Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Lega Pro, siamo alle solite: tra fallimenti, ripescaggi e speranze, il campionato si decide in Tribunale

Serie C o Lega Pro, cambia poco. Puntuale come le tasse, la Co.vi.soc. (Commissione di vigilanza delle società di calcio) abbatte la proria scure su otto candidate alla partecipazione al prossimo campionato. Cadono teste coronate: il Latina, proveniente dalla B, fallito e neanche iscritto. Il Como, della signora Essien, ancora in attesa di un bonifico che non è mai arrivato e chi sa se mai partito. Alla lista si aggiungono il Mantova, che vive una situazione tragicomica, in compagnia di Akragas, Maceratese e Messina. Tutte devono presentare la fidejussione a garanzia degli impegni economici. Rimandate anche Fidelis Andria e Juve Stabia, in attesa di chiarire la loro posizione con l’Erario. Per la cronaca, e alla faccia della sportività, sono già pronte le domande di ripescaggi: Triestina, Savona, Rende, Lumezzane, Vis Pesaro, Rieti, Vibonese e Sicula Leonzio sperano nelle disgrazie altrui. Retrocesse o non promosse sul campo? Non importa. Tanto la classifica, a queste latitudini, è scritta dai tribunali fallimentari. E non contano neanche i soldi. Anche perchè, spesso, non ce ne sono.

Ecco, appunto: che credibilità ha un movimento che nelle ultime sei stagioni ha registrato trenta fallimenti, 71 penalizzazioni e il costante intervento della Co.vi.Soc? Ha ancora senso parlare di un format composto da tre gironi di 20 squadre? I costi, come dimostra ogni estate, non sono sostenibili: 600 mila euro di fidejussione, 90 mila di iscrizione sono troppi per una Lega che registra, fra le partecipanti, un fatturato medio di 3,1 milioni di euro. A queste condizioni è inutile ricorrere ai ripescaggi: toppe sulle falle di una nave che continua a imbarcare acqua da tutte le parti. Non serve una laurea in economia, è sufficiente il buonsenso. Una stagione di Lega Pro “costa” circa 4 milioni di euro. I club ripescati, provenienti dalla LND, categoria “vivono” con 400-600 mila euro. Dunque, i casi sono due: o resistono al salto o sono semplicemente dei nuovi destinati alla bancarotta: i costi della “promozione virtuale” incidono molto più dei benefici legati al salto di categoria, che spesso si traduce in un costo quasi decuplicato. Dunque, insostenibile.

Il presidente Gravina parla di “crisi fisiologica” e insiste, non a torto, sulla riforma della Legge Melandri. Una ridistribuzione dei proventi, aiuterebbe un sistema in difficoltà ma comunque amato dalla gente: la Lega Pro è il “campionato dei Comuni d’Italia” ed ha un seguito importante purché sia incanalato su binari sostenibili.

In questa ottica, si valuta il sistema del “rating”. Importazione tedesca, garanzia di efficienza: il calcio teutonico regge senza scossoni tre gironi da 20 squadre e il meccanismo promozioni/retrocessioni procede senza incepparsi.

Perché? Presto detto.. Il “rating” è un “termometro” dell’affidabilità finanziaria di ciascuna società. Severo, ma giusto. I risultati sportivi, nel percorso di valutazione, contano zero virgola zero.  La classifica si stila in base al livello di virtuosità economica raggiunto negli anni: i parametri sono legati a governace, infrastrutture, settore giovanile e relazione con il territorio. Elementi che, sommati, definiranno l’“affidabilità” delle società a medio e lungo termine. La “soluzione finale” garantisce un campionato regolare e permette una valutazione oggettiva, volta a rendere il sistema sostenibile. Resta da capire come attuarla in Serie C, dove le “piazze” più o meno grandi, e le ricchezze, più o meno esigue, sono legate all’imprenditoria locale. Lecce ha un bacino d’utenza e un potere d’acquisto troppo diverso rispetto ad Agrigento. Il Renate ha una forza economica ben lontana dal Livorno. Nel frattempo, la via crucis prosegue. Prossima tappa, oggi, ultima data utile per presentare ricorsi. Il 20 Luglio la Lega emetterà le “sentenze” e forse avremo le idee chiare sulla nuova serie C. Sperando (invano?) che sia l’ultima estate calda.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 22 ottobre 1964 nasceva Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una fiamma...

Calcio

Quelli che sono stati anche figli di Beppe Viola Il 17 Ottobre 1982 ci salutava quel genio giornalistico, ma non solo, di Beppe Viola....

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Aldo Biscardi: dalle intercettazioni con Moggi al “Moviolone” divenuto realtà Sono passati quattro esatti dalla morte di Aldo Biscardi. Il giornalista, autore e conduttore...

Motori

“Incidente all’Orient Kermesse”: Singapore e il “CrashGate” del 2008 Si corre oggi il Gran Premio di Turchia, valevole per il 16esimo turno del Mondiale...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia Il primo ottobre 1958 nasceva Johann Kastenberger, un atleta sconosciuto nel mondo, ma che in Austria...

Calcio

Silvio Piola, il più grande marcatore italiano che non vinse mai lo scudetto Il 29 settembre 1913 nasceva Silvio Piola, simbolo del calcio italiano...

Altri Sport

Gimondi contro Merckx, la rivincita dell’Eterno Secondo nell’Inferno del Montjuïc Il 29 settembre 1942 nasceva Felice Gimondi, eroico ciclista italiano. Per ricordarlo vi raccontiamo...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Josef Bican, il più grande marcatore della storia dimenticato per colpa della Guerra Il 25 settembre 1913 nasceva Josef Bican, un nome che potrebbe...

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro