Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

L’Italvolley e la maledizione dell’oro olimpico. A Rio gli azzurri sognano di sfatare il tabù

Quattro Agosto 1996, Atlanta. Si gioca la finale olimpica di pallavolo maschile. Da una parte l’Italia degli invincibili guidata da Julio Velasco e Campione di tutto, dall’altra l’Olanda già battuta agevolmente dagli azzurri nel girone eliminatorio. Un pronostico scritto ma, come spesso succede nello sport, ribaltabile. Quella sera ad Atlanta succede l’imponderabile con gli Orange che riescono a portarsi a casa la medaglia del metallo più prezioso con un 3-2 al cardiopalma. Per l’Italia del volley è senza dubbio la più grande delusione di sempre, ma è anche l’inizio di una vera e proprio maledizione, quella delle Olimpiadi.

Mai, neanche durante il periodo leggendario di Julio Velasco in cui la Nazionale italiana di Volley dettava legge in tutto il pianeta vincendo ben tre mondali di fila, gli azzurri sono mai riusciti a conquistare l’oro olimpico. Quella sera sembrava lì a portata di mano, pronto a coronare il percorso di un gruppo di ragazzi favolosi che vinsero tutto quello che c’era da vincere, tranne quel maledetto oro. La delusione di Atlanta non poteva essere minimamente paragonabile a quella di quattro anni prima a Barcellona quando l’Italia uscì clamorosamente ai quarti di finale del torneo olimpico sempre con l’Olanda. Ancora acerba quella nazionale per poter arrivare fino in fondo in torneo così insidioso come quello olimpico. Nel 96 l’Italia era nettamente la più forte, la più consapevole, la più pronta a prendersi l’oro, ma così non fu. Dopo Atlanta gli azzurri vinsero, quasi d’inerzia, un altro mondiale nel ’98 in Giappone e poi, nelle successive 4 olimpiadi, riuscirono ad arrivare in 3 occasioni a medaglie, raccogliendo 2 bronzi ed un argento. Mai però sono riusciti ad arrivare così vicini all’oro come quella sera di Agosto di venti anni fa, neanche ad Atene nel 2004, quando, in finale, furono battuti meritatamente dal Brasile per 3-1.

Domenica a Rio de Janeiro l’Italia del Ct Blengini inizierà la sua avventura alle Olimpiadi contro la Francia. Gli azzurri sono inseriti nel girone A con con Stati Uniti, Canada, Francia, Messico e con i padroni di casa, oltre che  favoriti per la vittoria finale, del Brasile. Un girone tutt’altro che semplice che però la squadra di Gianlorenzo Blengini può superare. Superare le prima fase e poi buttarsi nella magia delle Olimpiadi cercando di salire sul podio, è questo l’obiettivo della spedizione italiana in Brasile. Andare avanti il più possibile, sperando, magari, di poter mettersi al collo quella medaglia d’ora tanto desiderata, dimenticando una volta per tutte quella sconfitta di Atlanta che a venti anni di distanza brucia e ancora tanto.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Interviste

Gli Dei di Olimpia: intervista a Valerio Iafrate – Io ha sempre utilizzato Olimpiadi e Mondiali di calcio (ma pure Europei di calcio e Mondiali...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Altri Sport

Festa della Donna: Hassiba Boulmerka, un oro per la libertà Per la Festa della Donna che si celebra oggi, vi raccontiamo la storia di...

Altri Sport

Indipendenza Kosovo: l’oro di Majlinda, la gloria dopo il sangue e la sofferenza Il 17 Febbraio 2008, il Governo provvisorio del Kosovo proclama unilateralmente...

Altri Sport

A tu per tu con Samuele Papi, “O Fenomeno” del Volley italiano In questo momento di incertezza assoluta in cui anche la politica fa...

Altri Sport

A tu per tu con Luigi Mastrangelo, il “Muro” azzurro Abbiamo avuto il grande piacere di intervistare Luigi Mastrangelo, grandissimo ex pallavolista azzurro. Di...

Storie di Sport

Julius Yego, da YouTube alla Leggenda Compie oggi 32 anni Julius Yego, il campione del giavellotto la cui vita ci spiega come nello Sport...

Altri Sport

Andrej Kuznecov, ricordo di una stella cadente È una notte come tante sull’autostrada A14. E come tante altre volte, il silenzio è rotto dal...

Altri Sport

Giornata Mondiale della Disabilità: ecco i Paralimpici più forti dei normodotati Per la Giornata Mondiale delle persone con disabilità, vi raccontiamo le imprese di...

Altri Sport

A tu per tu con Andrea Giani, la Leggenda del Volley Italiano In questo momento socialmente ed economicamente drammatico in cui tutto è stato...

Basket

Un grande ringraziamento agli sportivi per il messaggio di vicinanza a tutti gli italiani in questo momento di emergenza per il coronavirus. Resisteremo e...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Andrea Lucchetta: a tu per tu con Crazy Lucky E’ un dato di fatto che nello sport moderno, nelle sue varie accezioni,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro