Connect with us

Cerca articoli

Calcio

LeRoy Fer: L’eleganza del cigno

Che legame può avere Goffredo di Buglione con un centrocampista dello Swansea? A parte i cigni, probabilmente nulla.

L’eroe della prima, vera e grande crociata è tuttavia raffigurato calcisticamente ed in terra gallese con il volto di un olandese dai riccioli d’oro: Leroy Fer di Zoetermeer.

Piccola parentesi riguardante la famiglia degli Anatidi. Si narra che l’eroe Lohengrin, secondogenito del Re del Sacro Graal, dopo aver salvato la duchessa di Brabante dovette salpare a bordo di una barca a forma di cigno per inabissarsi nuovamente nella nebbia dell’anonimato in nome di una vecchia promessa non mantenuta, proprio come accaduto a Francesco Guidolin, incapace di garantire stabilità ad una squadra che vive costantemente nell’ombra. Lohengrin o Guidolin, finché c’è rima c’è speranza.

Detto questo, Goffredo di Buglione ha un’origine, per alcuni storici, mitica. Un giorno tutti i fratelli del padre vennero trasformati in cigno e, proprio lui, sfuggito all’incantesimo, riuscì a liberarli salvandoli per sempre. Inutile dire che da quel giorno proprio il cigno sia diventato il nobile simbolo della famiglia di Buglione, il ‘Cavaliere del Cigno‘ per eccellenza.

Facciamo ora finta che sia tutto vero e che al timone di una navicella a forma di cigno ci sia proprio Fer, discendente della famiglia e volenteroso di portare in salvo una damigella chiamata Premier League.

https://www.youtube.com/watch?v=krFb6gD4xVo&feature=youtu.be

Burnley, Leicester, Chelsea e Liverpool hanno subito le 4 reti in 8 partite segnate dal centrocampista olandese classe 1990, artefice dell’unica vittoria dello Swansea in campionato. La prima e, finora, anche l’ultima.

Fu forse questa magia, incantesimo inferto ai tempi del Queens Park Rangers proprio ai cigni dove gioca oggi – per l’occasione con una tenuta rossonera – a stregare gli abitanti del Galles?

A pochi mesi dall’inizio di campionato, l’unica pedina salvata da tifosi, media e statistiche è proprio il talento olandese, preso in prestito a Febbraio e blindato a titolo definitivo proprio lo scorso Luglio per quasi 6 milioni di euro.

Piazzatosi al 19esimo posto nella graduatoria dei migliori giocatori in Premier League fra Agosto e Settembre, nelle prime giornate di stagione si è persino trovato a dividere il primato della classifica marcatori con Diego Costa, Sergio Aguero e Zlatan Ibrahimovic, paragonabili metaforicamente ai Cavalieri della Tavola Rotonda.

Nell’ultima partita, pareggiata dai cigni bianchi contro il Watford di Walter Mazzarri, il centrocampista olandese non è stato utilizzato. ‘Colpa’ probabilmente del cambio gestionale in panchina, tifone che ha costretto il sopracitato Guidolin a lasciare le redini ad un americano proveniente dal New Jersey: Bob Bradley.

Penso che la squadra scelta per oggi avesse senso” ha dichiarato proprio il tecnico al termine del pareggio contro i calabroni gialloneri: che si tratti della fine di Fer?

Chi lo sa, il campionato è lungo e la terza gara sotto la nuova gestione è alle porte, fatto sta che i pochi punti conquistati dallo Swansea in questi lunghi, difficili e travagliati mesi di campionato, portano la firma del ‘cavaliere del cigno’. Destinato forse a rimanere nell’ombra proprio come un altro eroe mitico legato agli Swans, quel Lohengrin che fa rima con il suo mentore Guidolin.

Lo Swansea quindi si salverà? Ma soprattutto, se non venisse più utilizzato, qualcuno di Leroy Fer si ricorderà?

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Jake Livermore, che non ha mai cercato scuse Testo: Ettore Zanca Illustrazione: Enrico Natoli Compie oggi 31 anni Jake Livermore, il calciatore inglese che...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Da sempre in bilico e perennemente aggrappato al risultato, la vita dell’allenatore di calcio è...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Ranieri, il Leicester e lo zampino di Santa Rita, protettrice dei casi impossibili Compie oggi 69 anni Claudio Ranieri, l’allenatore romano il cui nome...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 14 Ottobre 1979 si svolgeva il primo Gay Pride della storia con una lunga e affollata parata a...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Se pensiamo al grande Manchester United e all’Inghilterra Campione del Mondo, ci vengono in mente...

Calcio

I leggendari 1.140 minuti dello Swindon Town dalla Third Division alla gloria di Wembley Il calcio è uno sport meraviglioso e niente entusiasma più...

Calcio

Il Nottingham Forest di Brian Clough in un football che non esiste più Il 20 Settembre 2004 moriva all’età di 69 anni Brian Clough,...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo C’è un tram, della Midlands Metro Service, che ha il nome di un calciatore....

Calcio

Viv Anderson, il primo Leone nero della Storia d’Inghilterra Il 29 Luglio 1956 nasceva Viv Anderson, il calciatore rimasto nella storia dello Sport per...

Calcio

Mongolia: come si gioca a calcio nella Città senza sole Mongolia (Монгол улс), Asia orientale. Cuore di quell’immenso territorio che fu l’Impero mongolo forgiato...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro