Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il libretto (in) rosso di Yonghong Li: che fine hanno fatto i soldi cinesi?

Ci sono una banca, anzi due, un cinese e un italiano. No, non è una barzelletta e c’è anche poco da ridere. Una storia da Totò e Peppino in salsa di…soia. La vicenda Li è di dominio pubblico. Il magnate (?) cinese ha una cassaforte…vuota. Insolvente. E adesso? Altro che top player. L’augurio è che Li abbia fiato e dribbling sufficiente a sfuggire all’orda di creditori che lo insegue. E il Milan? Ottima domanda. Che avrebbe dovuto porsi, prima di tutti, la FIGC. Lo scoop del quotidiano milanese ha scoperchiato la società cinese che ha ereditato il Milan, ma non può coprirne le spese. La lista è lunghetta: 750 milioni per l’acquisto del club e altri 230 milioni per il mercato estivo. Totale, quasi un miliardo di euro di rosso, che rendono il futuro nerissimo e lascia in eredità un interrogativo inquietante. Come ha fatto il Milan a iscriversi al campionato? E chi doveva vigilare sulla regolarità delle operazioni cosa ha controllato?


 

Nessuno ha pensato di approfondire quanto accaduto. Eppure in Cina, questo Li, non lo conosce nessuno. O meglio, forse lo conoscevano bene. In primis Suning, che si è ben guardato dall’affiancare la sua immagine al connazionale durante il primo derby in salsa cinese. Eppure mr. Yonghong Li, è riuscito a completare una delle più importanti operazioni finanziarie nella storia del calcio italiano. Un vero e proprio genio. O i polli sono altri? Nel dubbio, chi sono gli altri protagonisti?

Beh qualche domanda andrebbe fatta a Marco Samaja, Advisor di Fininvest a capo di Lazard Italia che ha gestito, insieme  alla Rothschild, il passaggio dal gruppo Fininvest ai cinesi. Nell’aprile del 2017, il 99,93%, dell’AC Milan cambia proprietà. Passa al gruppo Rossoneri Sport Investment Lux, cordata guidata da Yonghong Li. Il closing si celebra il 13 aprile 2017 nelle sale dello studio Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners. Le cifre sono note. E anche la provenienza. Una buona parte del finanziamento arriva dal fondo Elliott. Gli americani, tramite l’holding costituita (Project Redblack) prestano alla newco Rossoneri Sport Investments Luxembourg una “cifretta” niente male: 300 milioni. Affarone per tutti.  Il tasso medio è al 9,8 per cento, da restituire neanche in comode rate. Anzi. In un’unica tranche, entro ottobre. Sette mesi. 210 giorni. Non a caso Fassone, sulle orme di Willy Fog, ha iniziato il giro del mondo e ha (avrebbe) trovato i milioni necessari grazie a Merryl Lynch.  

Premesso ciò restano alcuni dubbi: Samaja non ha riscontato nulla di pregiudizievole a carico di Li, garantendo la presenza di “adeguate risorse finanziarie”. Peccato che questi soldi fossero contenuti all’interno della famosa cassaforte fantasma appartenente a una società insolvente. E cosa dire della Rothschild? Paolo Scaroni, ex numero uno di Eni ed Enel, e attuale consigliere del Milan proviene dal sodalizio inglese (ne era vicepresidente) che ha allacciato i rapporti con il fondo Elliott. Anche loro si sono fidati. Non si parla certo di manager sprovveduti. Quindi restano due ipotesi: la prima. Li è un genio e anche i manager più esperti si fanno fregare. Oppure non è stato ancora scoperto tutto….

 

Luigi Pellicone
A cura di

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    giulio

    Febbraio 23, 2018 at 2:51 pm

    e nel frattempo hai spalato merda sul Milan e sui milioni di tifosi.

  2. Avatar

    Frengulu

    Febbraio 27, 2018 at 3:47 pm

    Hahaha! Insomma Bar dello Sport dopo il 4-5 aperitivo…. cito “Eppure in Cina questo Li non lo conosce nessuno”…. Incredibile… cioe’ il dottor Pellicone e’ andato la’ e ha chiesto a millemila cinesi se conoscono Mr. Li….. E quelli pure gli rispondono…

    Ma iscriversi all’ Albo dei giornalisti in Italia e’ come iscriversi a FB o twitter? Chiedo perche’ vivo all’estero… E quanto qua qualcuno scrive in malafede come minimo lo richiamano… come minimo…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La sfida green di Mathieu Flamini che vuole cambiare il Mondo Compie oggi 37 anni Mathieu Flamini, l’ex centrocampista di Arsenal e Milan che,...

Calcio

Le meteore della Serie A: El Uablo bianconero Juan Eduardo Esnaider Compie oggi 48 anni Juan Eduardo Esnaider, uno dei tanti “fenomeni parastatali” (come...

Calcio

Malafeev era un portiere Compie oggi 42 anni Vjačeslav Malafeev, ex calciatore dello Zenit San Pietroburgo. La sua storia è una lezione di vita...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

Le note del pallone: tutti i calciatori musicisti In occasione dell’inizio del Festival di Sanremo, ecco un elenco di quei calciatori che, ieri come...

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Le meteore della Serie A: il ‘lavapiatti’ milanista  Harvey Esajas 12 gennaio 2005. Mancano soltanto cinque minuti al termine della sfida tra il Milan...

Calcio

Campioni di Politica: quando gli sportivi salgono al potere Provando a fare una rapida e poco approfondita considerazione socio-psicologica, non suona poi così strano...

Motori

Senna contro Prost: la leggendaria rivalità all’ombra del Sol Levante Per i 66 anni compiuti oggi da Alain Prost, vi raccontiamo una delle rivalità...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Calcio

Pato firma per l’Orlando City. Sundas di American Group Sport Management esprime la propria soddisfazione: “Un grande colpo per l’MLS e per Orlando” Alexandre...

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Il 14 Febbraio 2004 ci lasciava Marco Pantani, in circostanze ancora...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro