo”. E se lo dice uno come Moggi, la domanda sorge spontanea: sarà tutto vero anche stavolta?

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    edward

    Novembre 10, 2016 at 2:00 pm

    LE MINACCE DELLA CAMORRA ALL’ALLENATORE DEL NAPOLI

    Come si potrebbe spiegare diversamente la sostituzione di Insigne in Juventus-Napoli del 29 ottobre scorso? Perché la camorra? Perché c’era sicuramente una notevole dose di scommesse clandestine a favore del Napoli e Insigne,in forma e deciso
    com’era,avrebbe portato il Napoli dal pareggio alla vittoria.
    Si spiegano in tal senso le proteste di iInsigne per la sostituzione inattesa. La sconfitta del Napoli fu accolta con sollievo da Sarri.

  2. Avatar

    Costantino Le voci

    Novembre 10, 2016 at 3:58 pm

    Solo un giornale di autentica merda diretto da uomo di merda può fare scrivere Moggi

    • Avatar

      Gianni F

      Novembre 10, 2016 at 9:25 pm

      Sorroscrivo!

    • Avatar

      salvatorebaiano62

      Novembre 12, 2016 at 9:41 am

      Concordo pienamente e su tutti i fronti…Inoltre, sull’ “endorsment” di Moggi a Buffon, dalle mie parti si usa dire: Per salvare l’Agnello, lo affidiamo alle fauci del Lupo (in dialetto suona molto più divertente)

  3. Avatar

    Brazov

    Novembre 10, 2016 at 4:53 pm

    Mi associo al commento di Costantino.

  4. Avatar

    maurizio

    Novembre 10, 2016 at 5:41 pm

    vero solo milan e inter hanno giocato con la formazione migliore.se buffon nn sa esprimersi in italiano è meglio stia zitto.

  5. Avatar

    gian

    Novembre 11, 2016 at 2:04 am

    una bella copia buffon e moggi ,lasciamo perdereche e’meglio

  6. Avatar

    Umberto

    Novembre 11, 2016 at 1:38 pm

    Moggi è ancora dentro la Juve, lo si vede spesso in tribuna allo Juventus Stadium. Ovviamente in posizione più defilata e senza incarichi ufficiali. Ma ha ancora parecchia influenza nella società che ha contribuito a spedire in serie B appena dieci anni fa…

  7. Avatar

    Pietro paolo

    Novembre 11, 2016 at 2:17 pm

    È poi parliamo di campionato?

  8. Avatar

    carlo

    Novembre 11, 2016 at 2:56 pm

    il ondannato garantisce per buffon? forse mi son perso un passaggio …

  9. Avatar

    marcello bartolini

    Novembre 12, 2016 at 10:12 am

    solo in italia si riesce ancora a far parlare di calcio un tipo come Moggi, poi di Buffon che dire? un uomo che si gioca milioni per scommesse, è veramente scandaloso e vergognoso, mi piacerebbe fare una domanda ai tifosi della juve,,come si può tifare una squadra che ha sempre rubato, che gusto ci si prova?

  10. Avatar

    beppe

    Novembre 12, 2016 at 10:29 am

    E’ L’Italia questa…………….Moggi che fa da “garante” per Buffon!!!!!!!

  11. Avatar

    Marcello

    Novembre 12, 2016 at 7:18 pm

    Ma quante cazzate!!!! Certo che questo giornale filo interista ogni volta che c’è una minima vocetta sulla Juve ci si attacca!!! Ma cosa dite che si scansano? da sempre la juve è la squadra più amata, ma anche la più odiata! Gli avversari si dannano l’anima fino al 90 e combattono come leoni quando giocano contro la juve mentre con le altre squadre passeggiano ( questo è quello che ha detto anche Buffon ). Quindi finitela con le solite frasi da perdenti. Avete fatto un orgia per una volta, ma non tromberete più tutta la vita; avete fatto di una mezza cartuccia lo spezial one!!!! Questi sono i giornalai Italiani che ti raccontano quello che vogliono far credere. Ma è questo che ci meritiamo,… e qui parliamo in ambito sportivo ma alla fine è lo specchio dell’Italia.

  12. Avatar

    THX1138

    Novembre 13, 2016 at 8:53 am

    Invece di ostinarsi a pubblicare articoli insulsi, inutilmente diffamatori di una squadra che ha reso lustre il calcio nazionale in Italia e all’estero, FQ dovrebbe occuparsi del calcio giocato, della nazionale, del prossimo 6° scudetto consecutivo della Juventus, evitando di puntare l’attenzione solo su Roma e Inter. Altrimenti, questo lettore abbandonerà questo giornale.

  13. Avatar

    rescallig

    Novembre 13, 2016 at 10:31 am

    direi che è una buffonata

  14. Avatar

    burruchela

    Novembre 14, 2016 at 8:28 am

    si dovrebbe vergognare il direttore che lo ospita come editorialista uno che a messo in rotta di collisione tutto il calcio italiano oltre gli altri personaggi che non sono stati scoperti che ancora tramano ed anche televisioni sia private che pubbliche lo ospitano come personaggio di grande spessore dovrebbe sparire dalla vita del calcio italiano lui e tutti quelli come lui

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Per il Giorno della Memoria vi raccontiamo la storia di Erno Erbstein, leggendario allenatore del...

Calcio

Andrej Kanchelskis, storia di una sfortuna infinita Compie oggi 52 anni Andrej Kanchelskis, il calciatore russo arrivato in Italia per spaccare il mondo, finito...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 16 gennaio 1924 nasceva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Calcio

A tu per tu con Igor Protti, lo Zar del Goal Abbiamo intervistato Igor Protti, bomber che ha militato in diverse squadre quali Rimini,...

Calcio

La cantina Nevio Scala: dalla panchina alle vigne Capolavoro in Emilia-Romagna. Tra calcio e buon vino Nevio Scala ha scritto un romantico romanzo di...

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra “Grande personalità, spiccate doti di comando, incuteva soggezione e a tratti anche...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 34 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato tre anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Calcio

La coppa fantasma: quella finale tra Udinese e Atalanta senza trofeo… La coppa fantasma. Fin dal giorno della sua assegnazione. Dove nessuno la vide...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro