Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

Matteo Berrettini: testa e colpi da Campione

Matteo Berrettini: testa e colpi da Campione

Che sia finalmente il giocatore che il tennis italiano aspetta da tempo? Quel giovane talento che comincia a presentare le carte in regola per rimanere costantemente nei piani alti della classifica mondiale? Lui è il 22enne Matteo Berrettini e vedendo come ha iniziato il 2019 si prospetta un anno proficuo e pieno di soddisfazioni per il giocatore romano.

Dopo aver chiuso il 2018 con la sconfitta contro Bautista Agut (6-4 6-4) al Qatar Open ed essere tornato in campo a gennaio al torneo di Auckland Open (sconfitto agli ottavi da Leonardo Mayer) in Australia, a Melbourne, ha fatto intravedere i primi sentori di un’aria nuova, fresca e pulita. Contro una delle stelle del futuro prossimo del tennis, Tsitsipas è riuscito a complicargli i piani più del previsto, vincendo il primo set 7-6 e creandogli dei grattacapi nei successivi tre set vinti dal greco (6-4 6-3 7-6). “Era un match difficile sin dalla vigilia – ha detto il romano a fine match – e non ho fatto una partita grandiosa ma il lato positivo è che pur non avendo giocato al massimo gli sono sempre stato attaccato e ho anche avuto le mie chance. Di sicuro devo crescere alla risposta e ci sto lavorando ma il livello per giocare con giocatori di così alto livello c’è”.

Dopo aver fatto tesoro di questa sconfitta e rafforzato i punti deboli, con l’arrivo di febbraio ha cambiato pagina. Infatti, al Sofia Open ha messo in campo tutto il suo talento battendo rispettivamente, Istomin, Verdasco e Khachanov, arrendendosi solamente in finale a Fucsovics. Galvanizzato dagli ottimi risultati messi a segno in Russia e in uno stato di forma più che buono, il giovane tennista si è presentato al torneo Open 13 di Marsiglia e ha continuato a impressionare, battendo il francese Chardy con un doppio 7-6 e perdendo 6-3 7-6 dal Next Gen Rublev agli ottavi di finale.

In attesa di entrare nel vivo della stagione, il romano sta dimostrando che non gli manca nulla per salire ulteriormente la classifica (attualmente è numero 48 del mondo) e guadagnarsi il posto di miglior tennista italiano.

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Sandor Kocsis, una storia nella Storia Continuiamo a commettere l’errore di giudicare la storia di una vita dalla sua durata, senza mai fermarci a...

Calcio

Mercoledì 18 giugno 1986: El Buitre è tutto qui. Quattro reti, quattro perle. Un poker di istantanee che racchiudono l’identikit calcistico di Emilio Butragueño....

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Storie di Sport

Arthur Ashe, il tennista con una missione Ognuno di noi, che ne sia conscio o meno, ha una missione, un obiettivo che diventa il...

Calcio

Armando Picchi: cuore, sangue e anarchia Il suo nome nel cuore dei vecchi interisti è sinonimo di leggenda. Il suo ricordo è legato all’Inter...

Altri Sport

Michael Phelps: lo Squalo che doveva solo essere capito Compie oggi 36 anni Michael Phelps, da molti considerato il più grande nuotatore di sempre....

Calcio

Borgonovo e gli altri: vittime innocenti della Sla, la malattia dei calciatori Il 27 giugno 2013 ci salutava Stefano Borgonovo. La causa della morte...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, scomparso 2 anni fa, che oggi avrebbe compiuto 52 anni....

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Storie di Sport

Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio vissuto nell’eccesso Compie oggi 65 anni il fenomeno del Tennis Bjorn Borg. Un uomo di ghiaccio che nascondeva una...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro