Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

L’esclusione di El Shehaby: una mano ( non data all’israeliano Or Sasson) e due misure

L’esclusione del judoka El Shehaby è la notizia degli ultimi giorni che ha fatto il giro del mondo. L’atleta egiziano si era rifiutato di stringere la mano al collega israeliano Or Sasson che lo aveva appena eliminato (dopo averlo sconfitto sul tatami con un ippon) nei 32esimi di finale dei pesi massimi oltre i 100 chili. Suscitando gli strali del pubblico che al gesto di El Shehabi ( di non stringere la mano all’avversario) aveva  reagito subissandolo di fischi. Giudicando, evidentemente, il suo comportamento al di fuori di ogni etica “olimpica”. Come riporta il sito de Il Giornale, El Shehaby, nei giorni precedenti all’incontro avrebbe ricevuto forti pressioni sui social da parte di alcuni suoi connazionali che lo invitavano a non gareggiare proprio. Al termine dell’incontro, come riportato dal sito de La Stampa, il portavoce della federazione internazionale di judo Nicolas Messner aveva comunque precisato che “gli atleti non sono obbligati a stringersi la mano ma solo a salutarsi con l’inchino”, cosa che come riporta sempre il quotidiano torinese l’atleta africano avrebbe comunque fatto. Riservandosi tuttavia di valutare l’episodio per “vedere se esistono i presupposti per prendere decisioni a riguardo”. Ciò nonostante, la mano non data al collega israeliano, aveva sollevato anche l’immediata reazione del Comitato Olimpico egiziano che con “severo richiamo” aveva invitato il suo atleta ad allinearsi “ai principi e agli standard di sportività”. Per poi, qualche giorno più tardi, arrivare a decidere di escluderlo direttamente dai Giochi di Rio richiamandolo in patria. Il caso di El Shehaby, come scrivono sempre sul sito de La Stampa, non sarebbe il primo caso di “ostilità” verso gli atleti israeliani. Che alcune associazioni ebraiche come l’Anti-Defamation League hanno segnalato nel corso dei Giochi. Come ad esempio il comportamento di alcuni atleti libanesi che si sarebbero rifiutati di prendere l’autobus insieme ai colleghi israeliani per arrivare allo stadio Maracanà nel giorno della cerimonia inaugurale. Altri reclami sarebbero stati mossi anche nei confronti dell’Arabia Saudita. Nessun genere di reazione invece è arrivata per l’episodio avvenuto nei giorni precedenti la cerimonia inaugurale che aveva visto coinvolti gli atleti palestinesi i quali avevano denunciato di essere rimasti sprovvisti del materiale occorrente per la partecipazione ai Giochi (come gli indumenti e la bandiera ufficiale) che sarebbe rimasto “bloccato” alla dogana di Tel Aviv. Il Comitato Palestinese aveva invocato anche un “aiuto” da parte del CIO (il Comitato Internazionale) lamentandosi del comportamento di Israele. Aiuto che ad oggi, non risulta essere mai arrivato. Domanda: perché?

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Commenti

8 Comments

  1. Avatar

    Stefano Villa

    Agosto 20, 2016 at 1:41 pm

    Nelle Olimpiadi della Grecia antica si fermavano le guerre e le ostilitá fra le varie polis. Per rispettare quindi tale spirito non andrebbero invitate nazioni che sono in guerra o che commettono quotidianamente crimini contro l’umanitá. Ritengo pertanto ipocrita permettere a tali nazioni di partecipare ai giochi e scandalizzarci se un atleta non vuole stringere la mano di chi rappresenta uno stato occupante e coloniale.
    L’informazione main stream naturalmente parla solo di questo episodio e non del ben piú grave, e davvero antisportivo, blocco dei materiali per gli atleti Palestinesi alla dogana.
    Grazie a Nastasi per riportare questo episodio.
    Vorrei anche far notare che l’Italia giocherá le qualificazioni al mondiale 2018 con israele, siccome é in guerra con il medio oriente é stato inserito nella Uefa il che comporta potenziali rischi per le nazionali europee che giocano contro una nazione coloniale ed occupante.
    Logica vorrebbe escludere nazioni belligeranti o che non rispettano i diritti umani da competizioni sportive, in virtú della difesa degli alti valori sportivi. Purtroppo oggi lo sport é governato da logiche di mercato che antepongono il profitto ai valori di lealtá e correttezza che dovrebbero essere la base di eventi sportivi.

    • Avatar

      Enzo

      Agosto 21, 2016 at 8:01 am

      condivido in pieno il suo commento.
      Non si parla più di Palestina e questo è un crimine.

  2. Avatar

    Stefano Di Chio

    Agosto 20, 2016 at 1:46 pm

    Ma si ha fatto bene a non dargli la mano…. Complimenti davvero a chi ha scritto l articolo.

  3. Avatar

    francesco monterisi

    Agosto 20, 2016 at 5:21 pm

    Le leggi (anche sportive) si applicano ai deboli e le s’interpretano per i forti…con buona pace per gli ingenui.

  4. Avatar

    maria de toma

    Agosto 20, 2016 at 10:02 pm

    La bandiera palestinese rappresenta uno stato che non esiste.
    Vale a dire rappresenta se stessa.

    • Avatar

      Samasaua

      Agosto 21, 2016 at 1:03 am

      La Palestina è riconosciuta da 130 Paesi, inclusa la Svezia. Se questo vuol dire non esistere lo stesso può dirsi di lei. Che non ha nemmeno una bandiera a rappresentarla.

  5. Avatar

    carmine

    Agosto 21, 2016 at 9:59 am

    Lo stato palestinese esiste eccome, tante nazioni democratiche l’hanno gia riconosciuto, quando è nato lo stato di sraele lo spirito era due terre due popoli,poi con l’aiuto degli amici gli ebbrei l’hanno depredato ogni giorno con nuove colonie dove nascevano ville con piscine rubando anche l’acqua cosi che i palestinesi non possono neanche lavarsi il viso ogni mattina

  6. Avatar

    doge68ve@gmail.com

    Agosto 21, 2016 at 12:24 pm

    Ha fatto bene, la mano si stringe a persone per bene, e gli israeliani non lo sono. Sono soltanto degli assassini.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Giornata Mondiale della Disabilità: ecco i Paralimpici più forti dei normodotati Per la Giornata Mondiale delle persone con disabilità, vi raccontiamo le imprese di...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Storie di Sport

Strage di Monaco, le colpe dei tedeschi Durante le Olimpiadi di Monaco 1972, nella notte tra il 5 e il 6 Settembre un gruppo...

Altri Sport

Hassiba Boulmerka, un oro per la libertà Compie oggi 52 anni Hassiba Boulmerka, l’atleta algerina divenuta simbolo di libertà contro la discriminazione che soffriva...

Calcio

Calcio e Nakba: i Fedayn del calcio per la Palestina libera Il 14 maggio 1948 nasceva ufficialmente lo stato di Israele. Il primo ministro...

Calcio

Calcio, Fede e Discriminazione: in Egitto puoi essere Ronaldo basta che non sei Cristiano Il 7 Aprile 2017 in Egitto durante la Domenica delle...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Natali Shaheen: dalla Palestina alla Torres con un sogno chiamato Calcio Natali Shaheen è una ragazza palestinese che ha il calcio nel...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Salti Immortali sulla striscia di Gaza “Ed egli imparò a volare. Scoprì che erano la noia e la paura e la rabbia...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Sport Criminale: quando gli atleti sono vittime di agguati “Ho visto un uomo uscire da una macchina con una pistola in mano...

Storie di Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Julius Yego, da YouTube alla Leggenda Compie oggi 31 anni Julius Yego, il campione del giavellotto la cui vita ci spiega come...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Frederic Kanouté, la carriera non cambia i valori Parlando di calciatori che pur facendone parte non hanno mai piegato i propri principi...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Il Volley di oggi e di domani: a tu per tu con Coach Chicco Blengini Periodo intenso per l’Italvolley reduce, tra fine...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro