Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Malagò vola ai Giochi e i Presidenti provano il “golpe” per riprendersi la Serie A

Giovanni Malagò è in Corea per le Olimpiadi invernali. I cinque cerchi potrebbero regalargli soddisfazioni. Il sesto, però, quello rimasto in Italia, si restringe e, paradossalmente, potrebbe ridisegnare il calcio italiano.


 

Tutta “colpa” di Mediapro

La vendita dei diritti TV a Mediapro è stata salutata come un grande colpo dalla Lega di Malagò, ma non è stata affatto digerita (eufemismo) dai vertici delle società del calcio italiano. E così, mentre il Commissario si trova a 10mila chilometri di distanza dalla Confindustria del calcio, i membri operano come api industriose. Al centro della discussione, il neonato “governo” della serie A, che rischierebbe di essere immediatamente sfiduciato.

Un “golpe” sull’asse Roma-Torino

L’idea dei presidenti è di riunirsi in assemblea straordinaria, da convocare il prossimo 14 febbraio. Nel giorno degli innamorati, potrebbe scoppiare una…pace fra le varie fazioni della Serie A, divise negli interessi ma unite nel mal sopportare il Commissariato di Malagò, vissuto come un’ingerenza. I “riformisti” sono guidati da Urbano Cairo e Claudio Lotito: il presidente del Torino aveva proposto la figura di Javier Tebas, numero uno della Liga Spagnola, giudicato ideale per il ruolo di amministratore delegato. Claudio Lotito ha un manipolo di fedelissimi: tutta la media alta borghesia del calcio italiano. Genoa, Udinese, Torino insieme a Milan e Napoli. “Neutrali”, o meglio, in attesa: Inter, Juventus, Roma e Sassuolo. Anche loro, però, secondo i bene informati sono più propensi a spostarsi verso il fronte “Lotitiano-Cairiano”. Per motivi di opportunità, però, preferirebbero attendere il ritorno di Malagò.

Maggioranza ad un passo

La situazione è molto fluida. Qualora venisse convocata un’assemblea di Lega, l’aspirante presidente avrebbe bisogno di quattordici voti. Allo status quo, sarebbero già 13 i club intenzionati a trovare un accordo. La maggioranza è a un passo. E in quel caso, Malagò tornerebbe dai Giochi, il 26 febbraio, a… giochi fatti.  Del resto la presenza di Javier Tebas sarebbe la chiusura del cerchio del calcio. Diritti Tv in mano agli spagnoli e calcio italiano affidato a un iberico. Paradossalmente l’ago della bilancia potrebbe essere Ferrero. Il “Viperetta” deve ancora decidere da che parte stare. Intanto questa vicenda ha già un vincitore: Di Siervo, a.d. di Infront. Ha raggiunto l’obiettivo. Merita un capitolo a parte…

 

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (nona giornata) Dai big match che hanno chiuso la domenica di campionato escono due...

Storie di Sport

Roma-Napoli: una storia di calcio, cinema, musica e passione Si gioca oggi alle ore 18 all’Olimpico Roma-Napoli, una partita che un tempo era definita...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 22 ottobre 1964 nasceva Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una fiamma...

Economia

Malasanità: quanto è diffusa in Italia e come difendersi In questo periodo di emergenza sanitaria non dovremmo dimenticarci di un problema che purtroppo affligge...

Calcio

Streaming illegale e IPTV: ecco come funziona il “Pezzotto” e quanto è facile abbonarsi Lo streaming illegale delle IPTV torna d’attualità con l’intervento della...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A a cura di Paolo Valenti (ottava giornata) Il Napoli tiene, la Juve rilancia. E’ la sintesi delle...

Calcio

Quelli che sono stati anche figli di Beppe Viola Il 17 Ottobre 1982 ci salutava quel genio giornalistico, ma non solo, di Beppe Viola....

Calcio

Falcao, l’addio, la politica e il Papa Compie oggi 68 anni Paulo Roberto Falcao, l’ottavo Re di Roma, rimasto nella memoria dei tifosi giallorossi...

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 10 Ottobre 1991 moriva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

Aldo Biscardi: dalle intercettazioni con Moggi al “Moviolone” divenuto realtà Sono passati quattro esatti dalla morte di Aldo Biscardi. Il giornalista, autore e conduttore...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro