Connect with us

Cerca articoli

Calcio

“Mamma Zaniolo”: perché in Italia siamo Iene tutto l’anno

“Mamma Zaniolo”: perché in Italia siamo Iene tutto l’anno

Poche ore fa è andato in onda, durante la puntata del programma “Le Iene” di domenica 17 febbraio 2019, una intervista alla giovane promessa della AS Roma Nicolò Zaniolo. L’intervistatore, Nicolò De Devitiis, si è però soffermato molto anche sulla figura della madre del giovane calciatore, Francesca Costa, facendole molte domande che, a parere di chi scrive, sono risultate piuttosto ambigue e scomode. Lo stesso pensiero ce l’ha avuto anche il gioiellino giallorosso che ha concluso l’intervista in modo brusco e contrariato.

Subito si è sollevato un polverone che ha visto numerosi tifosi della squadra giallorossa furiosi e che hanno chiesto, a gran voce, di lasciar stare il giocatore della loro squadra. Noi di Io Gioco Pulito, invece, vogliamo mettere in risalto il siparietto tra l’inviato del programma di Italia Uno e la stessa madre del giovane talento.

Ancora una volta, per entrare nello specifico, si è messo in risalto la forte impronta sessista del mondo del pallone nostrano che usa le donne per soli scopi di audience. Alla signora Costa è stato infatti ripetutamente richiesto della sua vita social, visto che nel giro di pochi giorni è diventata una delle star più seguite su Instagram,  e della sua presa di posizione riguardo la situazione sentimentale del figlio. Lo stesso De Devitiis, però, si è lasciato andare anche a qualche battuta poco felice che poteva essere interpretata in vari modi oltre a un paio di domande che davanti ad un figlio andrebbero proprio evitate.

Tutto questo non fa che aprire nuovamente una vicenda, quella del sessismo, che a giorno d’oggi purtroppo non risparmia nessun ambito del mondo attuale. Quello del pallone, naturalmente, è uno dei settori più contagiati da questa “moda”.

D’altronde ci sono vari indizi che ci fanno capire come il sessismo sia un germe che infetta sempre di più il pallone nostrano.

Di che cosa ci meravigliamo se, in queste ultime settimane, uno dei trends google più ricercati era “mamma Zaniolo”. Difatti, anche quando il centrocampista d’attacco della Roma si faceva notare per un gol o una bella azione sul campo, il suo nome e le ricerche sul web venivano inequivocabilmente accostate a quelle di sua madre che, come detto prima, stava facendo carriera soprattutto dal punto di vista social. Purtroppo, questo, è solo l’ultimo caso in Italia che collega due ambiti, quello calcistico e quello legato al gossip, che non hanno molti collegamenti tra loro. Quante volte è successo che mettendo un nome di un giocatore qualsiasi, Mauro Icardi o Radja Nainggolan giusto per citarne due casi famosi, tra le voci più cercate appaiono anche quelle delle loro mogli o fidanzate? Contemporaneamente facciamo notare che alcuni importanti giornali sportivi del Belpaese hanno, sulle homepage dei loro siti internet, intere sezioni dedicate alle consorti degli sportivi, in particolar modo a quelle dei calciatori. Anche qui i casi da citare sono, ahimè, più di uno: dalla sorella dell’attaccante della Roma Patrick Schick giusto per citarne uno dei più recenti alla fidanzata di Karsdorp per rimanere sempre in casa giallorossa. In pratica ogni volta che arriva un nuovo calciatore in Italia si dà più attenzione alle “qualità” della consorte che a quelle del giocatore.

Tali fatti ci fanno capire come, anche in ambiti molto distanti da esso, il gossip stia diventando sempre più popolare. Tutto questo perchè, pur di aumentare le visualizzazioni, si è disposti a tutto, anche a mettere online tematiche di chiaro stampo sessista.

A dare ulteriore conferma di tutto ci si è messo anche il giornalista Rai Fulvio Collovati. L’ex campione del mondo italiano nel 1982, durante un suo intervento alla trasmissione “Quelli Che Calcio”, soffermandosi sulla cultura calcistica, in particolare sul mondo della tattica, ha affermato: “Quando sento una donna, anche le mogli dei calciatori, parlare di tattica mi si rivolta lo stomaco. Non ce la faccio! Se tu parli della partita, di come è andata e cose così, bene. Ma non puoi parlare di tattica perché la donna non capisce come un uomo, non c’è niente da fare”.

Chissenefrega, caro Collovati, che ci siano intere squadre femminili che giocano in regolari campionati che, negli ultimi tempi, ottengono risultati migliori dei loro colleghi maschi e che molte trasmissioni sportive siano condotte da giornaliste preparate e competenti. D’altronde, si sa, il calcio rimarrà sempre “un gioco per duri” e tra questi non possono rientrare certo, nella mentalità calcistica italiana, le donne che vengono relegate solamente al semplice ruolo di oggetti da sfruttare e mettere in mostra solamente per dar visibilità alla propria scadente pagina internet.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

13/5/1990: Dinamo Zagabria – Stella Rossa, venti(due) di Guerra Se quel giorno le squadre scesero in campo, fu solo per rappresentare la negazione dell’evento...

Calcio Social

Nei primi giorni di aprile, Vivek Ranadivé, amministratore delegato dei Sacramento Kings, ha annunciato in una stanza su Clubhouse che tutti i membri della...

Altri Sport

A tu per tu con Paolo Bettini, il Grillo più veloce del mondo In questa pazza stagione agonistica, che si sta svolgendo rigidamente a...

Calcio

Chi vince la Champions? E l’Europa League? E, soprattutto, quando potremo tornare allo Stadio? Se fino a qualche giorno fa le domande di milioni...

Calcio

Quello a cui stiamo assistendo negli ultimi giorni rappresenta uno dei punti più bassi che il calcio ci ha offerto nelle ultime decadi. Una...

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra Tra le storie dimenticate della Serie A, c’è sicuramente quella di Luigi...

Calcio

Andrea Silenzi, il bomber ‘Pennellone’ partito dalla polvere della Prima Categoria La torre di Ostia: Andrea Silenzi. A cavallo tra gli anni ottanta e...

Calcio

41 anni di Zimbabwe: il calcio al tempo dell’Apartheid Il 18 aprile 1980 lo Zimbabwe, nuovo nome della colonia dell’ex Rhodesia Meridionale, otteneva l’indipendenza...

Calcio

Quando Divock Origi divenne uno Spot sulla sicurezza Compie oggi 26 Anni Divock Origi, l’attaccante belga del Liverpool che si rese protagonista di goal...

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Interviste

A tu per tu con Marco Marfella, ilMenestrelloh del web (e non solo) A Tu per Tu con Marco Marfella, in arte ilMenestrelloh. Marco...

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro