Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Maria Sharapova, nuova grana giudiziaria in vista?

Se Maria Sharapova pensava di aver finalmente ritrovato la tanto ambita serenità, dovrà sfortunatamente ricredersi. Perché dopo la squalifica per doping e il successivo rientro nel circuito tra infortuni e pesanti critiche da parte delle sue colleghe, un’altra grana sembra profilarsi sul suo cammino. E’ infatti notizia di pochi giorni fa il coinvolgimento della tennista siberiana in un procedimento giudiziario partito da New Delhi, in India. Un procedimento che potrebbe crearle diversi grattacapi.

Al momento la vicenda non sembra preoccupare troppo la campionessa russa, impegnata com’è a godersi le vacanze in un resort alle Hawaii. Ciononostante vale comunque la pena di analizzare i fatti.

Il tutto ha avuto inizio a seguito della mancata realizzazione di un lussuoso complesso edilizio a Gurgaon, città di circa 200000 abitanti a sud di New Delhi. Il progetto, iniziato nel 2013 e comprendente anche un’accademia tennistica, un centro residenziale e alcuni negozi di vestiti, era stato fortemente promosso dalla tennista russa, che a quanto pare avrebbe anche concesso l’utilizzo del suo nome come sponsorizzazione.

Ma a causa delle lungaggini burocratiche e di una presunta azione fraudolenta da parte dell’Homestead Company, a cui era stata affidata la realizzazione del progetto, non solo il complesso non è stato concluso nei tre anni previsti, ma i lavori si sono fermati dopo neanche dodici mesi. Il che ha però scatenato l’ira degli investitori che avevano acquistato anzitempo alcuni appartamenti del centro residenziale, i quali hanno sporto denuncia coinvolgendo di fatto la campionessa siberiana.

 Tra i diretti interessati è intervenuto pubblicamente anche Bhawana Agarwal, tra gli investitori denuncianti, che ha commentato: “La Sharapova avrebbe dovuto accertarsi della legalità di quanto stava sponsorizzando. Se gli imputati non possedevano le licenze per la costruzione del progetto in un’area di 2500 metri quadrati, allora sono incorsi in una grave violazione criminale”.


 

Quel che non è molto chiaro in tutta la vicenda è quanto realmente Masha abbia contribuito alla promozione di tutto il progetto. Secondo alcune fonti lei stessa sarebbe andata in India nel 2013 per sponsorizzare la realizzazione del complesso, con tanto di negozi di articoli sportivi che avrebbero venduto capi indossati da lei stessa. Ma la veridicità di questo viaggio in India non è stata ancora accertata. Inoltre, negli ultimi 5 anni Masha non è mai stata vista pubblicizzare il progetto: non ci sono foto, dichiarazioni o annunci sui social che colleghino la tennista al complesso edilizio. Il che pare francamente strano

Per il momento è difficile fare ipotesi in merito alla vicenda. La Sharapova è stata chiamata in ballo e i reati per cui potrebbe essere inquisita sono tutt’altro che leggeri. Ma non è semplice capire quanto sia realmente coinvolta, il che dovrebbe spingere a trattare tutta la storia con le dovute precauzioni. Resta però l’amarezza di vedere una campionessa del suo calibro nuovamente alle prese con problemi giudiziari. Magari stavolta il tutto si concluderà con un nulla di fatto, ma dispiace comunque vedere un’icona sportiva come Masha invischiata in simili situazioni.

 

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Arthur Ashe, il tennista con una missione Ognuno di noi, che ne sia conscio o meno, ha una missione, un obiettivo che diventa il...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Calcio

La partita nella piazza Rossa che decise il destino del calcio in Russia Quando si viene a Mosca non si può rinunciare ad una...

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 6 luglio 1967 l’esercito nigeriano entra nella regione del Biafra, dando...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra Il 28 giugno 1919 veniva firmato il Trattato di Versailles che poneva fine...

Altri Sport

Spionaggio e ciclismo: come l’Affare Dreyfus portò alla nascita del Tour de France Inizia oggi da Brest l’edizione numero 108 del Tour de France. La grande...

Altri Sport

Lou Gehrig, lo Sportivo che ci ha fatto conoscere la SLA Per la Giornata Mondiale per la lotta alla Sla che si celebra oggi,...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Calcio

Gli Europei e le scorie della Guerra Fredda Nel 1991 ho accompagnato la nazionale di calcio under 21 dell’allora Unione Sovietica in una delle...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro