Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Mané Garrincha: quando l’oro era gratis

Mané Garrincha: quando l’oro era gratis

Il 20 gennaio 1983 ci salutava Manè Garrincha, il fenomeno brasiliano scomparso neanche cinquantenne per cirrosi epatica ed edema polmonare. Il nostro tributo a un giocatore leggendario.

Il fatto è che chi dispensa gioia alla fine può accorgersi di non essersene tenuta nemmeno un poco per sé; allora non gli resta che arrendersi a contemplarla negli occhi degli altri, di tutti gli altri, laddove i più poveri ancora riescono a distinguerla dall’ammirazione: quella tocca a chi ha la faccia del vincitore.

E vincere, del resto, basta a scacciare i demoni che il campione si porta dentro? Non è mai servito del tutto, anzi: si sono messi più comodi, lo hanno accompagnato sorridendogli più di prima. Come il denaro, che può essere così tanto, quando arriva tutto assieme, al punto da renderti incapace a contarlo. Soprattutto se ti resta la faccia di chi ne aveva soltanto sentito parlare, sotto i vestiti eleganti che ti pesano addosso come un’armatura. O come una gabbia, che non c’è regalo più bello del poterla aprire, per un battito d’ali che vale una Coppa del mondo. Ma quella è una storia che sapete tutti, e Manè Garrincha si annoierebbe a sentirla ancora una volta. Chissà se si annoiava anche a far cadere quella finta sempre dalla stessa parte, sapendo che sarebbe rimasta impressa nella retina del suo presunto marcatore, senza mai finirgli sui piedi che avrebbero continuato a calciare l’aria. Forse con lo stesso rumore di un battito d’ali? Non lo sappiamo, non lo sapremo mai; come tante cose, del resto, non seppe mai Manè Garrincha, che l’istinto ascoltava quando doveva lasciare sul posto un avversario; che l’istinto subiva in qualsiasi altro ambito della vita. Ecco perché qualsiasi puttana gli ha spillato molto più di quanto valesse la sua compagnia di un’ora o un giro di bevute, sempre con lui al centro della scena, protrarsi dal tramonto all’alba. Sembra che fargli pagare una corsa in taxi dieci volte quello che avrebbe dovuto fosse facile come per lui lo era far perdere l’equilibrio a un difensore: quella gamba più corta di sei centimetri, con l’altra così perfettamente arcuata, erano la sintesi dello squilibrio che in campo diventava arte. A zoppicargli addosso ci avrebbe pensato la vita, che sapeva di riuscire, lei sì, ad acciuffarlo: tutti quei calci che nemmeno lo avevano sfiorato, l’esistenza glieli avrebbe mollati nel fegato, uno dopo l’altro. Cachaça, tre sillabe a scandire tutto il tempo passato a non capire, a non ricordare, per specchiare sul fondo del bicchiere sempre e soltanto la faccia di un ragazzino che se tirava un sasso, a Pau Grande, lo vedeva sparire nella Sierra che era lì a due passi.

Dicono che Manè, all’indomani della seconda Coppa Rimet che s’era portato a letto, poggiando sul comodino il titolo di capocannoniere, abbia chiesto ai compagni contro chi avrebbero dovuto giocare la partita successiva. Forse è soltanto una leggenda; di certo chiunque l’abbia ascoltata ha pensato che sarebbe potuto accadere sul serio, all’indomani di una sbronza mondiale.

Ci sono vite troppo piene di ogni cosa, per pretendere che possano anche contenere una qualche serenità; così come ci sono azioni così belle, con l’ultimo dribbling rimasto nel taschino persino davanti alla riga di porta, che il tiro in porta sembra quasi mortificarle. Per quello, in ogni caso, ci avrebbe pensato Pelè. Pensare che loro due insieme non abbiano mai perso una partita vuol dire che aveva ragione il parroco di “Bocca di rosa”, quando si portava a spasso per il paese l’amore sacro e l’amor profano.

Solo il gioco non lo ha mai tradito: per questo ha giocato finché ha potuto, anche qui, alle porte di Roma, quando sotto il ventre gonfio riusciva ancora a giocare di prestigio su quella gamba e mezza che, una volta oltrepassata in uscita la linea laterale, facevano pensare che avesse bisogno di un bastone.

La notte del 20 gennaio del 1983, forse anche a causa dell’afa quasi insopportabile, le dottoresse Da Cunha e Bastos fanno portare per il paziente una sedia a rotelle, visto che non gli riesce di deambulare. Nemmeno zoppicando. Chissà se da una delle finestre dell’ospedale Alto Da Boavista riesce a vedere le luci di Rio. I medici lasciano detto di legarlo, all’occorrenza, se dovesse dare in escandescenze. Capita di frequente, del resto, al padiglione Santa Teresa, quello riservato agli alcolizzati. Alle sei del mattino, le luci di Rio si spengono, per Manè Garrincha. Ha quarantanove anni; ne dimostra venti di più; ne ha vissuti mille.

Se un qualche dio ha voluto accompagnarlo fuori dal campo, magari prestandogli una spalla alla quale appoggiarsi per zoppicare un po’ meno, chiedetegli se si sia pentito di qualcosa, Manè Garrincha, prima di salutare la compagnia.

Ma Dio non cercatelo chissà dove, non stavolta perlomeno: è seduto sotto un tetto di lamiera, poggia i gomiti su un tavolino che traballa, perché poggia male una delle sue gambe. Ha svuotato un bicchiere, ammesso che sia stato uno soltanto. Abbozza un sorriso stanco quando alza gli occhi verso la parete, dove una cornice misera custodisce la maglia del Botafogo.

 

Paolo Marcacci
A cura di

Romano, 47 anni, voce di Radio Radio; editorialista; opinionista televisivo; scrittore, è autore di libri sulle leggende dello sport: tra gli altri, “Villeneuve - Il cuore e l’asfalto”, “Senna - Prost: il duello”, “Muhammad Ali - Il pugno di Dio”. Al mattino, insegna lettere.

Facebook

Da non perdere

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il 19 Giugno 1986 una overdose di cocaina interrompe il...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 10 giugno 1946 moriva Jack Johnson, il primo pugile afroamericano della storia...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Per cucire il filo di una memoria basta un Ago Il 30 Maggio 1994 moriva Agostino Di Bartolomei, indimenticabile Capitano della Roma dello Scudetto,...

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 22 maggio 1946 nasceva George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio, la...

Motori

Ciao Nicky, il ragazzo normale che diventò Campione del Mondo Il 22 maggio 2017 ci lasciava Nicky Hayden, il campione del Mondo di Motociclismo,...

Pugilato

Jarry Quarry, bianco per caso Vederlo davanti ad Ali, con i suoi passi prevedibili progressivamente invischiati nella ragnatela del più grande di tutti, fa...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 20 maggio 2019 ci lasciava Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo...

Altri Sport

André “The Giant”, diventai grande in un tempo piccolo  Avrebbe compiuto ieri 75 anni André Roussimoff, meglio conosciuto come André “The Giant”, famosissimo campione...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro