Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco

“Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa citazione indietro nel tempo, alla gomitata di Mauro Tassotti a Luis Enrique durante il Mondiale di Usa ’94. Perché a inizio carriera l’ex terzino e per tanti anni allenatore in seconda del Milan era noto soprattutto per la sua irruenza.

Nato a Roma nel 1960, grazie a Nils Liedholm migliorò molto sul piano tecnico per poi diventare con Sacchi e Capello uno dei migliori terzini destri al mondo. In occasione della vittoria in Coppa Campioni del 1989, Adalberto Bortolotti scrisse sul Guerin Sportivo: “Un Tassotti a volte brasiliano nel tocco e nell’allungo”. Al Camp Nou il suo traversone fu preciso per il raddoppio rossonero di Van Basten, ed era stato lui a crossare per il ‘Cigno di Utrecht’ nella semifinale d’andata al Bernabeu.

Il 18 maggio ’94, con la squalifica di Franco Baresi, da capitano sollevò al cielo di Atene la quinta ‘coppa dalle grandi orecchie’ della storia milanista, la terza della presidenza Berlusconi. In diciassette stagioni da giocatore del Diavolo ha conquistato diciassette titoli (senza considerare due campionati di Serie B e una Coppa Mitropa).

Tanti successi anche in panchina come vice di Ancelotti. Due al fianco di Allegri, ovvero quelli di Ibrahimovic… L’ultima partita a trentasette anni, al Meazza di fronte al Cagliari nel 1997: e proprio contro il ‘Casteddu’ qualche stagione prima era iniziato il record d’imbattibilità di Sebastiano Rossi, durato due decenni.

Grazie anche a Mauro Tassotti.

A cura di

Da non perdere

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Calcio

Viv Anderson, il primo Leone nero della Storia d’Inghilterra Il 29 Luglio 1956 nasceva Viv Anderson, il calciatore rimasto nella storia dello Sport per...

Calcio

Bruno Pesaola, il Petisso Ieri 28 luglio ricorreva il giorno in cui nasceva nel lontano 1925 Bruno Pesaola, argentino di nascita, napoletano d’adozione. Il...

Calcio

Slavisa Zungul, il Maradona del Calcio Indoor Compie oggi 67 Slavisa Zungul, un nome ed un cognome che a tanti milioni di appassionati di...

Calcio

Chilavert non si giudica dalla copertina Compie oggi 56 anni José Luis Chilavert, leggendario portiere del Paraguay. Per celebrarlo vi raccontiamo un aneddoto davvero...

Calcio

21-6-1978, Argentina-Perù: Marmellata rosso sangue Se è vero che ogni edizione della Coppa del Mondo ha avuto il suo sottoscala, lo sgabuzzino dove si...

Pugilato

Giraldo Córdova Cardín, il pugile rivoluzionario morto per Cuba Il 26 Luglio 1953 in occasione dell’assalto alla caserma Moncada, perde la vita il pugile...

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 25 luglio 1943 terminava il Regime Fascista, ponendo fine alla dittatura di Benito Mussolini, un...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il Madagascar, al giorno d’oggi, è conosciuto per essere la...

Basket

Brandon Roy, il raffinato killer dalle ginocchia di cristallo Ha compiuto ieri 38 anni Brandon Roy, uno dei talenti più forti della NBA recente,...

Altri Sport

A tu per tu con Igor Cassina, il ginnasta venuto dallo spazio Con mille imprevisti e diecimila difficoltà siamo arrivati alla partenza di questa...

Calcio

Sandor Kocsis, una storia nella Storia Continuiamo a commettere l’errore di giudicare la storia di una vita dalla sua durata, senza mai fermarci a...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro