Connect with us

Cerca articoli

Calcio

L’ultima prodezza di Joey Barton: cacciato (pure) da Glasgow

Barton è un criminale… è uno stupido ed è un criminale, è uno stupido per la sua squadra ed è francamente un criminale. E infatti è un ex galeotto. Che brutta persona. Non dovrebbe mai stare in un campo di Premier League neanche con un biglietto Joey Barton. È la peggior immagine che si può dare allo sport… e la Premier League è un bellissimo campionato, che ha fatto pulizia dei tifosi, ha reso vivibile per famiglie gli stadi, ma nessuno dovrebbe mai vedere su un campo di calcio un giocatore come Joey Barton. Che vergogna. È un giocatore vergognoso, vergognoso”. Parole (e musica) di Massimo Marianella durante la telecronaca di Manchester City-QPR del 13 maggio 2012.

Il centrocampista di Liverpool ha appena compiuto l’ennesimo gesto di una carriera, ma potremmo anche dire di una vita, assolutamente sregolata; Barton, infatti, ha colpito Tevez con una gomitata. Viene quindi espulso, ma, non contento, si accanisce pure contro Aguero e Kompany, perdendo la testa.

A 29 anni, evidentemente, Barton non è ancora riuscito a sconfiggere i propri demoni interiori; gli stessi che gli hanno (in buona parte) rovinato una vita calcistica che altrimenti avrebbe potuto essere di grande successo.

Bypassando le innumerevoli ‘gesta’ commesse in passato (pugno in faccia al compagno Dabo ai tempi del City, le chiappe al vento mostrate ai tifosi dell’Everton, bottiglietta in faccia e passeggiata sui genitali del povero avversario Guthrle, la sigaretta spenta sulla faccia di un ragazzo della academy del City, 6 mesi di prigione per aver picchiato un ragazzo in strada, ecc. ecc..) dopo il fattaccio dell’Etihad Stadium, Barton viene spedito in prestito all’Olympique Marsiglia nel tentativo di ricostruirsi un’immagine almeno al di fuori dei confini nazionali. Tutto inutile.

Il 6 maggio 2013, infatti, l’inglese ottiene una sospensione per due partite per aver descritto in modo offensivo il difensore del PSG Thiago Silva su Twitter.

Tornato al QPR, la stagione 2013/2014 scorre sostanzialmente in serenità ma il 21 febbraio 2015, Barton riceve l’ennesimo rosso della carriera, nella sfida contro l’Hull City. Ramsey, tecnico del QPR, dichiara allora che è assolutamente necessario per il calciatore, squalificato per le successive tre partite, tornare a sottoporsi alla terapia di gestione della rabbia. E’ il preludio all’addio: a maggio del 2015, il QPR rescinde il contratto con Barton.

Nuova annata, nuova avventura. C’è ancora qualcuno disposto a scommettere su di lui: è Sean Dyche, tecnico del Burnley, militante nella Serie B inglese. La scommessa pare vinta. Fascia di capitano e leader in campo e fuori, Barton sembra davvero aver messo la testa a posto. 38 presenze e 3 gol aiutano in modo decisivo i Claret & Blue a tornare in Premier League dopo un anno di purgatorio.

Il contratto annuale, tuttavia, scade e Barton decide di cambiare. La nuova destinazione è Glasgow, sponda Rangers, nel frattempo tornati nella massima serie scozzese dopo il clamoroso fallimento societario del 2012.

Arriviamo, così, all’ultima ‘prodezza’ di Joey Barton. Il 10 settembre scorso, torna finalmente il leggendario ‘Old Firm’ tra Celtic e Rangers in Premiership. Finisce 5-1 per i biancoverdi. E’ una sconfitta dura da digerire e Barton (stranamente) va fuori di testa: discussione accesa con un paio di compagni di squadra e con l’allenatore Mark Warburton, che lo allontana dall’allenamento il giorno seguente.

Barton, non contento, non avendo apprezzato la decisione, reagisce in modo furente: “Lo scorso anno giocavate in un campionato di me**a contro squadre di me**a”. Parole che la squadra, ovviamente, non gradisce.

Dopo lo spiacevole avvenimento, il centrocampista non si è più presentato presso il centro sportivo della squadra ma su Twitter, a sorpresa, ha fatto un passo indietro. Ha ammesso di essere andato oltre le righe, ha porto le proprie scuse e ha ribadito che l’unica cosa che gli interessa veramente è che la sua squadra vinca.

Probabilmente sarà tutto inutile, non fosse altro per un ‘curriculum’ che parla da sé.

Matteo Luciani
A cura di

Nato a Roma sul finire degli anni Ottanta, dopo aver conseguito il diploma classico tra gloria (poca) e insuccessi (molti di più), mi sono iscritto e laureato in Lingue e Letterature Europee e Americane presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Tor Vergata. Appassionato, sin dall'età più tenera, di calcio, adoro raccontare le storie di “pallone”: il processo che sta portando il ‘tifoso’ sempre più a diventare, invece, ‘cliente’ proprio non fa per me. Nel 2016, ho coronato il sogno di scrivere un libro tutto mio ed è uscito "Meteore Romaniste”, mentre nel 2019 sono diventato giornalista pubblicista presso l'Ordine del Lazio

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

I leggendari 1.140 minuti dello Swindon Town dalla Third Division alla gloria di Wembley Il calcio è uno sport meraviglioso e niente entusiasma più...

Calcio

Il Nottingham Forest di Brian Clough in un football che non esiste più Il 20 Settembre 2004 moriva all’età di 69 anni Brian Clough,...

Calcio

Henrik Larsson: Nemo propheta in patria Compie oggi 49 anni Henrik Larsson, iconico giocatore svedese la cui storia ci insegna che alcune volte, per...

Tennis

Un campione può permettersi di sbagliare? A quanto pare no. Mi riferisco alla ormai nota pallata che Djokovic ha tirato a fondo campo, durante...

Calcio

Jock Stein, il destino del minatore che salì sul tetto d’Europa Il 10 Settembre 1985 ci lasciava Jock Stein, leggendario allenatore del Celtic Campione...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo C’è un tram, della Midlands Metro Service, che ha il nome di un calciatore....

Calcio

Viv Anderson, il primo Leone nero della Storia d’Inghilterra Il 29 Luglio 1956 nasceva Viv Anderson, il calciatore rimasto nella storia dello Sport per...

Calcio

Marcelo Bielsa: Storia del Loco Compie oggi 65 anni Marcelo Bielsa, El loco del calcio argentino. La sua storia, come il suo carattere, è...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Il 19 luglio 2013 moriva Bert Trautmann, il portiere tedesco che ci ha dimostrato come...

Calcio

Mongolia: come si gioca a calcio nella Città senza sole Mongolia (Монгол улс), Asia orientale. Cuore di quell’immenso territorio che fu l’Impero mongolo forgiato...

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Calcio

Omosessualità e Sport: nel calcio nessuno è “libero” di amare davvero Il 28 giugno di ogni anno si celebra il Gay Pride, la giornata...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro