Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Lettera dall’Aldilà per Altafini e Mazzola

Cari José e Sandro,

siamo i nonni di Riccardo ed abbiamo deciso di scrivervi una lettera da quassù.

Qualche giorno fa, con nostro grande stupore, abbiamo letto un articolo che ci ha lasciati, a dir poco, senza parole. Il quotidiano “Anime in Paradiso” parlava d’un vostro coinvolgimento in diverse pubblicità riguardanti il gioco d’azzardo.

Non volendo credere alla notizia – spesso qui da noi i dispacci d’agenzia arrivano con qualche anno d’anticipo… -, abbiamo sbirciato fra le nuvole cercando un televisore acceso in una casa che avesse le finestre aperte. Cerca e ricerca, alla fine siamo riusciti a trovarne uno dalle parti di Milano…

Allora, con i gomiti ben saldi sulla superficie morbidosa della nuvoletta e i pugni stretti stretti sotto il mento, abbiamo visto ciò che non avremmo mai voluto vedere: due nostri vecchi idoli promuovere il gioco d’azzardo!

Noi che eravamo pazzi di voi, la domenica la radiolina appiccicata all’orecchio aspettando un altro fantastico gol dopo una serpentina, noi che sognavamo un giorno di stringervi la mano, noi…siamo rimasti a bocca aperta.

Ora, nulla da dire sui vostri berretti old style, ma gli “over”, “under” e via dicendo hanno fatto rizzare la barba anche a San Pietro!

Avreste dovuto vedere le discussioni nate a due passi dal cielo quel giorno: – “Ma Altafini e Mazzola avevano proprio bisogno di fare ‘sta cosa?”, “ma non hanno guadagnato già abbastanza giocando a pallone?”, “come possono due sportivi del loro livello invitare i giovani a scommettere?”, al Bar degli Angeli non si parlava d’altro!

Sapete, nei nostri ricordi riaffiorano sempre straordinarie immagini con nostro nipote ancora piccolino, seduti su una panchina al parco: nonno Salvatore a sinistra, nonno Felice a destra e lui in mezzo. Saremo stati ottantenni o giù di lì, un po’ come voi oggi, e gli raccontavamo del mondo. Lui ascoltava e chiedeva consigli…

E noi a raccontargli di voi, delle vostre prodezze, dei vostri goal spettacolari, delle vostre fatiche e del vostro sudore.

Noi, occhi lucidi e voce un po’ rotta, vi indicavamo come esempi di forza, di coraggio, portatori sani di valori quali lealtà e correttezza, nobili nel corpo e nell’anima.

Riccardo ci ascoltava serio, sopracciglia un po’ corrucciate dallo sforzo di comprendere a pieno pensieri da grandi, ometto fiero di spartire con noi quei discorsi; lo conoscevamo bene e immaginavamo già i suoi sogni prendere il volo, un po’ come il pallone che calciavate con vigore verso la porta. Eravamo certi che si immedesimasse in voi, vestisse le vostre maglie: lo capivamo dallo sguardo che si scostava dalle parole per rincorrere quella palla.

E noi orgogliosi di servirgli tanta bellezza, perché questo voi rappresentavate: bellezza e purezza.

Ora i nostri occhi sono appannati, delusi, non più commossi, e la voce non è incrinata dall’emozione, bensì dall’amarezza: che cosa penserà nostro nipote, oggi uomo, di voi e di questa vostra trovata? Ricorderà la panchina, le chiacchierate e le raccomandazioni di chi lo cresceva al mondo? Da quassù teniamo d’occhio tutto e vediamo tante anime un po’ piegate e pensieri confusi: ma come, proprio loro, gli idoli, i calciatori che i nonni indicavano come esempio di lealtà e integrità? Perché si prestano a propagande che fatalmente portano angoscia e devastazione? Questi, oggi, i pensieri.

Ed è per questo che vi chiediamo di ripensarci, di fermarvi, di cambiare direzione: spendete la vostra immagine favorendo crescita, gioia e Cultura e mettete da parte tutto ciò che è effimero e diabolicamente ammaliante.

Ve lo chiediamo per i vostri nipoti e per tutti i ragazzi che sbocciano alla Vita.

Con affetto,

Salvatore e Felice

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    Luca

    Febbraio 18, 2017 at 10:56 am

    Fantastica!

  2. Avatar

    Michela

    Febbraio 18, 2017 at 3:44 pm

    Leggo sempre con interesse gli articoli del blog; questa lettera mi ha colpito in modo particolare inducendomi a riflettere su quanto sia fondamentale per noi adulti essere modello credibile per i nostri figli. Questa responsabilità si amplifica se si è persone note e – ancora di più – _idoli_ legati al mondo del calcio e dello sport in generale.
    Davvero i nostri ragazzi spesso si immedesimano in loro e di loro noi esaltiamo le virtù; c’è desolazione quindi davanti a certe scelte: come spiegarle?
    La lettera è molto bella, tenera e forte insieme.
    Non arrendiamoci, proteggiamo i nostri figli e continuiamo nella lotta contro l’azzardo. Seriamente.

    Michela

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Cesare Prandelli: il coraggio di fermarsi e il tempo che non torna più “No, il tempo non torna più. E ieri non eri tu,...

Calcio

El Maestro Tabarez e le Origini della Garra Charrua Compie oggi 74 anni Oscar Tabarez, l’allenatore dell’Uruguay che incarna perfettamente lo spirito della squadra...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Francesco Acerbi: storia di una rinascita Compie oggi 33 anni Francesco Acerbi, colonna difensiva della Lazio, la cui storia, oggi più che mai, ci...

Azzardo

Conviene utilizzare i pronostici in rete prima di scommettere? Quello del betting è un mondo particolarmente ricco ed articolato, che nel corso degli anni...

Altri Sport

André “The Giant”, diventai grande in un tempo piccolo  Ieri 27 gennaio ricorreva la morte, avvenuta nel 1993, di André Roussimoff, meglio conosciuto come...

Azzardo

Bookmakers italiani e stranieri: l’importanza della regolamentazione Un tema un bel po’ complesso e per il quale si rende necessaria un po’ di chiarezza;...

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn Il 26 gennaio 1919 nasceva Valentino Mazzola, leggenda del nostro calcio e capitano dell’indimenticabile Grande Torino. Vi raccontiamo...

Azzardo

Dal vecchio Totocalcio al web: storia della tanto amata schedina Una ‘vecchietta’ che ha abbondantemente passato i 75 anni di età e che negli...

Azzardo

Slot e giochi, cosa aspettarsi dal 2021 Il banco piange, è proprio il caso di dirlo; non siamo ad un tavolo di poker ma...

Azzardo

Come l’AAMS sta regolamentando il gioco in Italia Un comparto sempre borderline che si muove in perfetto equilibrio tra lecito ed illegale e che...

Azzardo

Scommesse sportive: come il confronto delle quote può aiutare gli appassionati Le quote sono alla base delle scommesse sportive e chiunque scommetta, esperto o...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro