Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Lega Calcio ancora senza presidente. Per un miliardo di buoni motivi

Serie A senza padrone. La prossima data utile per l’assemblea elettiva è fissata alle 11,30 del 29 marzo, ma tutto lascia presagire l’ennesima fumata nera. La spaccatura è insanabile. Panorama immutato: Inter, Milan, Napoli, Roma, Juventus, Fiorentina contro tutte. L’ultima assemblea si è chiusa sulla “fuga dell’Aventino” rivisitata e ribaltata in chiave moderna. I ricchi lasciano il tavolo e pretendono più quattrini per essere competitive a livello internazionale. Le piccole  invece chiedono una ridistribuzione della ricchezza.

Tutto ruota intorno alla revisione dell’articolo 19. Quello relativo alla distribuzione dei proventi derivanti  dei diritti Tv. Tanti soldi: un miliardo di euro. 1000000000, per rendere meglio l’idea. Attualmente lo statuto prevede che il 40% della somma sia divisa in parti uguali fra le venti sorelle. Il restante 60% è suddiviso così: 30% in base ai risultati sportivi. 30% in base ai tifosi (25% per bacino di utenza, 5% in virtù dalla popolazione della città rappresentata). Lo scenario avvantaggia le grandi: Juve (25%), Milan (15,12%), Inter (14,57)%, Napoli (10,43%), Roma (7,78%), Fiorentina (3,67%) assorbono, da sole, il 75% del tifo e del denaro.

Ricche, forti, potenti ed amate. In virtù di questa supremazia, le “big” spingono da anni per una rivisitazione dello statuto. La “borghesia”, invece, preme per una nuova gestione dei proventi dei diritti tv. In particolare, chiede che la “fetta” da dividere in parti uguali si innalzi al 50%. E che la percentuale relativa ai tifosi scenda al 20%. Una proposta giudicata inaccettabile dalle sei “regine” che hanno abbandonato il tavolo delle trattative. Un gesto mediaticamente forte: urbi et orbi, non c’è accordo. Né ci sarà. Spaccatura e conflitto sono insanabili. Non se ne esce. Anzi. La guerra di logoramento ha già mietuto diverse “vittime”: al “no” di Walter Veltroni si è aggiunto, in questi giorni, quello di Michele Uva. L’attuale dirigente generale della FIGC, potenziale commissario ad interim, ha declinato l’offerta.

In tutto questo bailamme, il 27 marzo è in programma il primo consiglio FIGC del Tavecchio-Bis. Appuntamento cui la Serie A, con ogni probabilità, si presenterà senza un presidente. Inaccettabile. Il CONI si è già fatto sentire, ma le urla di Malagò si disperdono nel vuoto di potere che permette il fiorire di tanti orticelli, intorno ai “castelli” di “regine” viziate, abituate a comandare senza curarsi delle altre. Sfugge, evidentemente, un particolare: le “grandi” non possono organizzarsi un campionato da sole. A meno che non mirino alla formazione di una Superlega, modello NBA, con le altre colleghe europee…

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 16 gennaio 1924 nasceva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Calcio

A tu per tu con Igor Protti, lo Zar del Goal Abbiamo intervistato Igor Protti, bomber che ha militato in diverse squadre quali Rimini,...

Calcio

La cantina Nevio Scala: dalla panchina alle vigne Capolavoro in Emilia-Romagna. Tra calcio e buon vino Nevio Scala ha scritto un romantico romanzo di...

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra “Grande personalità, spiccate doti di comando, incuteva soggezione e a tratti anche...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 34 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato tre anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Altri Sport

Sport e Prostituzione: da Campionesse a Escort, Suzy & Florica, atlete “d’alto bordo” Il sogno di ogni atleta, qualunque disciplina egli pratichi, è quello...

Calcio

La coppa fantasma: quella finale tra Udinese e Atalanta senza trofeo… La coppa fantasma. Fin dal giorno della sua assegnazione. Dove nessuno la vide...

Calcio

Hugo Enyinnaya: che fine ha fatto il carneade di Bari-Inter? 18 dicembre 1999, ore 20.30, Bari-Inter. Al San Nicola, i tifosi biancorossi stanno per...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro