Connect with us

Cerca articoli

Calcio

L’Italia, secondo me

Non appartengo a quelli che oggi sperano in un tracollo della nazionale. Non ci spero perché mi sembra davvero il marito che si taglia le balle per fare dispetto alla moglie.

Tuttavia senza presunzioni, mi sono chiesto come deve sentirsi in questo momento Gian Piero Ventura e cosa farei io se fossi al suo posto. Che non abbia fatto un buon lavoro lo dicono i risultati. Poco importa se alla fine abbiamo fatto ad esempio gli stessi punti del 2006. Poco importa che nel 2006, quando poi vincemmo, non avevamo certo fulmini di guerra nel girone di qualificazione. Le chiacchiere di fronte ad uno spareggio secco e con un gol da recuperare, stanno a zero. Come i nostri gol dell’andata e quasi come i tiri in porta.

Ecco perché, se fossi Ventura, oggi lascerei perdere tutte le tattiche. Punterei tutto sull’istinto. Sul dire “fregatevene di me, ma ne va del vostro orgoglio”. Forse gli sfruculierei la memoria. Gli direi di rimonte epocali e di diffidenze sportive. Gli racconterei di Spagna 1982, dove non ci davano una lira, oppure di rimonte spaventose. Liverpool-Milan da 0-3 a 3-3, oppure Bayern – Manchester United, 1-0 per i bavaresi fino allo scadere e poi assalto disperato. L’incisore della coppa stava già scrivendo il nome, mentre il Manchester in due minuti di follia ribaltò tutto. Perché il primo viatico di farcela è giocarsela senza nulla da perdere. Il secondo è che il dio Culo, dia una mano. Anche piccola. Rimbalzo fasullo, scivolone del difensore. Cose così.

E poi, se fossi lui, non direi più nulla di mio. Farei trovare negli spogliatoi un proiettore. Dove un mostro di recitazione e bravura come Al Pacino, si trova nella stessa situazione in cui è Ventura. Il film è “ogni maledetta domenica”.

Calerebbe il buio e poi primi fotogrammi:non so cosa dirvi davvero non so cosa dirvi davvero
tre minuti alla nostra più difficile sfida professionale
tutto si decide oggi
ora noi…
o risorgiamo come squadra
o cederemo un centimetro alla volta
uno schema dopo l’altro fino alla disfatta
siamo all’inferno adesso signori miei
credetemi…
e possiamo rimanerci farci prendere a schiaffi
oppure aprirci la strada lottando verso la luce
possiamo scalare le pareti dell’inferno
un centimetro alla volta…”.

E così via.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

I leggendari 1.140 minuti dello Swindon Town dalla Third Division alla gloria di Wembley Il calcio è uno sport meraviglioso e niente entusiasma più...

Calcio

Josef Bican, il più grande marcatore della storia dimenticato per colpa della Guerra Il 25 settembre 1913 nasceva Josef Bican, un nome che potrebbe...

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 21 Settembre si celebra la Giornata Mondiale della Pace ONU. Per...

Altri Sport

Perché corro alla Maratona di New York Il 13 settembre 1970 si correva la prima edizione della Maratona di New York, quest’anno rimandata a...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Inchieste & Focus

L’Altra Faccia di Pyongyang: la Corea del Nord e lo Sport “organico” di Kim Jong Un Oggi, 9 Settembre, si celebrano in Corea del...

Calcio

C’era una volta l’U.S. Milanese, la terza forza di Milano L’8 Settembre 1928 l’Inter, per volere del Regime fascista, cambia la sua denominazione in...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 settembre 1989 moriva  Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Avrebbe compiuto oggi 79 anni Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue doti...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia “Corri, Forrest, Corri!” La celebre frase del Film Forrest Gump, interpretato da Tom Hanks nel 1994,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro