Connect with us

Cerca articoli

Azzardo

Match-fixing come non lo avete mai visto: Skënderbeu, una squadra nata per le combine

Match-fixing come non lo avete mai visto

Il club albanese è accusato in un report trapelato dalla Uefa di aver manipolato continuamente e costantemente le partite per scopi di lucro legati al betting e rischia di essere bannato per 10 anni.

A Korce, la città natia dello Skënderbeu, i tifosi sono molto vicini alla squadra tant’è che migliaia di cittadini/tifosi sono scesi in piazza manifestando con sciarpe e cartelloni contenente lo slogan: “Non uccidete i nostri soldi”.

Tutto quello che i tifosi hanno ottenuto è stato però lo screditamento della propria squadra da parte della più grande inquisizione straordinaria riguardante il match-fixing di tutti i tempi. Il documento trapelato dalla Uefa parla di una richiesta di sanzione per la squadra sei volte campione di Albania, che quest’anno ha partecipato all’Europa League, consistente nell’esclusione dai campionati nazionali per 10 anni. Sarebbe senza precedenti. Per vedere se la minaccia diventerà realtà bisognerà aspettare però la decisione del governo e del suo organo etico.

Il documento della Uefa, scritto da due ispettori ma ufficialmente mai pubblicato, ha girato in lungo ed in largo in Albania. La conclusione parla di accuse gravissime: lo Skënderbeu ha fatto match-fixing come mai nessuno prima nella storia del gioco. Il club è stato il principale veicolo delle organizzazioni criminali. La Uefa non ha confermano ne smentito l’autenticità del documento.

Lo Skënderbeu è recidivo perché già in precedenza era stato sanzionato per match-fixing e aveva ricevuto la sospensione dalle competizioni europee per un anno scontata nella stagione 2016-2017. In quella occasione fu una decisione presa dalla Corte dell’arbitraggio sportivo (CAS) come misura amministrativa mentre il processo investigativo della UEFA, diviso in due step andava avanti.

La sospensione è avvenuta dopo l’individuazione da parte del sistema antifrodi e monitoraggio scommesse della Uefa che ha identificato 53 match truccati dal 2010 al 2016 con lo Skënderbeu coinvolto a scopi di lucro. Si va dalle amichevoli, alle partite europee passando anche per match europei.

Lo Skënderbeu  è accusato anche di ripetuti tentativi di manipolazione di gare per favorire i profitti della criminalità organizzata su scala mondiale per guadagni di milioni e milioni di dollari. Secondo il documento il team albanese “non avrebbe avuto nessun rispetto per l’integrità del gioco”.

Le partite sospette più eclatanti quelle europee contro lo Sporting Lisbona persa 5-1 e quella contro la Lokomotiv Mosca persa 3-0. In entrambi i casi il sistema contro le frodi della Uefa ha rilevato puntate “esuberanti ed illogiche”: nel primo caso 6 o più goal sul 4-0 per i portoghesi e nel secondo caso l’over 2,5 a cinque minuti dalla fine con il risultato di 1-0 per i russi.

Altra partita combinata quella nel secondo turno preliminare di Champions League tra Skënderbeu  e i nord irlandesi del Crusaders. L’andata finì 4-1 per gli albanesi ma nel ritorno, sul 2-1 per lo Skënderbeu , secondo il report furono effettuate “scommesse live oltraggiose” per un importo pari a centinaia di migliaia di dollari sull’over 4,5 a 10 minuti dalla fine. La partità terminò 3-2 per i nord irlandesi. Al termine del match con un tweet il portiere del Crusaders Sean O’Neal ha cinguettato: “Se non ci sarà un’indagine della Uefa su questa partita qualcosa non va”.

Intanto il legale della società si dice, ovviamente, ottimista nonostante le gravissime accuse. Il presidente della squadra si è detto disposto a collaborare per pulire il nome del suo team cercando di evitare l’esclusione dai campionati nazionali e quindi dalle coppe europee per 10 anni che significherebbe la pietra tombale sullo Skënderbeu.

 

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Calcio

Dino Zoff racconta i Mondiali del 1974 Compie oggi 79 anni Dino Zoff, leggendario portiere italiano tra i più forti della storia del calcio....

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal,...

Calcio

Willem van Hanegem, il Sopravvissuto Compie oggi 77 anni Willem van Hanegem, iconico giocatore dell’Olanda del Calcio totale che per tutta la sua vita...

Calcio

A tu per tu con Eleonora Cristiani, tra social calcio e Cosenza Abbiamo intervistato Eleonora Cristiani, volto noto della Serie B. Eleonora, tifosissima del...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 19 febbraio 1961 nasceva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro