Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Lo sforzo dell’Inghilterra per ‘dare un calcio’ alle disabilità

Il mondo del calcio deve fare molto, molto di più per coinvolgere i fan e gli atleti disabili”, parola di Danny Mills, ex arcigno difensore inglese che ha vestito pure la maglia dei Tre Leoni.

A margine del lancio dell’iniziativa, targata Football League, ‘Every Player Counts’ (Ogni Calciatore Conta), Mills ha affermato che non soltanto oltre la Manica, ma più in generale in tutto il mondo, è necessario che il calcio moltiplichi gli sforzi per rendere fruibile allo stesso modo lo spettacolo offerto ai fan senza disabilità e quello per coloro affetti da handicap.

Oltre un milione di sterline, raccolti dall’organizzazione Wembley National Stadium Trust, sarà diviso tra i venticinque club che hanno partecipato alla fase finale della coppa di lega inglese proprio per tentare di raggiungere tale, fondamentale, obiettivo. Lo scopo è di coinvolgere circa 10.000 disabili in più rispetto a quanto accade attualmente durante le attività pre e post partita.

Il calcio è un mezzo straordinario per unire un numero incredibile di persone e allora perché tagliare fuori da tutto ciò coloro che già quotidianamente devono affrontare sfide più complicate di qualunque persona senza handicap?,” il quesito di Mills.

In tanti ancora oggi sono quasi impauriti dai disabili. Tutto ciò che è lievemente differente da noi, lo temiamo. Nulla di più sbagliato. Bisogna rivoluzionare, intanto nel calcio poi nella società, tale modo di pensare e coinvolgere in questo sport più persone disabili possibili.

Ma quali sono, effettivamente, i provvedimenti che si prenderanno in Inghilterra per fare centro e non perdere questa sfida?

  • Maggiore pubblicità e sostanziali miglioramenti nelle attività che servono per condurre persone con handicap allo stadio per vedere una partita. Inoltre, un programma per spiegare a tutti coloro che vorranno quanti benefici personali possa portare la partecipazione ad eventi di massa come una partita di calcio per chi è disabile e non solo.
  • Ogni club dovrà attivarsi per fornire progetti specifici nei confronti dei propri fan disabili. Molto importante sarà il ruolo ricoperto dal calcio in carrozzina, con l’obiettivo di far appassionare a tale sport il maggior numero possibile di disabili grazie all’aiuto dei club per i quali fanno il tifo.
  • Dal punto di vista del calcio giocato, invece, l’obiettivo è: coinvolgere 3.000 nuovi disabili all’interno di scuole calcio dislocate in tutto il paese; creare 31 nuove squadre; formare circa 130 allenatori per tali squadre formate da ragazzi con handicap.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere Compie oggi 35 anni Jamie Vardy, il bomber del Leicester, la cui storia ci ha insegnato...

Calcio

Wimbledon ’88, la gloria dei bastardi Per i 57 anni compiuti oggi da Vinnie Jones, vi raccontiamo in FA Cup della squadra più scorretta di...

Calcio

Ad un passo dalla morte fino alla Premier League: la storia di Shane Duffy Compie oggi 30 anni Shane Duffy, il calciatore irlandese la...

Calcio

Stan Bowles: il più grande talento che non avete mai visto Compie oggi 73 anni Stan Bowles, un calciatore il cui nome non potrebbe...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Lo scorso 30 ottobre ricorreva la scomparsa, avvenuta nel 2020, di Nobby Stiles, il piccolo...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Tutto comincia in una zona borghese di Brema nel 1923, nella quale il giovane Bernhard...

Calcio

La Strage allo Stadio Lenin di Mosca e l’insabbiamento del regime Il 20 Ottobre 1982 allo Stadio Lenin di Mosca, durante una partita di...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Dario Fo: il Premio Nobel che amava il calcio “vecchie maniere” Il 13 Ottobre 2016 moriva Dario Fo, uno degli artisti italiani più stimati...

Calcio

Calcio e Razzismo: tra modifiche e belle parole, riusciremo davvero a risolvere il problema? Torna in prima pagina la questione razzismo nel calcio, dopo...

Calcio

Il Nottingham Forest di Brian Clough in un football che non esiste più Il 20 Settembre 2004 moriva all’età di 69 anni Brian Clough,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro