Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il Modello Atalanta: quando le “odiate” plusvalenze fanno bene

[themoneytizer id=”27127-1″]

Il Modello Atalanta: quando le “odiate” plusvalenze fanno bene

L’effetto Gasperini si fa sentire, in campo ma anche fuori. Arrivato sulla panchina della Dea nel 2016, in 3 anni si è da tempo preso un posto nella storia del club bergamasco e soprattutto dei tifosi. Prima la qualificazione in Europa League, poi quella storica e indimenticabile in Champions League nella passata stagione unita alla conquista della finale di Coppa Italia. In quella attuale l’inesperienza europea ad alti livelli si è fatta subito sentire e sono arrivati degli schiaffoni ma poco importa.

In Italia, invece, gli orobici sono quasi ingiocabili. Ventuno punti fatti in 11 giornate, meno 8 dalla vetta, con trenta goal all’attivo che significa miglior attacco della serie A. La scorsa domenica è arrivato l’inatteso stop contro il Cagliari rivelazione di Maran, ma la squadra di Gasperini sembra ormai essere una realtà consolidata per le zone alte del campionato italiano.

Anche dal punto di vista economico, il presidente Percassi deve molto al suo tecnico capace di innovare, esaltare e valorizzare la rosa a disposizione. Gli 8 contro 8 a tutto campo per allenarsi in modo super intenso, chiedere a Skrtel, sono già un must a Coverciano.

Proprio questa intensità, una volta trasportata sul campo, ha portato a grandi prestazioni da parte dei singoli e dal 2017 ad oggi il bilancio dell’Atalanta ha visto un gettito di soldi continuo alla voce cessioni che hanno registrato alte plusvalenze.

Kessie, Gagliardini, Conti, Caldara, Bastoni, Cristante, Mancini e Petagna: cessioni che hanno fatto la fortuna dell’Atalanta nelle ultime annate e che sono valse una cifra intorno ai 200 mln.

E non è finita qui. Al di là di come finirà questa stagione, se ci sarà di nuovo qualificazione in Champions o meno, la rosa è ancora preziosa se si pensa a Gollini, Toloi, Gosens, Castagne, Hateboer, De Roon, Freuler, Pasalic, Zapata, Muriel e Malinovskyi che, valutazioni transfermarkt alla mano, valgono altri 190 mln di euro.

Una lezione per tutti coloro che ritengono le plusvalenze il vero problema della mancata crescita di club ambiziosi. L’Atalanta, pur vendendo in ogni sessione molti dei suoi gioielli più preziosi, è riuscita a trovare le alternative giuste, far sbocciare i talenti e dare continuità a un processo di acquisti e cessioni in grado di alzare l’asticella anno dopo anno.

Il modello Atalanta, la piccola Ajax dello stivale, funziona e come sia dal punto di vista economico ma soprattutto sportivo. Il sogno di tutte le società che si autofinanziano ha visto la sua realizzazione e ha tracciato la strada. Gli ingredienti principali? Rosa di atleti, professionisti, corsa, intensità, e un grande tecnico innovatore ed insegnante di calcio in panchina.

[themoneytizer id=”27127-28″]

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Facebook

Da non perdere

Calcio

La nascita della Coppa dei Campioni Si giocherà questa sera la finale di Champions League 2020-21 tra Manchester City e Chelsea. Per l’occasione vi...

Calcio

Francesco Totti: le tappe indimenticabili della storia del Capitano Il 28 Maggio 2017 si ritirava Francesco Totti, l’eterno Capitano della Roma. Riviviamo tutte le...

Calcio

Manchester United – Bayern Monaco, gli ultimi minuti dell’ultima Champions del XX Secolo Il 26 maggio 1999 al Camp Nou di Barcellona va in...

Calcio

Manchester United – Chelsea, 2008: la Coppa di Sua Maestà Il 21 Maggio 2008 a Mosca va in scena la Finale di Champions League...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Altri Sport

Le Origini del Giro: La storia della mitica Corsa Rosa Inizia domani alle ore 12 l’edizione 104 del Giro D’Italia, con partenza da Torino...

Calcio

Storia, Disciplina e Onore: CSKA, viaggio nello Sport dell’Armata Rossa Il 29 Aprile 1929 nasceva la Polisportiva CSKA, massima espressione dello Sport dell’Unione Sovietica...

Calcio

Quello a cui stiamo assistendo negli ultimi giorni rappresenta uno dei punti più bassi che il calcio ci ha offerto nelle ultime decadi. Una...

Calcio

Il 10 Aprile 2018 allo Stadio Olimpico la Roma compie una delle più grandi imprese della sua storia battendo il Barcellona per 3 a...

Calcio

Ciao Mondo Sono già passati 3 anni da quando Emiliano Mondonico ci ha salutato dopo una dura battaglia contro il cancro. Un allenatore unico...

Calcio

Edin Dzeko, il Diamante di Sarajevo Compie oggi 35 anni Edin Dzeko, centravanti bosniaco della Roma che dopo aver vissuto in prima persona i...

Calcio

Jock Stein, il destino del minatore che salì sul tetto d’Europa La storia di John “Jock” Stein inizia nel lontano 1922 a Burnbank, nel...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro