Connect with us

Cerca articoli

Calcio

“Mamma Zaniolo”: perché in Italia siamo Iene tutto l’anno

“Mamma Zaniolo”: perché in Italia siamo Iene tutto l’anno

Poche ore fa è andato in onda, durante la puntata del programma “Le Iene” di domenica 17 febbraio 2019, una intervista alla giovane promessa della AS Roma Nicolò Zaniolo. L’intervistatore, Nicolò De Devitiis, si è però soffermato molto anche sulla figura della madre del giovane calciatore, Francesca Costa, facendole molte domande che, a parere di chi scrive, sono risultate piuttosto ambigue e scomode. Lo stesso pensiero ce l’ha avuto anche il gioiellino giallorosso che ha concluso l’intervista in modo brusco e contrariato.

Subito si è sollevato un polverone che ha visto numerosi tifosi della squadra giallorossa furiosi e che hanno chiesto, a gran voce, di lasciar stare il giocatore della loro squadra. Noi di Io Gioco Pulito, invece, vogliamo mettere in risalto il siparietto tra l’inviato del programma di Italia Uno e la stessa madre del giovane talento.

Ancora una volta, per entrare nello specifico, si è messo in risalto la forte impronta sessista del mondo del pallone nostrano che usa le donne per soli scopi di audience. Alla signora Costa è stato infatti ripetutamente richiesto della sua vita social, visto che nel giro di pochi giorni è diventata una delle star più seguite su Instagram,  e della sua presa di posizione riguardo la situazione sentimentale del figlio. Lo stesso De Devitiis, però, si è lasciato andare anche a qualche battuta poco felice che poteva essere interpretata in vari modi oltre a un paio di domande che davanti ad un figlio andrebbero proprio evitate.

Tutto questo non fa che aprire nuovamente una vicenda, quella del sessismo, che a giorno d’oggi purtroppo non risparmia nessun ambito del mondo attuale. Quello del pallone, naturalmente, è uno dei settori più contagiati da questa “moda”.

D’altronde ci sono vari indizi che ci fanno capire come il sessismo sia un germe che infetta sempre di più il pallone nostrano.

Di che cosa ci meravigliamo se, in queste ultime settimane, uno dei trends google più ricercati era “mamma Zaniolo”. Difatti, anche quando il centrocampista d’attacco della Roma si faceva notare per un gol o una bella azione sul campo, il suo nome e le ricerche sul web venivano inequivocabilmente accostate a quelle di sua madre che, come detto prima, stava facendo carriera soprattutto dal punto di vista social. Purtroppo, questo, è solo l’ultimo caso in Italia che collega due ambiti, quello calcistico e quello legato al gossip, che non hanno molti collegamenti tra loro. Quante volte è successo che mettendo un nome di un giocatore qualsiasi, Mauro Icardi o Radja Nainggolan giusto per citarne due casi famosi, tra le voci più cercate appaiono anche quelle delle loro mogli o fidanzate? Contemporaneamente facciamo notare che alcuni importanti giornali sportivi del Belpaese hanno, sulle homepage dei loro siti internet, intere sezioni dedicate alle consorti degli sportivi, in particolar modo a quelle dei calciatori. Anche qui i casi da citare sono, ahimè, più di uno: dalla sorella dell’attaccante della Roma Patrick Schick giusto per citarne uno dei più recenti alla fidanzata di Karsdorp per rimanere sempre in casa giallorossa. In pratica ogni volta che arriva un nuovo calciatore in Italia si dà più attenzione alle “qualità” della consorte che a quelle del giocatore.

Tali fatti ci fanno capire come, anche in ambiti molto distanti da esso, il gossip stia diventando sempre più popolare. Tutto questo perchè, pur di aumentare le visualizzazioni, si è disposti a tutto, anche a mettere online tematiche di chiaro stampo sessista.

A dare ulteriore conferma di tutto ci si è messo anche il giornalista Rai Fulvio Collovati. L’ex campione del mondo italiano nel 1982, durante un suo intervento alla trasmissione “Quelli Che Calcio”, soffermandosi sulla cultura calcistica, in particolare sul mondo della tattica, ha affermato: “Quando sento una donna, anche le mogli dei calciatori, parlare di tattica mi si rivolta lo stomaco. Non ce la faccio! Se tu parli della partita, di come è andata e cose così, bene. Ma non puoi parlare di tattica perché la donna non capisce come un uomo, non c’è niente da fare”.

Chissenefrega, caro Collovati, che ci siano intere squadre femminili che giocano in regolari campionati che, negli ultimi tempi, ottengono risultati migliori dei loro colleghi maschi e che molte trasmissioni sportive siano condotte da giornaliste preparate e competenti. D’altronde, si sa, il calcio rimarrà sempre “un gioco per duri” e tra questi non possono rientrare certo, nella mentalità calcistica italiana, le donne che vengono relegate solamente al semplice ruolo di oggetti da sfruttare e mettere in mostra solamente per dar visibilità alla propria scadente pagina internet.

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il Madagascar, al giorno d’oggi, è conosciuto per essere la...

Altri Sport

A tu per tu con Igor Cassina, il ginnasta venuto dallo spazio Con mille imprevisti e diecimila difficoltà siamo arrivati alla partenza di questa...

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

La chiamarono la Guerra del Calcio Il 14 Luglio 1969 iniziava quella che viene definita la “Guerra del Calcio” tra Honduras e El Salvador....

Altri Sport

A tu per tu con Francesco Attolico, l’Airone azzurro della pallanuoto Momenti frenetici a Tokyo dove a giorni sta per partire la trentaduesima edizione...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

La C2 del Licata e le origini di “Zemanlandia” Dilectissima. Così nel XIII° secolo Federico II di Svevia appellò Licata, cittadina in provincia di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro