Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

L’ELEZIONE DI GRAVINA E I NUOVI EQUILIBRI IN FIGC

L’elezione di Gabriele Gravina a Presidente della Lega Pro ha avuto per ora l’importante merito, di riportare, come direbbe Rudy Garcia, la chiesa al centro del villaggio. Oppure, come direbbe qualche altro allenatore, il pallone al centro del campo. O ancora, più semplicemente, di riconsegnare un presidente alla terza serie del calcio nazionale.

Di ristabilire insomma il criterio della rappresentanza (in questo caso delle società di calcio) in un contesto, come quello della Lega Pro, che era finito, tanto per cambiare, sotto l’occhio protettivo del commissario di turno. Il metodo è infatti lo stesso, che si chiami Consiglio della Figc oppure Consiglio dei Ministri: quando si vedono le brutte, si affida tutto al commissario di turno; al “papa nero”; la figura “esterna” al sistema, che rappresenta tutti e nessuno, e non deve rispondere a questo o quell’interesse di parte.

Nel luglio scorso, la scelta del Consiglio Federale ricadde allora su Tommaso Miele, magistrato e consigliere della Corte dei Conti. Sarebbe toccato a lui, proprio come a Tronca nel Comune di Roma, di “traghettare” il sistema (che sia l’amministrazione di una città oppure di un campionato) verso acque più tranquille di quelle nelle quali stava navigando. Il commissario Miele avrebbe dunque dovuto far rispettare “la legge e l’ordine” all’interno della Lega Pro che, in fatto di ordine, soprattutto ordine dei conti, sembrava avere niente da invidiare ( anche se con cifre diverse) al Comune di Roma Capitale. Il che è tutto dire. Eppure, il commissario Miele non ha mangiato neanche il panettone.

Infatti, il 22 dicembre scorso, l’Assemblea Federale ha eletto Gabriele Gravina (31 voti su 54 contro i 13 ottenuti da Pagnozzi), come nuovo presidente di Lega Pro. Miele lascia dunque dopo appena 5 mesi di “interregno”, con un risultato d’esercizio (tuttavia imputabile a lui soltanto per un semestre) negativo per 797 mila euro. Adesso, dopo i 5 mesi di Miele, spetterà invece a Gravina il compito ancora più difficile, ma  fondamentale, di riportare il bilancio della Terza serie in territorio positivo. Un risultato che se fosse raggiunto potrebbe proiettare Gravina (come già si vocifera e lo riporta, tra gli altri, anche Fulvio Bianchi di Repubblica) tra i papabili candidati alla presidenza della Figc. Ma il significato, o forse i significati, dell’elezione di Gravina sono anche altri.

Gravina è infatti considerato un uomo molto vicino all’ex presidente federale Giancarlo Abete, e la sua elezione è vista all’interno della Lega Pro come un forte segnale di discontinuità rispetto alla gestione Macalli. Il quale, non a caso, era uomo del “sistema”, ossia del potere che attualmente governa il calcio italiano, riconducibile tutto all’asse Lo-Tav, ossia alla coppia Lotito-Tavecchio. Un asse che avrebbe voluto Pagnozzi e non Gravina alla guida della Lega Pro. Ma, invece, così non è stato. Ed è proprio per questo che iniziano ad essere in molti quelli che pensano che il potere dell’asse Lo-Tav, si stia effettivamente logorando.

Da qui le ipotesi che vorrebbero uno come Gravina candidato dello schieramento anti Lo-Tav alle prossime elezioni della Figc. Infatti, come tutti i giochi di potere, anche l’elezione del Presidente passa per accordi e compromessi. E il peso della Lega Pro (circa il 17% dei voti sul totale) alle elezioni non può essere per questo assolutamente snobbato. Se Gravina, forte dei voti in Lega Pro, riuscisse ad ottenere anche l’appoggio di quelle società (come la Roma ad esempio) che si oppongono da anni alla gestione Tavecchio, allora le possibilità di una futura elezione diventerebbero veramente concrete. Sia come sia, l’unica cosa certa per il momento è la posizione di contrasto che Gravina avrebbe preso nei confronti del presidente di Lazio e Salernitana Claudio Lotito. Il quale, non a caso, è stato ed è tuttora il principale sponsor di Tavecchio in Federazione. Come riporta, tra gli altri, anche Marco Bellinazzo del Sole 24 Ore, Gravina a Lotito non le avrebbe proprio mandate a dire parlando di “impossibilità di trovare un accordo con lui” e aggiungendo, inoltre, dopo aver definito il potere di Lotito in Figc come “degenerativo”, che “io e lui siamo incompatibili”. Passo e chiudo.

Da qui la domanda: sta veramente calando il sipario sul potere di Lotito nel calcio italiano?

FOTO: www.statoquotidiano.it

social banner

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 10 Ottobre 1991 moriva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

La Cina nel pallone: il sogno di Xi Jinping per un Dragone Rosso Mondiale Il primo Ottobre si festeggia il 71esimo anniversario della nascita...

Calcio

Lo strano mondo della Serie C dove prima fallisci poi vinci Per meglio comprendere la realtà italiana del calcio professionistico di provincia, quello alle...

Calcio

Passa la linea Gravina. Con 18 voti favorevoli e soli 3 contrari  (Dal Pino, Marotta e Lotito per la Lega Serie A) il Consiglio...

Calcio

Via libera alle cinque sostituzioni anche in Italia. La Figc ha ufficializzato la modifica temporanea promossa dalla Fifa e approvata dall’Ifab per fronteggiare l’enormità...

Calcio

La Figc vuole usare il pugno duro contro tesserati e club che non rispetteranno il protocollo condiviso con il Governo e il Comitato Tecnico...

Calcio

E’ la novità assoluta della Serie A e degli altri due campionati professionistici, un marchingegno algebrico ideato per far fronte ad una situazione eccezionale...

Calcio

Il Consiglio Federale della Figc che si è tenuto oggi a Roma in via Allegri ha deciso per lo stop definitivo ai campionati dilettanti...

Calcio

Il via libera agli allenamenti di squadra previsti per il 18 maggio rappresenta una sorta di atto dovuto in concomitanza con la “nuova fase...

Calcio

E’ arrivata una ulteriore apertura dal Governo per quanto riguarda un’eventuale ripresa del campionato italiano. Secondo Sandra Zampa, sottosegretaria alla Salute, il confronto tra...

Calcio

Sei tesserati della Fiorentina, tre atleti e tre persone dello staff tecnico, sono risultate positive al Covid 19. La notizia è stata comunicata dal...

Calcio

La Lega Pro termina in anticipo il suo percorso, si attende solo l’ufficialità. L’assemblea ha concordato che ad usufruire della promozione al prossimo campionato...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro