Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier

Il 14 Febbraio 2004 ci lasciava Marco Pantani, in circostanze ancora avvolte dal mistero. Per ricordarlo riviviamo uno delle sue imprese più grandi, forse la più grande. Quella del Tour de France 1998 nella leggendaria tappa del Galibier.

Quando parliamo di tour de France e di Marco Pantani, non possiamo non ricordare la tappa del Galibier. Sull’impervio percorso, a 4 km dalla vetta, c’è una stele in memoria di Marco Pantani​. Ciclista indimenticabile che è riuscito come pochi ad entusiasmare una nazione intera. Su quella strada il ​Pirata ha scritto molto più di un pezzo di storia dello sport. Ha firmato una leggenda.

Era il 27 luglio 1998​. Ottantacinquesima edizione de La Grande Boucle, 15a tappa Grenoble – Les Deux Alpes​, 189 km. Pantani​, vittorioso nell’undicesima frazione con uno scatto decisivo sull’ultima asperità di Plateau de Beille, è quarto in classifica generale a 3’01’’ dal tedesco Jan Ullrich. Tutta l’Italia attende trepidante un colpo di scena del Diavoletto di Cesenatico, ma sono in molti a credere che sarà difficile staccare il Kaiser. Serve un’impresa​, occorre recuperare i minuti di distacco e guadagnarne altri per difendersi nella cronometro di 52 km del penultimo giorno. Occorre un’azione da lontano. E Pantani non delude. L’atmosfera di quel tappone alpino è degna dei poemi omerici. Col de la Croix de Fer, Col du Télégraphe, Col du Galibier e Les Deux Alpes. Pioggia, vento e freddo​. Temperatura massima prevista di 12°C ed elicotteri rimasti a terra per la scarsa visibilità.

All’inizio del Galibier, Ullrich tenta uno scatto per dare una prova di forza. Azione innocua e il gruppo degli uomini di classifica si ricompone immediatamente. Il Pirata è lì, aspetta il momento giusto. La pioggia sferza i volti contratti dei corridori. A 47 km dal traguardo, a 4 km dalla cima del Galibier​, sul tratto più duro laddove ogni segno ed ogni grida sembra dire Bienvenue en enfer, il ​Pirata si porta sulla destra del gruppo, si alza sui pedali e parte. Uno scatto perentorio. Si volta e rallenta una sola volta per controllare la inutile reazione di Luc Leblanc. Poi di nuovo su con il suo inimitabile passo, sembra danzare. Le gocce schizzano per l’attrito delle ruote sull’asfalto. L’aquila ha spiccato il volo. Pantani macina metri, mulina pedalate, agile come il vento. Rilancia in continuazione​, con progressioni inaudite, tra due ali di folla in estasi. Recupera uno dopo l’altro tutti i fuggitivi, Escartin, Serrano, Massi, Jimenez, Rinero. Ullrich rimane solo, spiazzato, indeciso sul da farsi. In vetta, il distacco tra i due è già di 2’46”.

Prima della discesa il Pirata si ferma per indossare la mantellina e poi va giù in picchiata, planando, incurante dell’asfalto bagnato e dei tornanti. Giunto ai piedi de Les Deux Alpes, riprende la sua azione incontenibile​. Si alza per l’ennesima volta sui pedali e aggredisce la strada. Intanto Ullrich è in crisi totale. Sguardo fisso nel vuoto e bocca spalancata. A 4 km dal traguardo Pantani ha 4’45’’ su Bobby Julich e 6’10’’ su Ullrich. Ma il Pirata continua a spingere sui pedali con una forza inaudita. Senza tregua. Pugni serrati sul manubrio e muscoli in tensione.

Arriva al traguardo con il tempo di 5h43’45’’. Esultanza contenuta, la gioia è tutta nel rilassamento del volto e nelle braccia alzate al cielo. Secondo e terzo rispettivamente Rodolfo Massi a 1’54’’ e Fernando Escartin a 1’59’’. Ullrich arriva venticinquesimo con un distacco abissale di 8’57”​, accompagnato nella disfatta dai gregari Bjarne Riis e Udo Bölts. In quel momento il ​Pirata si prende il Tour​, come aveva fatto con il Giro più di un mese prima. Da allora il Galibier è la montagna del Pirata e dal 2011 vi è posta la stele in suo onore. Per ricordare un’impresa epica, un ciclista leggendario e un campione sfortunato​: il Pirata, Marco Pantani​.

 

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Il 6 aprile 1956 nasceva Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa tennista afroamericana che...

Altri Sport

Le Origini del Giro delle Fiandre Si corre domani alle ore 10 l’edizione 2021 del Giro delle Fiandre, una delle Classiche Monumento del ciclismo....

Altri Sport

Gelindo Bordin e l’impresa impossibile di Seul 1988 Compie oggi 62 anni  il maratoneta Gelindo Bordin, l’atleta che vinse un incredibile oro alle Olimpiadi...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 31 marzo 1980 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Calcio

Johan Cruijff, la dittatura argentina e il rifiuto ai Mondiali del ’78 Il 24 marzo 2016 Johan Cruijff, il Profeta del Goal, massimo interprete...

Altri Sport

Cosa significa essere Gianni Mura Lo scorso 21 marzo è stata ricordata la scomparsa di Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 20 marzo 1990 moriva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Altri Sport

La storia di Beñat Intxausti: Morto e risorto, sempre in bici Compie oggi 35 anni Beñat Intxausti, il ciclista la cui storia ci insegna...

Altri Sport

Milano – Sanremo: le origini del Mito Si corre domani l’edizione 2021 della Milano-Sanremo, una delle leggendarie classiche monumento. Per l’occasione vi raccontiamo le...

Calcio

Oronzo Pugliese, il Mago di Turi di un calcio che non esiste più L’11 Marzo 1990 ci lasciava uno dei primi allenatori pugliesi saliti...

Calcio

Malafeev era un portiere Compie oggi 42 anni Vjačeslav Malafeev, ex calciatore dello Zenit San Pietroburgo. La sua storia è una lezione di vita...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro