Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Le uscite (finanziarie) a vuoto di Gigi Buffon

Rimarrà nella storia come uno dei più grandi portieri del calcio italiano e mondiale. Tra i pali, un numero uno nel vero senso della parola. Quando smetterà di giocare a calcio, di Gian Luigi Buffon, si dirà certamente questo. Senza l’ombra del dubbio. Ma non si potrà dire altrettanto e purtroppo per lui di Buffon come investitore o gestore di denaro. Non solo le parentesi negative legate al calcio scommesse (la prima volta nel 2006 e poi l’inchiesta della Finanza del 2012 che ha ipotizzato un coinvolgimento in una vicenda di alcuni assegni per una cifra di 1,5 milioni versati ad una tabaccheria di Parma) per il resto, il rapporto tra Gigi Buffon e la gestione del denaro sembra quello che esiste tra i bambini e le caramelle. Ne vogliono tante per mangiarle tutte e alla fine si sentono male. Così Gian Luigi Buffon con i tanti milioni di euro che ha guadagnato giocando a calcio. Per carità, se è vero del tutto che con i soldi suoi ognuno fa quello che vuole, questo vale anche lui. Il quale  ha dichiarato al Corriere della Sera (confermando una notizia ormai vecchia di mesi) di aver perso almeno 20-milioni di euro-20 (su 27 totali) investendo nella società tessile Zucchi. Venti, come gli anni della sua carriera di calciatore. Buffon era entrato nella Zucchi nel 2011, beccandosi anche una multa (di 60mila euro) da parte della CONSOB, per non aver rispettato gli obblighi di comunicazione, che riguardano le partecipazioni qualificate di società quotate in Borsa.  Per fortuna (per lui), come ha aggiunto nel corso dell’intervista, nonostante l’importante perdita registrata, alla fine, è riuscito a vendere le azioni della Zucchi (al fondo francese Astrance), salvandosi probabilmente da perdite peggiori. E, come ha voluto sottolineare, evitando tagli al personale per cui erano state fatte pressioni, scongiurando di far finire l’azienda in mano ai fondi speculativi ma affidandola a persone qualificate. Si è detto convinto, infatti, che la Zucchi senza di lui, ma con il fondo Astrance, saprà rilanciarsi. Aggiungendo inoltre di aver imparato la lezione che gli investimenti “vanno sempre seguiti di persona” e che “non bisogna mai affidarsi a terzi” i quali, parole sue, “possono sembrare persone di fiducia” ma invece a quanto pare per lui non lo sono stati. E infine che “in azienda l’aria deve respirarla chi mette i soldi”. Il fiasco finanziario di Buffon insomma non sarebbe addebitale a lui di persona ma a chi invece ha seguito i suoi investimenti. E quando la cronista gli ha chiesto se avesse intenzione di effettuare altri investimenti, la risposta del portiere juventino è stata che no “per il momento”, altri investimenti non verranno fatti. Non lo si può biasimare. Visto come gli sono andate le cose.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

41 anni di Zimbabwe: il calcio al tempo dell’Apartheid Il 18 aprile 1980 lo Zimbabwe, nuovo nome della colonia dell’ex Rhodesia Meridionale, otteneva l’indipendenza...

Calcio

Quando Divock Origi divenne uno Spot sulla sicurezza Compie oggi 26 Anni Divock Origi, l’attaccante belga del Liverpool che si rese protagonista di goal...

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Calcio

Lo scorso 6 aprile è stato il trentesimo anniversario dal primo ritorno di Roberto Baggio a Firenze da avversario. Il ‘Divin Codino’ alla Juventus...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Calcio

Fabrizio Frizzi e lo Sport: dal Bologna alla Nazionale Cantanti “Hai un amico in me. Un grande amico in me. Se la strada non...

Calcio

Giuseppe Chiappella: Firenze andata e ritorno Lombardo come Prandelli, tornò anche lui sulla panchina della Fiorentina. Giuseppe Chiappella scrisse pagine importanti della storia gigliata,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro