Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Milan: Gli occhi dell’amore (per il calcio) non hanno bisogno di guardare

[themoneytizer id=”27127-1″]

Milan: Gli occhi dell’amore (per il calcio) non hanno bisogno di guardare

Chi ha qualche anno si ricorda ancora l’emozione di ascoltare le gesta della propria squadra del cuore alla radio, con i sapienti radiocronisti di tutto il calcio minuto per minuto che non si perdevano e non ti facevano perdere un dettaglio.

E poi quando arrivava il boato dello stadio e se giocavi in casa speravi fosse il tuo campo perchè voleva dire che avevi segnato se invece, la tua squadra era in trasferta, saliva un terrore da gelare il sangue. Mi piace pensare che forse anche grazie a quello eravamo una generazione in grado di immaginare e quindi sognare. Oggi con le televisioni, si è diluito non solo il livello dei dettagli del racconto ma vista la facilità di fruizione anche l’interesse e la passione per un calcio sempre meno popolare e sport ma più elitario e business.

Ci sono persone che però l’avvento delle immagine non le ha toccate minimamente e per tutta la vita saranno incollate alla radiolina in attesa del goal della propria squadra. Sono le persone ipovedenti afflitte da cecità.

Per questo grazie all’Istituto dei Ciechi di Milano, già dalla scorsa partita in casa contro il Frosinone ma soprattutto dalla prima giornata della prossima stagione, il Milan ha aperto un settore apposito per gli ipovedenti vicino al campo per fargli sentire dal vivo il boato quando un goal viene segnato.

Nel passato ha stretto il cuore di tutti il video del tifoso argentino che non vede ma che non si perde una partita affianco al figlio che gliela racconta secondo per secondo.

Anche a San Siro sarà lo stesso: ci sarà una traccia audio da parte di un radiocronista formato dall’Istituto  e anche gli steward, anche loro formati dall’istituto che assisteranno i tifosi ipovedenti prima durante e dopo la partita.

Un’iniziativa stupenda, un processo di inclusione doveroso che speriamo anche le altre società seguano nel futuro e di cui il nostro calcio aveva davvero bisogno.

[themoneytizer id=”27127-28″]

A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 25 luglio 1943 terminava il Regime Fascista, ponendo fine alla dittatura di Benito Mussolini, un...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il Madagascar, al giorno d’oggi, è conosciuto per essere la...

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

La chiamarono la Guerra del Calcio Il 14 Luglio 1969 iniziava quella che viene definita la “Guerra del Calcio” tra Honduras e El Salvador....

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

La C2 del Licata e le origini di “Zemanlandia” Dilectissima. Così nel XIII° secolo Federico II di Svevia appellò Licata, cittadina in provincia di...

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro