Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Lo Sport “creativo” al tempo del Coronavirus

Il Sport creativo al tempo del Coronavirus

Ricapitolando.

Conte emette un decreto restrittivo per i movimenti in Italia. All’interno del decreto, art. 2 lettera G, viene stabilito che “le attività sportive all’aperto possono farsi ma con il rispetto delle distanze di sicurezza.”.

L’italiano scrupoloso, letto il decreto, va dalle autorità della sua zona e chiede lumi. Le autorità chiariscono che sarebbe meglio comunque essere totalmente soli e non creare assembramenti. A quel punto l’italiano scrupoloso, che peraltro faceva sport anche prima, si alza a ore antelucane e nella solitudine va a fare sport guardato solo da un raro esemplare di lupo nero che gli ulula dietro “muandocuazzovaiuuuuhhh”.

L’italiano furbo legge il decreto e a quel punto:

Non ha mai fatto sport ma all’improvviso la pista ciclabile gli appare più desiderabile di Monica Bellucci in lingerie.

Organizza la coppa Cobram di ciclismo con 140 partecipanti e pranzo compreso alla trattoria abusiva da Giggi Er Troione.

Corre con le infradito e un costume comprato alla Lidl con la scritta “mondiali di calcio Brasile 2014”, perché sprovvisto di attrezzatura.

Rischia un enfisema al metro, in tutto fanno cinquanta.

Porta la famiglia al parco, fa due corsette per stimolare l’appetito e poi con la scusa “lo sport mette fame” si siede e gozzoviglia mangiando carne di brontosauro grigliata sul posto.

Fa 30 km in bici da un paese all’altro e viene prima arrestato poi quasi fucilato sulla pubblica piazza dagli agenti e con la stessa aria di Morgan chiede “che succede?”.

Fa 40 km in macchina perché “devo andave a covveve vicino al mave, la salsedine fa bene alla salute”. Anche lì fermato dagli agenti a colpi di manganello e limortaccitua.

Poi c’è chi prova a spiegare il decreto, a dire cosa significa. Ma ormai grazie a questi comportamenti chiunque provi a fare sport correttamente secondo i dettami, non vedendo nessuno se non due volpi, un cinghiale e il lupo suddetto, è un untore come i soggettoni succitati.

A questo punto caro Conte, te lo chiedo. L’italiano non sa godere nemmeno del minimo delle sue libertà. Abolisci ‘sto cazzo di art. 2 lettera G. Te lo dico a mio sfavore. Ma con tutto il cuore fallo e mandaci in culo tutti quanti. Non siamo capaci. Mi spiace solo che il lupo si sentirà solo. Capirà.

Ettore Zanca
A cura di

Facebook

Da non perdere

Economia

Criptovalute: cresce anche nel mondo dello sport l’attenzione per la blockchain Nell’ultimo anno molte aziende hanno iniziato ad accettare pagamenti con le criptovalute e...

Altri Sport

Le Origini del Giro: La storia della mitica Corsa Rosa Inizia domani alle ore 12 l’edizione 104 del Giro D’Italia, con partenza da Torino...

Altri Sport

Gino Bartali, il fascismo e quel Tour de France che “salvò” l’Italia Il 5 maggio 2000 ci lasciava Gino Bartali, leggenda del ciclismo italiano...

Altri Sport

A tu per tu con Carolina Stramare, tra moda e sport A Tu per Tu con Carolina Stramare, Miss Italia 2019. Carolina è una...

Storie di Sport

L’amore di Andre per Steffi Per i 51 anni compiuti oggi dal leggendario tennista Andre Agassi, vi raccontiamo un episodio che spiega bene il...

Altri Sport

Bradley Wiggins, una vita in fuga Compie oggi 41 anni Bradley Wiggins, l’ex ciclista inglese, la cui storia sembra uscita da una biografia di...

Altri Sport

27 aprile 1993: Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 27 Aprile 1993 l’aereo su cui viaggiava la Nazionale di calcio dello...

Calcio Social

Nei primi giorni di aprile, Vivek Ranadivé, amministratore delegato dei Sacramento Kings, ha annunciato in una stanza su Clubhouse che tutti i membri della...

Altri Sport

La poesia “sbagliata” di Miguel: storia del desaparecido che amava correre e sognare Il 23 aprile 1985 a Buenos Aires si apriva il processo...

Altri Sport

A tu per tu con Paolo Bettini, il Grillo più veloce del mondo In questa pazza stagione agonistica, che si sta svolgendo rigidamente a...

Allenamento

Cosa portare con te in palestra per un ottimo allenamento Hai scelto la palestra perfetta per te, cosa segue dopo? Bene, se vuoi che...

Calcio

Strage di Hillsborough, 32 anni dopo: le verità scomode di una tragedia evitabile Il 15 Aprile 1989 allo stadio Hillsborough di Sheffield, avvenne una...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro