Connect with us

Cerca articoli

Calcio

L’ultima follia del ‘Barbaro’ Guerrero

4 aprile 2010: al termine di un deludente pareggio casalingo contro l’Hannover, il bomber dell’Amburgo e, soprattutto, della nazionale peruviana (della quale è già allora un vero e proprio simbolo) Paolo Guerrero colpisce al volto con una bottiglietta d’acqua un tifoso della propria squadra, reo di aver urlato al suo indirizzo la frase «tornatene in Perù».

Il risultato? Multa di oltre 50.000 euro da parte del club di appartenenza, più 20.000 euro di multa e cinque giornate di squalifica da parte della federazione del paese teutonico. Stagione 2009/2010 che si chiude, così, per Guerrero con sole 6 presenze e 4 gol all’attivo.

5 marzo 2012: è il minuto 54 della sfida tra Amburgo e Stoccarda. I padroni di casa sono sotto di tre reti e Guerrero decide bene di entrare in maniera scomposta (eufemismo) nei confronti del portiere avversario Ulreich.

Il peruviano viene espulso e squalificato per ben 8 turni.

5 ottobre 2017: nell’infuocata cornice dello stadio “La Bombonera”, va in scena la partita tra l’Argentina di Sampaoli e Messi ed il Perù di capitan Guerrero. Dovrebbe essere la gara della svolta per la nazionale albiceleste ed invece è quella che rischia di trasformarsi in un incubo sulla strada che porta ai Mondiali della prossima estate in Russia. La partita finisce 0-0.

Al termine della sfida, Guerrero viene sorteggiato per sottoporsi al test anti-doping insieme al compagno Edison Flores.


Pochi giorni fa, emerge che l’ex attaccante, tra le altre, del Bayern Monaco (che lo prelevò giovanissimo dall’Alianza Lima prima di ‘disfarsene’ a causa del suo carattere tutt’altro che mansueto) è risultato positivo al suddetto test ed è quindi sospeso in via preventiva per 30 giorni.

E’ uno shock per tutto il Perù del calcio, che vede in Guerrero non soltanto il capitano della selezione ma anche il vero leader della squadra, in campo e fuori.

Tale stop, soprattutto, vuol dire che il ragazzo non potrà scendere in campo nel decisivo spareggio contro la Nuova Zelanda, utile a decidere chi staccherà uno degli ultimi pass per Russia 2018.

Questa era la breve storia (triste) del ‘Barbaro’ Guerrero; soprattutto, era la narrazione di ciò che questo calciatore avrebbe potuto essere e non è stato.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Ranieri e il destino a luci rosse dietro la favola Leicester Compie oggi 70 anni Claudio Ranieri, l’allenatore romano il cui nome sarà per...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Quelli che sono stati anche figli di Beppe Viola Il 17 Ottobre 1982 ci salutava quel genio giornalistico, ma non solo, di Beppe Viola....

Calcio

Jean-Marie Pfaff, un sorriso tra i guanti Sai che c’è? C’è che se da ragazzino passi il tempo in una roulotte, nel centro di...

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 10 Ottobre 1991 moriva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

Nils Liedholm: c’era una volta il “Barone” Avrebbe compiuto ieri 99 anni Nils Liedholm, indimenticabile Barone svedese del calcio italiano. Personaggio unico e inimitabile...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe L’8 ottobre 1928 nasceva Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno dei calciatori più iconici della...

Calcio

Aldo Biscardi: dalle intercettazioni con Moggi al “Moviolone” divenuto realtà Sono passati quattro esatti dalla morte di Aldo Biscardi. Il giornalista, autore e conduttore...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra Il 5 Ottobre 1957 ci lasciava Josè Leandro Andrade, la Maravilla Negra, il fenomeno dell’Uruguay...

Calcio

Gaetano Anzalone: storia di un Galantuomo Il 5 Ottobre 1930 nasceva Gaetano Anzalone, storico presidente della As Roma. Un uomo d’altri tempi, un galantuomo...

Altri Sport

Abdon Pamich: in marcia, con il Ricordo nel cuore Ha compiuto ieri 88 anni Abdon Pamich, il marciatore italiano divenuto simbolo sportivo degli esuli...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro