Connect with us

Cerca articoli

Doping

Lo strano caso del nuotatore Sun Yang

[themoneytizer id=”27127-1″]

Lo strano caso del nuotatore Sun Yang

Il destino di Sun Yang era nelle mani della WADA l’agenzia anti-doping mondiale che lo scorso aprile 2019 aveva fatto  un appello in merito al rifiuto dell’atleta cinese di sottoporsi ad un controllo anti-doping. Ora la WADA ha ottenuto un vittoriadi fronte al TAS di Losanna e Sun, già precedentemente sospeso per 3 mesi per uso di Trimetazidine nel maggio del 2014, è stato squalificato per 8 anni, quindi fino al febbraio 2028. In questo modo il campione cinese di nuoto non parteciperà alle Olimpiadi di Tokyo 2020, manterrà però tutte le medaglie e i successi in quanto il provvedimento non avrà valore retroattivo. Potrà, inoltre, ricorrere al Tribunale federale svizzero come ultima possibilità di non saltare i giochi.

.
.
In Italia ci ricordiamo di Sun Yang quando nell’agosto del 2015 durante i mondiali di Nuoto  non si presentò nonostante fosse il campione olimpico in carica e uno dei temibili avversari del nostro Paltrinieri ai blocchi di partenza dei 1500 metri dandosi per disperso. Alcuni attribuirono la sua assenza alla paura di un test anti-doping che avrebbe svelato la sua positività. La notizia fece molto clamore ma soprattutto alcuni giornali italiani volenti o nolenti titolarono, generando ilarità:“Nuoto, il cinese Sun Yang non si presenta. E’ giallo”. 
.
.
Tornando in argomento il motivo dell’appello della WADA fu conseguente al rifiuto di Yang di sottoporsi ad un test antidoping ma i connotati di questa vicenda sono grotteschi e inaspettati. Secondo quando riporta il Sun infatti nel settembre 2018 un controllo a sorpresa è stato effettuato a casa di Yang che riluttante e dopo una lunga sequela di insulti ai medici si è fatto prelevare il sangue. A quel punto la mamma del nuotatore cinese, evidentemente già conscia dell’esito dell’analisi di quella provetta, ha chiesto alle guardie di sicurezza di strapparla dalle mani dei medici e distruggerla. Detto fatto e quello che si cercato comunque di analizzare ovviamente non ha dato nessun esito per mancanza del quantitativo minimo di sangue necessario all’analisi
.
Furiosa la Wada nei confronti della FINA, la federazione internazionale del nuoto, che non decise di punire il tre volte campione olimpico per l’accaduto e non ha perso tempo nei 21 giorni disponibili per presentare appello.
.
Ora che  è stata presa una decisione del genere il futuro e la carriera del nuotatore cinese che anche dai suoi colleghi  è stato più volte definito “Drug Cheat” imbroglione dopato durante le ultime apparizioni, sembra segnato. Al di là di come andrà a finire la vicenda la sua reputazione, visto il suo gesto è rovinata e la sua carriera avvolta sempre da dubbi e sospetti.
.
[themoneytizer id=”27127-28″]
Emanuele Sabatino

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Pugilato

Billy Collins e quel pugno “dopato” che ha distrutto la sua vita Il 21 settembre 1961 nasceva il pugile di origini irlandesi Billy Collins,...

Doping

La Caffeina è Doping? La caffeina migliora sensibilmente le prestazioni atletiche e il suo consumo è stato sottoposto a continui controlli per gli atleti...

Integratori

Caffeina e Sport La caffeina è una sostanza che può migliorare le prestazioni fisiche e mentali. Una singola dose può migliorare in modo significativo...

Tennis

Un campione può permettersi di sbagliare? A quanto pare no. Mi riferisco alla ormai nota pallata che Djokovic ha tirato a fondo campo, durante...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Storie di Sport

Strage di Monaco, le colpe dei tedeschi Durante le Olimpiadi di Monaco 1972, nella notte tra il 5 e il 6 Settembre un gruppo...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il 2 settembre 1937 moriva Pierre De Coubertin, padre delle...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Ripetuto volteggio fra apice e baratro, la vita di Nadia Comăneci si è sviluppata quasi fosse...

Altri Sport

Jonathan Edwards, il Gabbiano che non volava di domenica Il 7 agosto 1995 ai Mondiali di atletica di Goteborg, Jonathan Edwards, l’uomo volante del...

Altri Sport

Lo sport non è soltanto passione ed intrattenimento, ma anche impegno ed abnegazione. Un misto di determinazione e sacrificio, senza i quali, come spesso...

Altri Sport

Hassiba Boulmerka, un oro per la libertà Compie oggi 52 anni Hassiba Boulmerka, l’atleta algerina divenuta simbolo di libertà contro la discriminazione che soffriva...

Calcio

Stefano Borgonovo e gli altri: vittime innocenti della Sla, la malattia dei calciatori Il 27 giugno 2013 moriva Stefano Borgonovo,. La causa della morte:...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro