Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Lo strano caso del Regolamento di Serie B che dimentica il merito ma non si scorda dei milioni

La stranezza del regolamento della Serie B, per quanto riguarda la disputa dei play off e dei play out, è stata messa maggiormente in risalto in questa stagione sportiva appena conclusa. Secondo le regole che disciplinano gli “spareggi”, infatti, se la squadra terza classificata al termine del regolare campionato ha ottenuto più di 10 punti di distacco dalla quarta, è direttamente promossa nella massima serie. A differenza delle retrocessioni in Lega Pro: se la quart’ultima della classifica della serie cadetta ha realizzato più di cinque punti di distacco dalla quint’ultima, è retrocessa senza potersi aggrappare alla speranza “play out” – come avvenuto quest’anno-. 10 punti di distacco dalla quarta, dunque, per salire direttamente in A, 5 punti dalla quart’ultima per restare in B. Non c’è, dunque, uniformità tra le ipotesi di svolgimento dei play off e dei play out. E questo, potrebbe divenire un’ingiustizia insopportabile per quelle squadre che, paradossalmente, hanno condotto sempre un campionato al vertice, per poi rischiare di essere eliminate, nell’insidiosa turnata dei play off, da una squadra arrivata alla lotteria degli spareggi per il rotto della cuffia.

Se, infatti, c’è un distacco comprendente i 14 punti tra la terza e l’ottava, i play off vedono coinvolte le squadre che si sono classificate dal gradino più basso del podio fino, appunto, a chi è giunto nell’ottava posizione. Negli ultimi quattro anni di play off, intanto, nessuna formazione classificatasi terza è poi salita in serie A: Latina, Livorno, Vicenza e Trapani le squadre arrivate terze nelle ultime stagioni, ma sconfitte nei play off. In questi casi, però, il distacco tra la terza e la quarta era minimo -tranne per il Livorno che conquistò 7 punti di vantaggio sulla quarta, l’Empoli, che poi andò in serie A- al contrario di quanto accaduto quest’anno dove il Frosinone, giunto terzo, ha distaccato il Perugia, quarta classificata, con 9 punti, uno solo in meno per accedere alla promozione diretta. In serie B, in ogni caso, solo per un anno non si sono svolti i play off: stagione 2006/2007 Juventus, Napoli e Genoa direttamente in serie A. 10, infatti, furono i punti di distacco tra la squadra della Lanterna, arrivata terza, ed il Piacenza, classificatasi quarta al termine del campionato regolamentare.

L’ombra dei diritti televisivi e del ricavo dei biglietti, infatti, potrebbe aleggiare su tutta la questione. Senza ombra di dubbio, sono molto più attraenti e seguite le “battaglie” combattute per salire in Serie A, rispetto a partite giocate da squadre arrivate tra le ultime in classifica e che, con le unghie e con i denti, si giocano la permanenza nelle serie cadetta. Considerando anche i 64,5 milioni di euro che Sky elargisce alla serie B per il triennio 2015-2018 per i diritti televisivi – 21 milioni di euro per l’anno passato, 21,5 milioni per questo ancora in corso e 22 milioni per il prossimo– sembra quasi che questo sistema di regolamento sia pensato per strizzare l’occhio proprio alla parte “economica” del calcio, tra diritti televisivi, introiti pubblicitari e ricavi dai soldi dei biglietti -per gli spareggi infatti non vale l’abbonamento annuale già acquistato e quindi si è costretti a fare nuovi singoli tagliandi anche per gli abbonati- con buona pace della meritocrazia e della costanza sportiva.

Fonte Foto: SportAvellino

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Mistero Bergamini: Cronaca di un suicidio che non è mai accaduto Il 19 Novembre 1989 l’Italia del calcio e non solo si svegliava con...

Calcio

I diritti Tv nel calcio. Cosa potrebbe cambiare a stretto giro? Il calcio in televisione, un tema lungo ed articolato che affonda le sue...

Calcio

Franco Scoglio, Professore di calcio e di vita Il 3 ottobre 2005 ci lasciava Franco Scoglio, storico e iconico allenatore del Genoa. Il nostro...

Calcio

Napoli – Genoa: inizio e fine del gemellaggio più longevo della Serie A Oggi pomeriggio si giocherà al San Paolo Napoli – Genoa, valevole...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Il 16 settembre 2016 moriva l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Calcio

Vai col liscio! Casadei, balere, Riviera e Ricchiuti. Rimini e il calcio: i dolci ricordi dei ragazzi di Acori. Sogno biancorosso. Una favola semplice,...

Calcio

10.380 km di passione: Luch Vladivostok vs Baltika Kaliningrad, la trasferta più estrema al Mondo “Maciniamo i chilometri, superiamo gli ostacoli…”: è questa una...

Calcio

“E’ stato un colpo maligno della sorte”. Così Mario Cecchi Gori, padre di Vittorio, commenta a caldo la debacle della retrocessione in Serie B...

Calcio

I proverbi in Italia dicono che tutte le strade portano a Roma. E il detto dovrebbe essere ulteriormente vero se ti chiami Augusto, come...

Calcio

Lo strano mondo della Serie C dove prima fallisci poi vinci Per meglio comprendere la realtà italiana del calcio professionistico di provincia, quello alle...

Calcio

Calcio ed economia: perché è importante che la Serie A riparta Serie A, palla al centro. Governo, Figc e Lega calcio hanno raggiunto l’accordo...

Calcio

Passa la linea Gravina. Con 18 voti favorevoli e soli 3 contrari  (Dal Pino, Marotta e Lotito per la Lega Serie A) il Consiglio...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro