Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Lo Sport contro il dolore

[themoneytizer id=”27127-1″]

Lo Sport contro il dolore

A L’Aquila, nel decennale del sisma, un convegno del CSI con interventi di esperti accademici e testimoni oculari, l’eccezionale partecipazione dell’olimpionica della ritmica Elisa Santoni. Angela Tosoni della Protezione Civile nazionale: “L’esperienza aquilana ha fatto scuola: lo sport nostro alleato nel recupero psicologico”. Si chiude il Progetto REACT1ON AQ.

Cosa si deve provare, ammesso che poi sia possibile, anche a distanza di tempo, raccontarlo con lucidità, quando la terra dove si è nati e la natura in cui è inserita da madri si trasforma in “matrigne”, per dirla con una definizione di Giacomo Leopardi? Di certo si avverte una sensazione di annichilimento che è più devastante del dolore stesso.

E’ quanto accaduto a L’Aquila nel 2009: il terremoto del 6 aprile provocò 309 morti e lasciò ferite profonde, frantumando, letteralmente e polverizzando il tessuto culturale ed economico di tutta la città. In occasione di un’esperienza così traumatica, affinché il tempo non resti bloccato nel momento in cui la scossa fermò le lancette dell’orologio, è necessario che la comunità colpita da un evento del genere reagisca, manifestando la voglia di rinascere e di tornare agli antichi splendori. E’ il concetto stesso di “resilienza”, ossia la capacità di resistere agli urti senza andare in frantumi, una dote che consente di superare, con sacrificio e costanza, gli effetti a lungo termine di un trauma di natura psicologica.

Proprio la resilienza è stata l’oggetto di una tavola rotonda organizzata dal CSI e ospitata venerdì pomeriggio nel capoluogo aquilano presso Palazzo Fibbioni. L’evento rappresentava la settima e ultima tappa prevista dal calendario del progetto REACT1ON AQ, voluto dall’ente di promozione sportiva arancio-blu e da altri partner locali nell’ambito del Programma RESTART del Comune dell’Aquila, con lo scopo di rilanciare – anche in chiave turistica – il patrimonio del capoluogo d’Abruzzo. Ampia la platea degli ospiti che ha presenziato al rendez-vous. I saluti istituzionali sono stati affidati a Vittorio Fabrizi (Assessore allo Sport Comune dell’Aquila), Enrico Melonio (Presidente del CSI L’Aquila), Angelo De Marcellis (Presidente del CSI Abruzzo) che ha precisato l’obiettivo della tavola rotonda: “Il CSI è spesso chiamato ad operare nei contesti post calamitosi: vorremmo aprire un dibattito che porti ad un riconoscimento ufficiale dello sport nei protocolli di intervento”. Subito dopo si è aperta la discussione con gli interventi di quattro relatori: la prof.ssa Maria Giulia Vinciguerra (docente associata di Scienze e Tecnica delle Attività Motorie e Sportive dell’Università degli Studi dell’Aquila), il prof. Alessandro Rossi (docente ordinario di Psichiatria dell’Università degli Studi dell’Aquila), il prof. Nico Bortoletto (docente associato di Sociologia dello Sport dell’Università degli Studi di Teramo) e di Angela Tosoni (Funzionario del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale) che si è soffermata sull’esperienza aquilana: “Lo sport è stato un nostro alleato: dobbiamo attivare azioni concrete con realtà come il Centro Sportivo Italiano”.

Anche le personalità accademiche hanno sottolineato quanto sia importante praticare uno sport che agisca da volano per raggiungere il fine costituito dal superamento dei traumi. Quando si calcia un pallone, sia esso di calcio, di basket o di pallavolo, si “distrae” la mente, impedendole di pensare continuamente alle situazioni negative che affliggono la nostra vita. E nelle discipline di squadra gli effetti benefici sono ancor più evidenti: rincorrere un obiettivo comune in ambito sportivo stimola le persone a dare il meglio di loro stesse, favorisce la solidarietà tra compagni e offre spunti per socializzare e “fare comunità”.

L’incontro è stato moderato dal giornalista Paolo Sinibaldi, mentre le conclusioni del dibattito sono state affidate a Fabrizio Pieri, coordinatore ciessino per il progetto React10n AQ. La serata si è chiusa presso la Sala Ridotto del Teatro Comunale, dove si è tenuto uno spettacolo di danza, ginnastica ritmica e danza aerea intitolato “Danza in scena”. La coreografia è stata curata dal partner di progetto L’Etoile (società affiliata al CSI).

Nel corso dello show è intervenuta anche la Campionessa Olimpionica di Ginnastica Ritmica Elisa Santoni: l’ex atleta e capitano della Nazionale Italiana ha portato la sua esperienza personale e sportiva, dai successi in pedana alla laurea in Scienze Motorie conseguita proprio a L’Aquila, fino all’attuale ruolo nel settore della Preparazione Olimpica nel CONI nazionale.

Nulla, meglio delle sue parole, ha saputo rendere l’idea di come lo sport, a ogni livello, possa rappresentare una chiave di volta per ritrovare se stessi; per riemergere dalle macerie, fisiche e ancor più emotive, di una tragedia come quella provocata dal grave sisma di dieci anni fa: corpo, cuore e cervello cooperano al fine di raggiungere un risultato, quale che sia. Nel frattempo, lungo il tracciato della fatica, l’individuo ritrova se stesso.

[themoneytizer id=”27127-28″]

A cura di

Romano, 47 anni, voce di Radio Radio; editorialista; opinionista televisivo; scrittore, è autore di libri sulle leggende dello sport: tra gli altri, “Villeneuve - Il cuore e l’asfalto”, “Senna - Prost: il duello”, “Muhammad Ali - Il pugno di Dio”. Al mattino, insegna lettere.

Da non perdere

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Pier Luigi Nervi, l’architettura al servizio dello sport Il 9 Gennaio 1979 moriva un maestro indiscusso della storia dell’architettura italiana, Pier Luigi Nervi, un innovatore nell’ambito...

Altri Sport

La poesia “sbagliata” di Miguel: storia del desaparecido che amava correre e sognare Dei trentamila desaparecidos che l’Argentina degli orrori ha strappato alla vita...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il primo gennaio 1863 nasceva Pierre De Coubertin, l’uomo al...

Calcio

Il calcio secondo Bernardo Bertolucci Il 26 novembre 2018 ci lasciava, all’età di 77 anni, Bernardo Bertolucci, il regista parmigiano, autore di alcuni capolavori...

Inchieste & Focus

Grace Murray Hopper, matematica statunitense diceva che la frase più pericolosa del mondo è “abbiamo sempre fatto così”. Questo nello sport dovrebbe essere applicato...

Altri Sport

We are Marshall: Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 14 Novembre 1970 in West Virginia, l’aereo della Southern Airways Flight 932 con...

Calcio

Giovanni Paolo II, l’Atleta di Dio. Il 22 ottobre di 42 anni fa Karol Wojtyla dava inizio al suo pontificato. Fu il primo papa...

Calcio

Dario Fo: il Premio Nobel che amava il calcio “vecchie maniere” Il 13 Ottobre 2016 moriva Dario Fo, uno degli artisti italiani più stimati...

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Pugilato

Billy Collins e quel pugno “dopato” che ha distrutto la sua vita Il 21 settembre 1961 nasceva il pugile di origini irlandesi Billy Collins,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro