Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90

In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano del Napoli, riviviamo l’aneddoto al quale in Italia associamo il suo nome, quello della famosa monetina. Ma nella Serie A 1989-90 tanti furono gli episodi poco chiari. Ve li raccontiamo.

Campionato di calcio 1989/1990. In Italia, alla vigilia dei Mondiali, si gioca il campionato più bello, ricco e importante del mondo. Tutti i protagonisti della Kermesse arricchiscono la serie A. Il Milan ha Rijkaard, Gullit e Van Basten (campioni d’Europa nel 1988). Il Napoli, Maradona e Careca. L’Inter, i tedeschi Klinsmann, Matthaus e Brehme (che vinceranno i mondiali), la Fiorentina Roberto Baggio. La Sampdoria Vialli e Mancini. La Juve è sempre la Juve.

Salvatore Carmando, l’uomo in più

Quel campionato fu deciso da un gregario non giocatore. Salvatore Carmando, protagonista di una storia di calcio avvolta nel mistero.

8 aprile 1990. Trentesima giornata di campionato: ne mancano quattro. Il Milan di Sacchi è in testa con un punto di vantaggio sul Napoli. I rossoneri sono impegnati a Bologna. I partenopei a Bergamo. Entrambe le gare sono incanalate sullo 0-0. In casa dell’Atalanta, però, accade qualcosa di strano. Al 75′ Alemao, grintoso centrocampista azzurro, è colpito da una monetina piovuta dagli spalti. Salvatore Carmando lascia la panchina, attraversa il campo e percepisce il fattore discriminante della stagione. Il regolamento dell’epoca parla chiaro: se un calciatore è costretto a lasciare il campo in seguito ad atti violenti commessi dai tifosi, la squadra che ha subito il danno può ottenere lo 0-2 dal Giudice Sportivo. 0-2 è una vittoria.

Proprio ciò che serve al Napoli per raggiungere il Milan in classifica….

Alemao è a terra, Carmando gli è accanto e parla in modo concitato. Cosa si dicono i due? Non lo sapremo mai. Secondo lo staff medico, il brasiliano non è in grado di proseguire la partita. La ferita alla testa c’è. Leggenda narra di un intervento al volo, “ad hoc”, per aggravare la situazione clinica, la ferita, del calciatore. Alemao raggiunge l’ospedale, dove è trattenuto per verificare eventuali traumi ed è trattenuto per ulteriori accertamenti. La partita finisce 0-0. Come a Bologna. Il Napoli fa ricorso al Giudice Sportivo.

Prima e dopo la decisione, accade di tutto. Corrado Ferlaino, il presidente del Napoli, raggiunge Alemao all’ospedale e afferma che il giocatore non lo riconosce. Il Milan, convinto di subire un sopruso, ingaggia un esperto di lettura labiale, che sostiene con ragionevole certezza: Carmando dice “stai giù” ad Alemao mentre il calciatore cerca di rialzarsi. In ogni caso la lesione c’è: quanto basta per lasciare inalterato il verdetto, nonostante i ricorsi. Il Giudice Sportivo applica il regolamento: il Napoli vince 0-2. E raggiunge il Milan senza giocare.

Gli episodi sospetti del Campionato 1989-90

Al giallo, si aggiunge il mistero. Si sussurra che la decisione del Giudice Sportivo sia figlia di un “risarcimento danni”: al Bologna, infatti, è stato annullato ingiustamente un gol di Marronaro. Il pallone entra di mezzo metro. Baresi copre l’arbitro Lanese, che non può vedere. Il Milan, senza quella svista, avrebbe comunque perso la partita. Ci sono abbastanza indizi per sostenere che la decisione del Giudice sia salomonica: il 2-0 al Napoli restituisce il “maltolto” agli azzurri che avrebbero comunque raggiunto in classifica il Milan, se il gol di Marronaro fosse stato (come era giusto fare) convalidato.

Alla trentaduesima giornata, Napoli e Milan sono ancora appaiate. Restano 180′. Due giornate. É quasi maggio. E Vicini, CT azzurro, è sull’orlo di una crisi di nervi. Tutti i nazionali sono stracarichi di impegni. Juventus e Fiorentina sono in finale UEFA. La Sampdoria è in finale di Coppa delle Coppe. Il Milan si giocherà la Champions con il Benfica. E c’è da preparare il Mondiale da vincere in casa. Non c’è tempo né voglia, in FIGC, di sopportate anche uno spareggio.

Puntualmente, accade qualcosa di misterioso. Il 22 aprile 1990 il Milan è in corsa su due fronti: può vincere la Champions e lo Scudetto. Al Napoli, invece, resta solo il campionato. Sarà il caso, ma a Verona, dove è di scena il Milan, succede di tutto: rossoneri in vantaggio. Lo Bello (figlio) nella ripresa, espelle Rijkaard, Van Basten e Costacurta in campo e Sacchi in panchina. Ridotti in otto uomini, i rossoneri sono prima rimontati. Quindi subiscono il gol di Pellegrini che li condanna. -2 dal Napoli (che vince a Bologna) a due giornate dalla fine. Il campionato si chiude, di fatto, così.

Il Napoli celebrerà il suo secondo scudetto. Il Milan si consolerà con la Coppa dei Campioni. Per la cronaca, al termine di quella stagione, cambia il regolamento: lo 0-2 a tavolino è abolito…

 

Luigi Pellicone
A cura di

Commenti

3 Comments

  1. Avatar

    giuseppe

    Febbraio 28, 2020 at 1:06 pm

    Vorrei capire il fine di questo articolo, perchè non si capisce se chi scrive è convinto che il Milan sia stato derubato o meno. In attesa mi vengono a mente alcune cose: Se il Napoli parla di scudetto rubato dalla Juve due anni fa quando in quel di San Siro l’Inter vinceva 2-1 sualla Juve successe di tutto con Orasto protagonista in negativo e la Juve vinse 2-3, si risponde con “chiagnere”, mentre se il Milan perde a Verona 4-2 con Lo Bello protagonosta si parla di furto ai danni del MIlan. Poi anche se il Napoli non avesse vinto a tavolino 0-2 ma fosse finita 0-0, il napoli avrebbe avuto un punto e non due come risultato del pareggio invece della vittoria, ora se la calssifica finale sentenziò Napoli 51 punti vittorioso sul Milan secondo 49 punti, cioè con due punti di vantaggio, non sarebbe cambiato nulla, in quanto il napoli sarebbe stato campione anche con un solo punto di vantaggio. o no? E allora…….di cosa parliamo?
    Ma poi che il MIlan, che insieme alla Juve e all’Inter rappresentano il potere del calcio italiano da sempre si lamenti di essere stato derubato da una squadra che non ha mai avuto nessun peso politico nel palazzo, mi sembra assurdo.

  2. Avatar

    giuseppe

    Febbraio 28, 2020 at 1:15 pm

    LA VERITA’ E’ CHE IL MILAN A VERONA PERSE LA TESTA A CAUSA DELLA PRESSIONE DEL MOMENTO DOVUTA ALLE NOTIZIE CHE ARRIVAVANO DA BOLOGNA DOVE IL NAPOLI VINCEVA E IL NAPOLI PERSE LA TESTA A FIRENZE IN QUELLA PARTITA A CAUSA DELLA PRESSIONE DEL DOVER VINCERE A TUTTI COSTI A CAUSA DI QUELLO CHE ACCADDE A SAN SIRO DI CUI NEL POST PRECEDENTE. TUTTI DOVREMMO ACCETTARE LE SCONFITTE, NON SOLO I TIFOSI DEL NAPOLI

  3. Avatar

    Francesco

    Aprile 12, 2020 at 9:59 pm

    Ricostruzione nella sostanza abbastanza corretta ma discretamente imprecisa e carente:
    – “8 aprile 1990. Trentesima giornata di campionato” FALSO: era la TRENTUNESIMA, ne mancavano TRE alla fine del campionato, che finirà il 29 aprile (21 giorni dopo) e all’epoca non c’erano turni infrasettimanali (o meglio, in quella stagione ve ne furono due, entrambi alla terza giornata (sia di andata che di ritorno) per far si che la stagione finisse in anticipo per gli imminenti mondiali italiani);
    – ” il Napoli vince 0-2. E raggiunge il Milan senza giocare” FALSO: Atalanta-Napoli NON FU SOSPESA ma terminò regolarmente sul campo (col risultato di 0-0)
    – “il Milan si giocherà la Champions con il Benfica” FALSO: il Milan doveva giocarsi la COPPA DEI CAMPIONI, tutta ad eliminazione diretta, non certo il carrozzone commercial-televisivo odierno ;
    – “il 22 aprile 1990 il Milan è in corsa su due fronti” FALSO: il Milan era in corsa su TRE fronti (il 25 aprile avrebbe giocato la finale di ritorno di coppa Italia, partendo dal risultato di 0-0 maturato all’andata)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Calcio

Campioni di Politica: quando gli sportivi salgono al potere Provando a fare una rapida e poco approfondita considerazione socio-psicologica, non suona poi così strano...

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Motori

Senna contro Prost: la leggendaria rivalità all’ombra del Sol Levante Per i 66 anni compiuti oggi da Alain Prost, vi raccontiamo una delle rivalità...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal,...

Calcio

Willem van Hanegem, il Sopravvissuto Compie oggi 77 anni Willem van Hanegem, iconico giocatore dell’Olanda del Calcio totale che per tutta la sua vita...

Calcio

A tu per tu con Eleonora Cristiani, tra social calcio e Cosenza Abbiamo intervistato Eleonora Cristiani, volto noto della Serie B. Eleonora, tifosissima del...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 19 febbraio 1961 nasceva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Socrates: storia di un Dottore che non faceva altro che essere se stesso Il 19 febbraio 1954 nasceva uno dei personaggi più iconici della...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro