Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Azzardo

Match-fixing come non lo avete mai visto: Skënderbeu, una squadra nata per le combine

Match-fixing come non lo avete mai visto

Il club albanese è accusato in un report trapelato dalla Uefa di aver manipolato continuamente e costantemente le partite per scopi di lucro legati al betting e rischia di essere bannato per 10 anni.

A Korce, la città natia dello Skënderbeu, i tifosi sono molto vicini alla squadra tant’è che migliaia di cittadini/tifosi sono scesi in piazza manifestando con sciarpe e cartelloni contenente lo slogan: “Non uccidete i nostri soldi”.

Tutto quello che i tifosi hanno ottenuto è stato però lo screditamento della propria squadra da parte della più grande inquisizione straordinaria riguardante il match-fixing di tutti i tempi. Il documento trapelato dalla Uefa parla di una richiesta di sanzione per la squadra sei volte campione di Albania, che quest’anno ha partecipato all’Europa League, consistente nell’esclusione dai campionati nazionali per 10 anni. Sarebbe senza precedenti. Per vedere se la minaccia diventerà realtà bisognerà aspettare però la decisione del governo e del suo organo etico.

Il documento della Uefa, scritto da due ispettori ma ufficialmente mai pubblicato, ha girato in lungo ed in largo in Albania. La conclusione parla di accuse gravissime: lo Skënderbeu ha fatto match-fixing come mai nessuno prima nella storia del gioco. Il club è stato il principale veicolo delle organizzazioni criminali. La Uefa non ha confermano ne smentito l’autenticità del documento.

Lo Skënderbeu è recidivo perché già in precedenza era stato sanzionato per match-fixing e aveva ricevuto la sospensione dalle competizioni europee per un anno scontata nella stagione 2016-2017. In quella occasione fu una decisione presa dalla Corte dell’arbitraggio sportivo (CAS) come misura amministrativa mentre il processo investigativo della UEFA, diviso in due step andava avanti.

La sospensione è avvenuta dopo l’individuazione da parte del sistema antifrodi e monitoraggio scommesse della Uefa che ha identificato 53 match truccati dal 2010 al 2016 con lo Skënderbeu coinvolto a scopi di lucro. Si va dalle amichevoli, alle partite europee passando anche per match europei.

Lo Skënderbeu  è accusato anche di ripetuti tentativi di manipolazione di gare per favorire i profitti della criminalità organizzata su scala mondiale per guadagni di milioni e milioni di dollari. Secondo il documento il team albanese “non avrebbe avuto nessun rispetto per l’integrità del gioco”.

Le partite sospette più eclatanti quelle europee contro lo Sporting Lisbona persa 5-1 e quella contro la Lokomotiv Mosca persa 3-0. In entrambi i casi il sistema contro le frodi della Uefa ha rilevato puntate “esuberanti ed illogiche”: nel primo caso 6 o più goal sul 4-0 per i portoghesi e nel secondo caso l’over 2,5 a cinque minuti dalla fine con il risultato di 1-0 per i russi.

Altra partita combinata quella nel secondo turno preliminare di Champions League tra Skënderbeu  e i nord irlandesi del Crusaders. L’andata finì 4-1 per gli albanesi ma nel ritorno, sul 2-1 per lo Skënderbeu , secondo il report furono effettuate “scommesse live oltraggiose” per un importo pari a centinaia di migliaia di dollari sull’over 4,5 a 10 minuti dalla fine. La partità terminò 3-2 per i nord irlandesi. Al termine del match con un tweet il portiere del Crusaders Sean O’Neal ha cinguettato: “Se non ci sarà un’indagine della Uefa su questa partita qualcosa non va”.

Intanto il legale della società si dice, ovviamente, ottimista nonostante le gravissime accuse. Il presidente della squadra si è detto disposto a collaborare per pulire il nome del suo team cercando di evitare l’esclusione dai campionati nazionali e quindi dalle coppe europee per 10 anni che significherebbe la pietra tombale sullo Skënderbeu.

 

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Omosessualità e Sport: nel calcio nessuno è “libero” di amare davvero Il 17 maggio si celebra la Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e...

Calcio

Palestina-Israele, anche il calcio alle prese con l’Intifada Nell’ultima settimana la tensione tra Israele e Palestina ha toccato livelli altissimi, con il vicendevole lancio...

Calcio

St. Pauli: i Pirati tedeschi che giocano contro l’odio Il 15 Maggio 1910 ad Amburgo nasceva un club che si è reso famoso negli...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Calcio

Ebrima Darboe, il sogno di una cosa – E poi, e poi Gente viene qui e ti dice Di saper gia’ Ogni legge delle...

Calcio

Bob Marley: il Reggae nella mente, il Calcio nel cuore L’11 maggio 1981 moriva il leggendario cantante reggae Robert Nesta Marley. Da tutti conosciuto...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il  2 maggio 1998 moriva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 30 Aprile 1945 nel suo bunker di Berlino, Adolf Hitler si suicidava a 56 anni...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 30 aprile 1989 ci lasciava uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro