Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

Matteo Berrettini: testa e colpi da Campione

Matteo Berrettini: testa e colpi da Campione

Che sia finalmente il giocatore che il tennis italiano aspetta da tempo? Quel giovane talento che comincia a presentare le carte in regola per rimanere costantemente nei piani alti della classifica mondiale? Lui è il 22enne Matteo Berrettini e vedendo come ha iniziato il 2019 si prospetta un anno proficuo e pieno di soddisfazioni per il giocatore romano.

Dopo aver chiuso il 2018 con la sconfitta contro Bautista Agut (6-4 6-4) al Qatar Open ed essere tornato in campo a gennaio al torneo di Auckland Open (sconfitto agli ottavi da Leonardo Mayer) in Australia, a Melbourne, ha fatto intravedere i primi sentori di un’aria nuova, fresca e pulita. Contro una delle stelle del futuro prossimo del tennis, Tsitsipas è riuscito a complicargli i piani più del previsto, vincendo il primo set 7-6 e creandogli dei grattacapi nei successivi tre set vinti dal greco (6-4 6-3 7-6). “Era un match difficile sin dalla vigilia – ha detto il romano a fine match – e non ho fatto una partita grandiosa ma il lato positivo è che pur non avendo giocato al massimo gli sono sempre stato attaccato e ho anche avuto le mie chance. Di sicuro devo crescere alla risposta e ci sto lavorando ma il livello per giocare con giocatori di così alto livello c’è”.

Dopo aver fatto tesoro di questa sconfitta e rafforzato i punti deboli, con l’arrivo di febbraio ha cambiato pagina. Infatti, al Sofia Open ha messo in campo tutto il suo talento battendo rispettivamente, Istomin, Verdasco e Khachanov, arrendendosi solamente in finale a Fucsovics. Galvanizzato dagli ottimi risultati messi a segno in Russia e in uno stato di forma più che buono, il giovane tennista si è presentato al torneo Open 13 di Marsiglia e ha continuato a impressionare, battendo il francese Chardy con un doppio 7-6 e perdendo 6-3 7-6 dal Next Gen Rublev agli ottavi di finale.

In attesa di entrare nel vivo della stagione, il romano sta dimostrando che non gli manca nulla per salire ulteriormente la classifica (attualmente è numero 48 del mondo) e guadagnarsi il posto di miglior tennista italiano.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Gimondi contro Merckx, la rivincita dell’Eterno Secondo nell’Inferno del Montjuïc Il 29 settembre 1942 nasceva Felice Gimondi, eroico ciclista italiano. Per ricordarlo vi raccontiamo...

Calcio

Francesco Totti: le tappe indimenticabili della storia del Capitano Compie oggi 44 anni Francesco Totti, capitano e leggenda della Roma che, dopo aver lasciato...

Calcio

Josef Bican, il più grande marcatore della storia dimenticato per colpa della Guerra Il 25 settembre 1913 nasceva Josef Bican, un nome che potrebbe...

Calcio

Campioni del mondo! Gli azzurri di Mancini riportano a casa…il titolo non ufficiale “Campioni del mondo! Grazie alla rete di Nicolò Barella gli azzurri...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Il 16 settembre 2016 moriva l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Tennis

Un campione può permettersi di sbagliare? A quanto pare no. Mi riferisco alla ormai nota pallata che Djokovic ha tirato a fondo campo, durante...

Calcio

Paul Breitner: oltre il Muro dell’apparenza Compie oggi 69 anni Paul Breitner, iconico calciatore tedesco che non ha mai nascosto le sue idee politiche...

Storie di Sport

Jimmy Connors e quel desiderio indomabile di lottare per vincere Compie oggi 68 anni Jimmy Connors, iconico e fenomenale tennista statunitense. Per celebrarlo vi...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Il 28 agosto 1981 moriva a Vienna Bela Guttmann, leggendario allenatore ungherese, che dopo aver...

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Basket

Krešimir Ćosić, la leggenda del Fenomeno che disse di No alla Nba Spiegarlo ai giovani di oggi forse è quasi impossibile, però c’è stato...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Avrebbe compiuto oggi 79 anni Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue doti...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro