Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

L’Isis contro il calcio: 80 frustate per chi ha la maglia del Milan e delle altre grandi d’Europa

L’Isis contro il calcio è una scontro che il Califfato porta avanti ormai da tempo. Molti sono stati gli episodi in cui gli uomini in nero di Daesh hanno dimostrato che anche il calcio può essere visto come un nemico da combattere. Gli attacchi terroristici in Francia di quasi un anno fa ne sono il terribile esempio. Ma non solo: se allo Stadio St. Denis l’obiettivo era quello di minare la sicurezza del popolo francese e occidentale in generale, colpendo luoghi di svago, di vita normale, come andare a vedere la partita o un concerto (come è successo al Bataclan), nei territori sotto il controllo dello Stato Islamico, le operazioni condotte dall’esercito di Al Baghdadi hanno lo scopo di distruggere ogni espressione che possa essere ricollegata alla libertà di poter aggrapparsi alle così dette “piccole gioie della vita” che in questo caso sono rappresentate da un pallone che rotola.

In Iraq, lo scorso marzo, durante un torneo giovanile, un attentato uccise 41 bambini e ne ferì più di 100. A maggio, a Balad, sempre in Iraq, l’attacco al fans club del Real Madrid, con 16 vittime a farne le spese. Scena che si è poi ripetuta, pochi giorni dopo, a Baakouba, vicino Baghdad, mentre a San Siro si giocava la finale della Champions League 2016. In quell’occasione furono 4 i morti di età compresa tra i 18 e i 30 anni.

Lo scenario della dittatura islamica continua a diffondere il terrore ed è notizia di pochi giorni fa che l’Isis abbia imposto il divieto di indossare casacche di squadre di calcio, in particolare quelle che possano rappresentare il nemico occidentale. Nella provincia di Al Furat, in Iraq, infatti, chiunque venga visto vestito con le maglie delle maggiori squadre europee rischia fino ad 80 frustate. In particolare, la punizione è prevista per coloro che sono in possesso di tenute da gioco prodotte dai colossi sportivi Nike e Adidas, come specchio di una cultura anti-musulmana che Daesh vuole eliminare nei territorio sotto il loro controllo. Tra le squadre nel mirino c’è l’italiana Milan, accompagnata in questa “lusinghiera” lista anche dalle spagnole Real Madrid e Barcellona. Non esenti le inglesi tra cui Manchester United, Manchester City, Chelsea, West Bromwich e Sunderland ma anche quella della nazionale dei Tre Leoni, della Germania e della Francia, i Paesi impegnati con più forza nella lotta al radicalismo islamico.

L’ennesimo tentativo di imporre il capo chino ad una popolazione oppressa neanche più libera di poter vestire come i campioni che sogna da lontano, miraggio di una vita migliore. Ma, con tutti i difetti e le considerazioni del caso, il calcio ( e lo sport in generale) continuerà a scaldare i cuori della gente e a mantenere viva la speranza. E se le esplosioni e gli spari ricominceranno ad illuminare il cielo, in qualche sperduto luogo, un pallone tornerà a rotolare. Come in Libia, quando squadre storicamente rivali, durante i bombardamenti, giocarono un derby in nome della libertà, gridando in un’unica voce la voglia di resistere.

L’Isis non ha ancora vinto e la partita non è ancora finita..

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

St. Pauli: i Pirati tedeschi che giocano contro l’odio Il 15 Maggio 1910 ad Amburgo nasceva un club che si è reso famoso negli...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Calcio

Ebrima Darboe, il sogno di una cosa – E poi, e poi Gente viene qui e ti dice Di saper gia’ Ogni legge delle...

Calcio

Bob Marley: il Reggae nella mente, il Calcio nel cuore L’11 maggio 1981 moriva il leggendario cantante reggae Robert Nesta Marley. Da tutti conosciuto...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il  2 maggio 1998 moriva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 30 Aprile 1945 nel suo bunker di Berlino, Adolf Hitler si suicidava a 56 anni...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 30 aprile 1989 ci lasciava uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone....

Calcio

Piazzale Loreto e Michele Moretti, il terzino partigiano: quando il calcio si incrocia con la Storia Il 29 aprile 1945 i corpi di Benito...

Calcio

Storia, Disciplina e Onore: CSKA, viaggio nello Sport dell’Armata Rossa Il 29 Aprile 1929 nasceva la Polisportiva CSKA, massima espressione dello Sport dell’Unione Sovietica...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro