Connect with us

Cerca articoli

Non solo sport

Maria Noemi: se il Tar rischia di trasformare un calvario in dramma

Non è ancora detto che lo sfratto alla fine avvenga. Ma nella casa di Maria Noemi, la bambina resa malata sin dalla nascita a causa di un errore medico, giorno dopo giorno sale la preoccupazione. Perché dal 1 luglio, anche sulla casa di Maria Noemi e della sua famiglia (e di altre 306) pende proprio come una spada di Damocle la decisione del TAR di confermare tutti i provvedimenti di sfratto. Che nel novembre scorso, il dipartimento Urbanistica del Comune di Roma aveva inviato a tutti gli assegnatari delle case popolari ricevute nel 2006, grazie al provvedimento firmato da due dirigenti comunali poi finiti sotto inchiesta. Ed è proprio la sentenza di condanna definitiva (arrivata nel 2016) dei due dirigenti a dare l’inizio a tutta questa storia. Nella quale, è finita suo malgrado anche la famiglia di Maria Noemi. La quale, come abbiamo già raccontato ai lettori di Io Gioco Pulito, a differenza di molti altri assegnatari, già nel 2006 i requisiti per poter ottenere l’alloggio popolare li aveva tutti. E proprio in base a una delibera del Comune (la 132 del 2003) che predisponeva una riserva di alloggi ERP (cioè di edilizia residenziale pubblica) al 25% dei casi che rientravano nella cosiddetta “emergenza abitativa” . Condizione nella quale, proprio il dipartimento delle Politiche Abitative aveva riscontrato che si trovasse la famiglia di Maria Noemi. Dovuta ad uno stato di sovraffollamento in cui viveva la famiglia che tra l’altro era stato riconosciuto come “incompatibile” con lo stato di salute della bambina.

Da qui la decisione delle Politiche Abitative di procedere con l’assegnazione dell’immobile. Fino al novembre scorso, quando lo stesso Dipartimento (cambiati i dirigenti) ha fatto recapitare anche alla famiglia di Maria Noemi il provvedimento di sfratto. Ed è iniziato un vero e proprio calvario fatto di carte bollate e ricorsi, tra richieste di incontri con la sindaca (mai avvenuti) e promesse dell’assessore al Bilancio Mazzillo che per adesso, non sono ancora state mantenute. Come ha scritto il Corriere della Sera il 1 luglio, lo stesso Mazzillo avrebbe chiesto all’avvocatura capitolina di “riconsiderare i provvedimenti di rilascio forzoso con una possibile sospensione degli sfratti”. Richiesta che però evidentemente, non sarebbe stata presa in considerazione. In mezzo l’intercessione dell’ex premier Silvio Berlusconi il quale, intervenuto con una telefonata in diretta tv nella quale era presente come ospite il padre di Maria Noemi Emmanuel, ha pubblicamente dichiarato di volersene fare carico. Promettendo al padre della bambina, anche in un incontro avvenuto nei giorni successivi a Palazzo Grazioli, che avrebbe sistemato la faccenda. Anche se per adesso, dopo due mesi da quella telefonata, la faccenda non è ancora stata sistemata. E nel frattempo è arrivata la decisione del TAR che ha confermato i provvedimenti di sfratto per le assegnazioni avvenute nel 2006. Tra le quali c’è anche appunto la famiglia di Maria Noemi. Che adesso rischia dopo mesi di calvario, di vivere un vero e proprio dramma.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Perché corro alla Maratona di New York Il 13 settembre 1970 si correva la prima edizione della Maratona di New York, quest’anno rimandata a...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Inchieste & Focus

L’Altra Faccia di Pyongyang: la Corea del Nord e lo Sport “organico” di Kim Jong Un Oggi, 9 Settembre, si celebrano in Corea del...

Calcio

C’era una volta l’U.S. Milanese, la terza forza di Milano L’8 Settembre 1928 l’Inter, per volere del Regime fascista, cambia la sua denominazione in...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Avrebbe compiuto oggi 79 anni Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue doti...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia “Corri, Forrest, Corri!” La celebre frase del Film Forrest Gump, interpretato da Tom Hanks nel 1994,...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Altri Sport

Gimondi contro Merckx, la rivincita dell’Eterno Secondo nell’Inferno del Montjuïc Il 16 agosto 2019 ci salutava Felice Gimondi, eroico ciclista italiano. Per ricordarlo vi...

Storie di Sport

Jimmy Arias: la stella cadente che inventò il dritto moderno Compie oggi 56 anni Jimmy Arias, il tennista statunitense considerato il padre del dritto...

Calcio

Oronzo Pugliese, il Mago di Turi di un calcio che non esiste più Oggi vi raccontiamo la storia di uno dei primi allenatori pugliesi...

Calcio

C’era una volta il Calais: i dilettanti che distrussero le grandi del calcio Quella che sto per raccontarvi è una delle storie più romantiche...

Storie di Sport

Roger Federer: alla scoperta della persona più importante della sua carriera Compie oggi 39 anni Roger Federer, il fenomeno svizzero considerato da molti il...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro