Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Lega Calcio ancora senza presidente. Per un miliardo di buoni motivi

Serie A senza padrone. La prossima data utile per l’assemblea elettiva è fissata alle 11,30 del 29 marzo, ma tutto lascia presagire l’ennesima fumata nera. La spaccatura è insanabile. Panorama immutato: Inter, Milan, Napoli, Roma, Juventus, Fiorentina contro tutte. L’ultima assemblea si è chiusa sulla “fuga dell’Aventino” rivisitata e ribaltata in chiave moderna. I ricchi lasciano il tavolo e pretendono più quattrini per essere competitive a livello internazionale. Le piccole  invece chiedono una ridistribuzione della ricchezza.

Tutto ruota intorno alla revisione dell’articolo 19. Quello relativo alla distribuzione dei proventi derivanti  dei diritti Tv. Tanti soldi: un miliardo di euro. 1000000000, per rendere meglio l’idea. Attualmente lo statuto prevede che il 40% della somma sia divisa in parti uguali fra le venti sorelle. Il restante 60% è suddiviso così: 30% in base ai risultati sportivi. 30% in base ai tifosi (25% per bacino di utenza, 5% in virtù dalla popolazione della città rappresentata). Lo scenario avvantaggia le grandi: Juve (25%), Milan (15,12%), Inter (14,57)%, Napoli (10,43%), Roma (7,78%), Fiorentina (3,67%) assorbono, da sole, il 75% del tifo e del denaro.

Ricche, forti, potenti ed amate. In virtù di questa supremazia, le “big” spingono da anni per una rivisitazione dello statuto. La “borghesia”, invece, preme per una nuova gestione dei proventi dei diritti tv. In particolare, chiede che la “fetta” da dividere in parti uguali si innalzi al 50%. E che la percentuale relativa ai tifosi scenda al 20%. Una proposta giudicata inaccettabile dalle sei “regine” che hanno abbandonato il tavolo delle trattative. Un gesto mediaticamente forte: urbi et orbi, non c’è accordo. Né ci sarà. Spaccatura e conflitto sono insanabili. Non se ne esce. Anzi. La guerra di logoramento ha già mietuto diverse “vittime”: al “no” di Walter Veltroni si è aggiunto, in questi giorni, quello di Michele Uva. L’attuale dirigente generale della FIGC, potenziale commissario ad interim, ha declinato l’offerta.

In tutto questo bailamme, il 27 marzo è in programma il primo consiglio FIGC del Tavecchio-Bis. Appuntamento cui la Serie A, con ogni probabilità, si presenterà senza un presidente. Inaccettabile. Il CONI si è già fatto sentire, ma le urla di Malagò si disperdono nel vuoto di potere che permette il fiorire di tanti orticelli, intorno ai “castelli” di “regine” viziate, abituate a comandare senza curarsi delle altre. Sfugge, evidentemente, un particolare: le “grandi” non possono organizzarsi un campionato da sole. A meno che non mirino alla formazione di una Superlega, modello NBA, con le altre colleghe europee…

 

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, scomparso 2 anni fa, che oggi avrebbe compiuto 52 anni....

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Calcio

Lunedì 3 febbraio 1964. Una data importante nella storia gigliata. Non ci riferiamo alla conquista di scudetti o trofei, ma il giorno dopo il...

Calcio

Francesco Totti: le tappe indimenticabili della storia del Capitano Il 28 Maggio 2017 si ritirava Francesco Totti, l’eterno Capitano della Roma. Riviviamo tutte le...

Calcio

La lettera di addio alla Roma di Daniele De Rossi Il 26 maggio 2019 Daniele De Rossi, storica bandiera della Roma, giocava l’ultima partita...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro