Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Malagò vola ai Giochi e i Presidenti provano il “golpe” per riprendersi la Serie A

Giovanni Malagò è in Corea per le Olimpiadi invernali. I cinque cerchi potrebbero regalargli soddisfazioni. Il sesto, però, quello rimasto in Italia, si restringe e, paradossalmente, potrebbe ridisegnare il calcio italiano.


 

Tutta “colpa” di Mediapro

La vendita dei diritti TV a Mediapro è stata salutata come un grande colpo dalla Lega di Malagò, ma non è stata affatto digerita (eufemismo) dai vertici delle società del calcio italiano. E così, mentre il Commissario si trova a 10mila chilometri di distanza dalla Confindustria del calcio, i membri operano come api industriose. Al centro della discussione, il neonato “governo” della serie A, che rischierebbe di essere immediatamente sfiduciato.

Un “golpe” sull’asse Roma-Torino

L’idea dei presidenti è di riunirsi in assemblea straordinaria, da convocare il prossimo 14 febbraio. Nel giorno degli innamorati, potrebbe scoppiare una…pace fra le varie fazioni della Serie A, divise negli interessi ma unite nel mal sopportare il Commissariato di Malagò, vissuto come un’ingerenza. I “riformisti” sono guidati da Urbano Cairo e Claudio Lotito: il presidente del Torino aveva proposto la figura di Javier Tebas, numero uno della Liga Spagnola, giudicato ideale per il ruolo di amministratore delegato. Claudio Lotito ha un manipolo di fedelissimi: tutta la media alta borghesia del calcio italiano. Genoa, Udinese, Torino insieme a Milan e Napoli. “Neutrali”, o meglio, in attesa: Inter, Juventus, Roma e Sassuolo. Anche loro, però, secondo i bene informati sono più propensi a spostarsi verso il fronte “Lotitiano-Cairiano”. Per motivi di opportunità, però, preferirebbero attendere il ritorno di Malagò.

Maggioranza ad un passo

La situazione è molto fluida. Qualora venisse convocata un’assemblea di Lega, l’aspirante presidente avrebbe bisogno di quattordici voti. Allo status quo, sarebbero già 13 i club intenzionati a trovare un accordo. La maggioranza è a un passo. E in quel caso, Malagò tornerebbe dai Giochi, il 26 febbraio, a… giochi fatti.  Del resto la presenza di Javier Tebas sarebbe la chiusura del cerchio del calcio. Diritti Tv in mano agli spagnoli e calcio italiano affidato a un iberico. Paradossalmente l’ago della bilancia potrebbe essere Ferrero. Il “Viperetta” deve ancora decidere da che parte stare. Intanto questa vicenda ha già un vincitore: Di Siervo, a.d. di Infront. Ha raggiunto l’obiettivo. Merita un capitolo a parte…

 

Luigi Pellicone
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Luis Vinicio, ‘O Lione Un sudamericano napoletano d’adozione. Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato di Bruno Pesaola, stavolta è il turno di Luis Vinicio,...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Sarà poi vero che abbiamo tutti una vita? La domanda appare scontata, se non addirittura...

Calcio

Franco Scoglio, Professore di calcio e di vita Avrebbe compiuto ieri 80 anni Franco Scoglio, storico e iconico allenatore del Genoa. Il nostro tributo...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

Storia, Disciplina e Onore: CSKA, viaggio nello Sport dell’Armata Rossa Il 29 Aprile 1929 nasceva la Polisportiva CSKA, massima espressione dello Sport dell’Unione Sovietica...

Altri Sport

A tu per tu con Marco Di Paola, presidente della Federazione Italiana Sport Equestri In questo difficile e complesso momento che stiamo vivendo il...

Altri Sport

27 aprile 1993: Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 27 Aprile 1993 l’aereo su cui viaggiava la Nazionale di calcio dello...

Calcio

Zavarov, lo ‘Zar’ che girava in Duna e sognava la pace Compie oggi 60 anni Oleksandr Zavarov, l’uomo scelto dalla Juve per rimpiazzare Platini,...

Calcio

C’era una volta il Calais: i dilettanti che distrussero le grandi del calcio Le Coppe Nazionali, soprattutto all’estero, regalano spesso favole da raccontare: quest’anno...

Calcio

Come Gigi Riva, anche Antonio Janni subì un grave incidente alla gamba con la maglia della Nazionale contro l’Austria a Vienna. Accadde nel 1929...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro