Connect with us

Cerca articoli

Economia

Malasanità: quanto è diffusa in Italia e come difendersi

Malasanità: quanto è diffusa in Italia e come difendersi

In questo periodo di emergenza sanitaria non dovremmo dimenticarci di un problema che purtroppo affligge da molto tempo il nostro Paese: gli errori medici commessi dal personale sanitario nelle strutture pubbliche e private che comportano conseguenze drammatiche e talvolta irreversibili.

Per comprendere meglio questo fenomeno, esaminiamo i dati forniti da un’associazione dedicata proprio all’assistenza legale per l’ottenimento di risarcimenti: Periplo Familiare tutela le vittime di malasanità seguendo ogni caso per tutto il tempo necessario, dalla consulenza preliminare fino all’eventuale procedimento legale.

Dove si verificano più casi di malasanità?

In base ai dati raccolti da Periplo Familiare e presentati nell’infografica “Malasanità in Italia”, le percentuali di casi di errori sanitari sono del 32,2% al Nord, 23,2% al Centro e il 44,5% al Sud e nelle Isole.

Un altro dato che consente di capire la gravità del fenomeno è il tasso di decessi evitabili: in altre parole, alcuni errori sanitari hanno portato alla morte del paziente, una conseguenza che si sarebbe potuta evitare con cure appropriate o intervenendo tempestivamente.

Malasanità, infatti, vuol dire anche ritardi nelle diagnosi, errori nelle terapie prescritte, sbagli durante le operazioni chirurgiche e anche infezioni contratte mentre si è ricoverati in ospedale.

Il tasso di mortalità evitabile si riferisce al numero di decessi che potevano essere evitati e c’è molta differenza fra regioni come il Trentino (con 50,81 decessi evitabili ogni 100.000 abitanti) e la Campania, con un tasso di 89,93 decessi evitabili.

Qual è l’impatto della malasanità sui conti dello Stato?

I risarcimenti per errore sanitario ammontano, in media, a 96.831 € per sinistro, in aumento del 4% negli ultimi anni. Il costo complessivo della malasanità in Italia, inteso come risarcimenti e costi per il prolungamento delle degenze, è di 22,5 milioni di euro l’anno, cifra che potrebbe essere stanziata per migliorare il sistema sanitario e ridurre questi errori.

Si tratta dunque di un problema urgente da risolvere, ma nel frattempo le vittime hanno diritto a ottenere giustizia con il sostegno di chi si occupa di risarcimenti per danno biologico, la definizione corretta per questo tipo di casi.

Periplo Familiare, infatti, mette a disposizione un’equipe composta da medici legali e avvocati per verificare, in primo luogo, se sussistono le condizioni per richiedere un risarcimento, e poi per valutare come procedere. In molti casi è possibile concludere un accordo bonario e avere il risarcimento senza dover affrontare un processo, in altri è invece necessario procedere a un’azione giudiziaria per vedere riconosciuti i propri diritti.

I reparti dove si verificano più errori medici

Dai dati disponibili si evince che in alcuni reparti accadono errori sanitari più frequentemente che in altri. In base alle statistiche, sappiamo che

  • il 20,3% dei casi avviene in ortopedia e traumatologia
  • il 12,9% si verifica in in chirurgia generale
  • il 12,6% accade in pronto soccorso
  • il 10,9% dei casi si verificano in ostetricia e ginecologia

Le cause degli errori commessi sono molteplici e possono dipendere da negligenza, scarsa competenza o mancanza di attrezzature adeguate, perciò è opportuno non generalizzare sulle responsabilità.

Quel che è certo è che la salute è un bene prezioso e va tutelata in ogni modo, sia nelle strutture sanitarie pubbliche, sia in quelle private, senza dover temere di mettere a rischio la propria incolumità quando invece è possibile intervenire con prontezza e ottenere le cure adeguate.

A cura di

Da non perdere

Calcio

Cosa deve fare l’Italia per andare ai mondiali Dopo le ultime negative prestazioni, gli azzurri sono chiamati a un reset emozionale che li spinga...

Calcio

Paulo Dybala: ‘La Joya’ di Laguna Larga che segna in nome del padre Compie oggi 28 anni Paulo Dybala, l’attaccante argentino della Juventus, che...

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Silvio Piola, il più grande marcatore italiano che non vinse mai lo scudetto Il 29 settembre 1913 nasceva Silvio Piola, simbolo del calcio italiano...

Altri Sport

Gimondi contro Merckx, la rivincita dell’Eterno Secondo nell’Inferno del Montjuïc Il 29 settembre 1942 nasceva Felice Gimondi, eroico ciclista italiano. Per ricordarlo vi raccontiamo...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Avrebbe compiuto oggi 101 anni l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Altri Sport

Sport e Prostituzione: da Campionesse a Escort, Suzy & Florica, atlete “d’alto bordo” Il sogno di ogni atleta, qualunque disciplina egli pratichi, è quello...

Basket

Mahmoud Abdul Rauf: il cecchino del Mississippi che ce l’aveva con gli Stati Uniti Washington, 14 marzo 1996. Va di scena il match NBA...

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Calcio

Tributo a Francesco Rocca, il Kawasaki giallorosso Per ricordarsi di Francesco Rocca, escludendo gli appassionati incalliti e gli addetti ai lavori, bisogna avere qualche...

Storie di Sport

Walter Bonatti: la solitudine e la grandezza del “Re delle Alpi” Nella notte tra il 30 e il 31 luglio 1954 veniva raggiunta la...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Compie oggi 48 anni Andrea Gaudenzi, il tennista italiano che ci ha fatto vivere una delle serate...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro