Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

Matteo Berrettini: testa e colpi da Campione

Matteo Berrettini: testa e colpi da Campione

Che sia finalmente il giocatore che il tennis italiano aspetta da tempo? Quel giovane talento che comincia a presentare le carte in regola per rimanere costantemente nei piani alti della classifica mondiale? Lui è il 22enne Matteo Berrettini e vedendo come ha iniziato il 2019 si prospetta un anno proficuo e pieno di soddisfazioni per il giocatore romano.

Dopo aver chiuso il 2018 con la sconfitta contro Bautista Agut (6-4 6-4) al Qatar Open ed essere tornato in campo a gennaio al torneo di Auckland Open (sconfitto agli ottavi da Leonardo Mayer) in Australia, a Melbourne, ha fatto intravedere i primi sentori di un’aria nuova, fresca e pulita. Contro una delle stelle del futuro prossimo del tennis, Tsitsipas è riuscito a complicargli i piani più del previsto, vincendo il primo set 7-6 e creandogli dei grattacapi nei successivi tre set vinti dal greco (6-4 6-3 7-6). “Era un match difficile sin dalla vigilia – ha detto il romano a fine match – e non ho fatto una partita grandiosa ma il lato positivo è che pur non avendo giocato al massimo gli sono sempre stato attaccato e ho anche avuto le mie chance. Di sicuro devo crescere alla risposta e ci sto lavorando ma il livello per giocare con giocatori di così alto livello c’è”.

Dopo aver fatto tesoro di questa sconfitta e rafforzato i punti deboli, con l’arrivo di febbraio ha cambiato pagina. Infatti, al Sofia Open ha messo in campo tutto il suo talento battendo rispettivamente, Istomin, Verdasco e Khachanov, arrendendosi solamente in finale a Fucsovics. Galvanizzato dagli ottimi risultati messi a segno in Russia e in uno stato di forma più che buono, il giovane tennista si è presentato al torneo Open 13 di Marsiglia e ha continuato a impressionare, battendo il francese Chardy con un doppio 7-6 e perdendo 6-3 7-6 dal Next Gen Rublev agli ottavi di finale.

In attesa di entrare nel vivo della stagione, il romano sta dimostrando che non gli manca nulla per salire ulteriormente la classifica (attualmente è numero 48 del mondo) e guadagnarsi il posto di miglior tennista italiano.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Altri Sport

A tu per tu con Fiona May, la Regina del Salto in lungo Momenti frenetici quelli che si stanno vivendo all’inizio di questa primavera...

Calcio

Lo scorso 6 aprile è stato il trentesimo anniversario dal primo ritorno di Roberto Baggio a Firenze da avversario. Il ‘Divin Codino’ alla Juventus...

Storie di Sport

Arthur Ashe, il tennista con una missione L’8 aprile 1992 il tennista afroamericano Arthur Ashe dichiarava al mondo intero la sua sieropositività a causa...

Interviste

A tu per tu Roberto Cammarelle, il signore del ring Partita con l’accensione del simbolico braciere a Fukushima l’edizione numero trentadue dei Giochi Olimpici...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Il 6 aprile 1956 nasceva Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa tennista afroamericana che...

Calcio

Sarnano, 1 Aprile 1944: Partigiani contro Nazisti 1 a 1 Il Primo Aprile 1944, in centro Italia, si sarebbe giocata una partita di calcio...

Altri Sport

A tu per tu con Giovanni “Johnny” Pellielo, la Leggenda del Tiro a Volo Fasi decisive per il mondo dello sport in generale che...

Calcio

Paolo List e gli altri: vittime innocenti della Sla, la malattia dei calciatori Il 28 Marzo 2016 moriva a soli 52 anni Paolo List,...

Calcio

Cesare Prandelli: il coraggio di fermarsi e il tempo che non torna più “No, il tempo non torna più. E ieri non eri tu,...

Calcio

Saul Malatrasi, l’uomo delle Coppe Quando qualche anno fa la Spal tornava in Serie A dopo quasi mezzo secolo venivano citati i giocatori lanciati...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Il 22 Marzo 2018 ci lasciava Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro