Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Melbourne Cricket Ground, quando in Australia lo Stadio è un Santuario

“The next station is Jolimont”. Si scende. Banchina con struttura in mattoni rossi di inizio Novecento, all’orizzonte i grattacieli del CBD di Melbourne. Cinque minuti a piedi nel verde australiano e si è di fronte al monumento di maggior prestigio e importanza. È uno stadio e molto di più. Imponente come una montagna, da lasciare senza fiato. È il Melbourne Cricket Ground (MCG).

Costruito a partire dal 1853, 19 anni dopo la fondazione di Melbourne, è considerato l’anima della città. Il santuario d’Australia, dove sport, cultura e religione spesso si confondono in un’unica fede.

Il MCG sorge sulla riva destra del fiume Yarra, nella zona sportiva del Melbourne Sports and Entertainment Precinct, vicino alla Rod Laver Arena, alla Hisense Arena e all’AAMI Park.

L’impianto è a poca distanza da Federation Square (circa 1 km), centro della città, e dalla stazione principale, Flinders Street station, ed è servito da due linee metro dedicate (Jolimont, nota anche come MCG station, e Richmond), da diverse linee tranviarie, bus e perfino taxi d’acqua.

È lo stadio più grande d’Australia e dell’emisfero meridionale, il decimo a livello mondiale e il più grande stadio di cricket al mondo.

Nella lontana metà dell’Ottocento il Melbourne Cricket Club (MCC), uno dei club sportivi più antichi del Paese, costretto a trasferirsi a causa dello sviluppo della ferrovia, scelse l’area di Birrarung Marr, appartenuta alla originaria popolazione aborigena dei Wurundjeri, come luogo ideale per la costruzione del proprio campo. Tuttora il MCC ha sede all’interno dello stadio. Le prime gradinate per il pubblico risalgono al 1861 (6.000 posti). Da allora si sono susseguiti diversi ampliamenti per ospitare i più grandi eventi d’Australia. Nel 1877 si è tenuto il primo Test cricket della storia tra Australia e Inghilterra. Dal 1859 l’impianto ospita anche le partite di football australiano. Durante la Seconda Guerra Mondiale, tra il 1942 e il 1945, è stato campo base dell’aviazione e del corpo dei Marines statunitensi e della Royal Australian Air Force (RAAF).

Le Olimpiadi del 1956 sono state indubbiamente il momento più importante, per le quali la capienza è stata portata fino a 120.000 posti. Nel 1970, in occasione della VFL Grand Final di football australiano tra Carlton and Collingwood, si è registrata la maggiore affluenza, 121.696 spettatori. L’anno seguente, nel 1971, il campo ha ospitato il primo One Day International di cricket. Ulteriori modifiche sono state effettuate per la Cricket World Cup del 1992 e per i Giochi del Commonwealth del 2006, con ridimensionamento della capienza agli attuali 100.024 posti.

Oggi, lo stadio è sede di diversi eventi sportivi e non solo. Cricket e football australiano prima di tutto, ma anche atletica, baseball, hockey su prato, calcio, rugby, rugby league nonché concerti e avvenimenti di rilievo internazionale. Ogni anno, il 26 dicembre, si tiene il Boxing Day Test match che attira migliaia di tifosi ed è pura tradizione australiana.

Durante la stagione di AFL, è l’indiscutibile punto di riferimento per milioni di tifosi, che si riversano a seguire le partite delle diverse squadre che giocano in questo impianto (Carlton, Collingwood, Hawthorn, Melbourne FC, Richmond) fino all’evento dell’anno in Australia, il rituale conclusivo, la Grand Final, che si svolge qui fin dal 1902.

Ma il MCG è più di uno stadio. È un luogo mistico, nel quale gli australiani riscoprono le proprie radici e riaffermano i propri valori. All’interno è situato il National Sports Museum, ricco di cimeli e pietre miliari della storia sportiva del Paese, che comprende l’Australian Gallery of Sport and Olympic Museum e le Hall of Fame dello sport australiano, di cricket e di AFL.

Dal 2005 fa parte dell’Australian Heritage ed è considerato monumento nazionale. È aperto al pubblico tutti i giorni ed è meta di turisti da ogni parte del mondo. The ‘G, come è colloquialmente chiamato con reverenza e affetto dagli abitanti di Melbourne, è un luogo dove si respira sport e storia ad ogni passo, dove sogni e ricordi vivono nelle statue delle leggende e nelle targhe commemorative.

È un santuario e i giocatori sono eroi moderni. In Australia, terra di sport.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Lo sciagurato Egidio, eroe per un giorno ma non per caso Compie oggi 68 anni Egidio Calloni, ex centravanti del Milan che divenne suo...

Calcio

Totò Schillaci: “Vi racconto la mia vita, quella vera” In occasione dei 56 anni compiuti oggi da Totò Schillaci, vi riproponiamo l’intervista che fece...

Calcio

La partita nella piazza Rossa che decise il destino del calcio in Russia Quando si viene a Mosca non si può rinunciare ad una...

Calcio

Dieci e non più dieci Germogliano i fiori, in mezzo ai rifiuti,  Per ogni rimbalzo che resta immacolato; Tra terra battuta, tra il fango e...

Pugilato

Ron Lyle: storia del Campione che sbagliò epoca Il 26 novembre 1941 moriva Ron Lyle, il pugile afroamericano la cui storia insegna che, a...

Calcio

Jan Jongbloed: c’erano una volta un tabaccaio, un pescatore e un portiere di calcio Compie oggi 80 anni Jan Jongbloed, storico portiere di quella...

Pugilato

Hector Macho Camacho: Commediante, eccentrico, imprevedibile, volubile Il 24 Novembre 2012 a seguito di una sparatoria moriva Hector Camacho, un pugile unico nel suo...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Il 21 novembre 1894 nasceva a Budapest Géza Kertész, il calciatore e allenatore...

Calcio

Mistero Bergamini: Cronaca di un suicidio che non è mai accaduto Il 19 Novembre 1989 l’Italia del calcio e non solo si svegliava con...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il passaggio dall’infanzia all’adolescenza e infine all’età adulta è lastricato...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro