Connect with us

Cerca articoli

Sport & Diritti

Max Hooper, l’abbraccio al padre malato che ha commosso l’America

Dall’ America arriva una storia tipicamente a stelle e strisce, fatta di famiglie lontane e di tristezza, quelle tipiche storie del Sud degli Stati Uniti (anche se è l’assolata California di Baywatch e non il desertico New Mexico di Breaking Bad) che trovano tutta la propria forza nella voglia di far qualcosa di grande, di indelebile. Ci è riuscito Max Hooper, un giocatore specialista nei tiri da 3 della NCAA che ha giocato qualche giorno fa la sua ultima partita al college con Oakland University, che si trova a Detroit, nel Michigan, e non in California come la squadra che fu di John Madden.

Max Hooper ha un padre, Chip, ricoverato in California per un tumore, un male con cui il povero Hooper Senior combatte da ormai 4 anni e che ha visto aggravarsi di molto la sua condizione fisica ad ottobre perché ha avuto un ictus.

Venerdì 26 Febbraio una chiamata nel cuore della notte sveglia Max. Una chiamata nel cuore della notte non è mai una buona notizia ma a telefono sente la voce del padre: “Max, figlio mio, venerdì sarò all’Athletic Center O’Rena per la tua Senior Night“. Silenzio. Max Hooper, il numero 10 di Oakland University, che di lì a poco avrebbe giocato la sua Senior Night, ovvero l’ultima partita casalinga prima di lasciare il college, aveva un sogno: avere suo padre in tribuna a vedere un suo match e a fare il tifo per lui e solo quel cancro, quel maledettissimo cancro, aveva tenuto Chip lontano dal figlio per i 4 anni di università ma alla Senior Night non ha voluto mancare, realizzando il sogno di suo figlio, e così ha fatto un viaggio da Carmel, California a Rochester, Michigan: oltre 4000 chilometri, oltre 7 ore di volo.

Al suono della sirena finale, mentre gli altri si salutavano e si congratulavano tra di loro, Max è corso in tribuna per abbracciare suo padre, che ha assistito alla partita da un letto d’ospedale trasportato appositamente all’interno del palazzetto. Un abbraccio che ha commosso migliaia di persone in tutto il mondo. Un abbraccio, tra un padre ed un figlio, che condividono la passione per la palla a spicchi, e l’amore che provano l’uno per l’altro.

FOTO: www.freep.com

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 22 ottobre 1964 nasceva Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una fiamma...

Altri Sport

Paul Allen: storia del Genio tifoso innamorato dello Sport Genio, rivoluzionario, magnate, filantropo. Non bastano le parole, gli aggettivi. Scrivo. Meglio: pigio i tasti...

Altri Sport

Seve Ballesteros e il Miracolo di Medinah 2012 Il 30 Settembre 2012 a Medinah, in Illinois, il Team Europe di golf conquista la Ryder...

Calcio

Happel, Vilanova e Maestrelli: Storie di Vita, Storie di Sport Avrebbe compiuto oggi 53 anni Tito Vilanova, compianto allenatore del Barcellona, portato via da...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 7 Settembre 2008 moriva a El Paso, in Texas, Don Haskins, leggenda del...

Basket

Alphonso Ford: l’ultimo palleggio del Puma Il 4 Settembre 2004 moriva Alphonso Ford, uno dei più forti cestisti che abbiamo potuto ammirare nel basket...

Basket

Kobe e Gianna: come te lo immagini il paradiso? Avrebbe compiuto oggi 43 anni Kobe Bryant, fenomenale quanto sfortunato cestista NBA, scomparso lo scorso...

Basket

Mahmoud Abdul Rauf: il cecchino del Mississippi che ce l’aveva con gli Stati Uniti Washington, 14 marzo 1996. Va di scena il match NBA...

Basket

Brandon Roy, il raffinato killer dalle ginocchia di cristallo Ha compiuto ieri 38 anni Brandon Roy, uno dei talenti più forti della NBA recente,...

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Basket

A tu per tu con Charlie Recalcati, la leggenda del basket italiano La riapertura parziale al pubblico degli eventi sportivi, che procede di pari...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il 19 Giugno 1986 una overdose di cocaina interrompe il...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro