Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Le uscite (finanziarie) a vuoto di Gigi Buffon

Rimarrà nella storia come uno dei più grandi portieri del calcio italiano e mondiale. Tra i pali, un numero uno nel vero senso della parola. Quando smetterà di giocare a calcio, di Gian Luigi Buffon, si dirà certamente questo. Senza l’ombra del dubbio. Ma non si potrà dire altrettanto e purtroppo per lui di Buffon come investitore o gestore di denaro. Non solo le parentesi negative legate al calcio scommesse (la prima volta nel 2006 e poi l’inchiesta della Finanza del 2012 che ha ipotizzato un coinvolgimento in una vicenda di alcuni assegni per una cifra di 1,5 milioni versati ad una tabaccheria di Parma) per il resto, il rapporto tra Gigi Buffon e la gestione del denaro sembra quello che esiste tra i bambini e le caramelle. Ne vogliono tante per mangiarle tutte e alla fine si sentono male. Così Gian Luigi Buffon con i tanti milioni di euro che ha guadagnato giocando a calcio. Per carità, se è vero del tutto che con i soldi suoi ognuno fa quello che vuole, questo vale anche lui. Il quale  ha dichiarato al Corriere della Sera (confermando una notizia ormai vecchia di mesi) di aver perso almeno 20-milioni di euro-20 (su 27 totali) investendo nella società tessile Zucchi. Venti, come gli anni della sua carriera di calciatore. Buffon era entrato nella Zucchi nel 2011, beccandosi anche una multa (di 60mila euro) da parte della CONSOB, per non aver rispettato gli obblighi di comunicazione, che riguardano le partecipazioni qualificate di società quotate in Borsa.  Per fortuna (per lui), come ha aggiunto nel corso dell’intervista, nonostante l’importante perdita registrata, alla fine, è riuscito a vendere le azioni della Zucchi (al fondo francese Astrance), salvandosi probabilmente da perdite peggiori. E, come ha voluto sottolineare, evitando tagli al personale per cui erano state fatte pressioni, scongiurando di far finire l’azienda in mano ai fondi speculativi ma affidandola a persone qualificate. Si è detto convinto, infatti, che la Zucchi senza di lui, ma con il fondo Astrance, saprà rilanciarsi. Aggiungendo inoltre di aver imparato la lezione che gli investimenti “vanno sempre seguiti di persona” e che “non bisogna mai affidarsi a terzi” i quali, parole sue, “possono sembrare persone di fiducia” ma invece a quanto pare per lui non lo sono stati. E infine che “in azienda l’aria deve respirarla chi mette i soldi”. Il fiasco finanziario di Buffon insomma non sarebbe addebitale a lui di persona ma a chi invece ha seguito i suoi investimenti. E quando la cronista gli ha chiesto se avesse intenzione di effettuare altri investimenti, la risposta del portiere juventino è stata che no “per il momento”, altri investimenti non verranno fatti. Non lo si può biasimare. Visto come gli sono andate le cose.

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Tributo a Francesco Rocca, il Kawasaki giallorosso Per ricordarsi di Francesco Rocca, escludendo gli appassionati incalliti e gli addetti ai lavori, bisogna avere qualche...

Storie di Sport

Walter Bonatti: la solitudine e la grandezza del “Re delle Alpi” Nella notte tra il 30 e il 31 luglio 1954 veniva raggiunta la...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Compie oggi 48 anni Andrea Gaudenzi, il tennista italiano che ci ha fatto vivere una delle serate...

Calcio

Viv Anderson, il primo Leone nero della Storia d’Inghilterra Il 29 Luglio 1956 nasceva Viv Anderson, il calciatore rimasto nella storia dello Sport per...

Calcio

Slavisa Zungul, il Maradona del Calcio Indoor Compie oggi 67 Slavisa Zungul, un nome ed un cognome che a tanti milioni di appassionati di...

Calcio

Chilavert non si giudica dalla copertina Compie oggi 56 anni José Luis Chilavert, leggendario portiere del Paraguay. Per celebrarlo vi raccontiamo un aneddoto davvero...

Calcio

21-6-1978, Argentina-Perù: Marmellata rosso sangue Se è vero che ogni edizione della Coppa del Mondo ha avuto il suo sottoscala, lo sgabuzzino dove si...

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 25 luglio 1943 terminava il Regime Fascista, ponendo fine alla dittatura di Benito Mussolini, un...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il Madagascar, al giorno d’oggi, è conosciuto per essere la...

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro