Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Gaizka Mendieta, dai 90 miliardi ai dischi in finale di Champions League

Gaizka Mendieta, dai 90 miliardi ai dischi in finale di Champions League

Ha compiuto ieri 47 anni Gaizka Mendieta, il centrocampista basco che dopo aver incantato con il Valencia viene acquistato dalla Lazio per una cifra monstre, rivelandosi, però, come una delle più grandi meteore della storia della Seria A. Vi raccontiamo la parabola discendente.

Estate 2001. La Lazio di Sergio Cragnotti ha appena concluso il proprio campionato con lo Scudetto sul petto nel peggiore dei modi; non tanto per il terzo posto finale, comunque un piazzamento più che dignitoso, quanto per essersi vista ‘scucire’ il tricolore dagli odiati (sportivamente) cugini romanisti.

Come se non bastasse, nel corso della sessione di calciomercato, i tifosi biancocelesti sono costretti a subire due colpi duri da digerire: le partenze di beniamini come Juan Sebastian Veron (direzione Manchester, sponda United) e Pavel Nedved, che cede al corteggiamento della nuova Juventus di Marcello Lippi.

La piazza è in fermento. Il presidente laziale, pertanto, decide di mettere a segno un colpo eccezionale per alleviare ai sostenitori dell’aquilotto il dolore degli addii di due grandi protagonisti del successo in Italia nella stagione 1999/2000.

Il nome giusto viene dalla Spagna ed è reduce da annate semplicemente pazzesche, tanto in termini di freddi numeri che di prestazioni: si tratta del centrocampista del Valencia Gaizka Zabala Mendieta.

Dopo settimane di trattative estenuanti, a metà luglio lo spagnolo di Bilbao sbarca nella Capitale per la cifra monstre di 90 miliardi di vecchie lire. Un esborso significativo, che tuttavia pare giustificato dalle grandi qualità del ragazzo: calciatore completo, in grado di ricoprire le varie zone del centrocampo, con grande visione di gioco, abilità negli inserimenti, fiuto del gol, freddezza dal dischetto e precisione sui calci piazzati.

Il 20 luglio del 2001 sono tremila i tifosi della Lazio pronti ad urlare il nome di Sergio Cragnotti. A Formello è il giorno della presentazione di Mendieta e sembrano lontani i momenti in cui (dieci giorni prima) nel quartier generale biancoceleste c’era aria di contestazione e voglia di mettere sul banco degli imputati un presidente, agli occhi di una parte della tifoseria, colpevole per una campagna rafforzamento in tono dimesso.

Il biondo basco si presenta così: “Voglio la Champions League, ma mi affascina l’ idea di poter primeggiare in un campionato come quello italiano. Sono un difetto per i giornalisti e un pregio per gli allenatori. Un paragone con Nedved? Ognuno deve essere se stesso. Sono un centrocampista completo che può giocare in mezzo al campo o sulle fasce, deciderà l’ allenatore. A facilitare il mio inserimento a Roma ci penserà Claudio Lopez mio ex compagno e grande amico ai tempi di Valencia: se sono nella Capitale è perché in Spagna avevo chiuso un ciclo“. Parole che fanno ben sperare i sostenitori capitolini, i quali però resteranno ben presto delusi ogni volta che Mendieta scenderà in campo con la casacca della propria squadra del cuore.

Il rendimento dello spagnolo è semplicemente imbarazzante. Zero gol e nessuna giocata degna di nota in mezzo al campo: solo tanta confusione e una miriade di errori assurdi. Neppure l’addio di Zoff ed il contemporaneo arrivo in panchina di Alberto Zaccheroni cambiano le cose: del Mendieta campione a Valencia non c’è la minima traccia.

Alla fine i numeri parleranno ancor più chiaro: 31 presenze in totale e zero gol. Assurdo per un calciatore abituato ad andare in doppia cifra, in termini di reti, da quattro stagioni.

Non è difficile capire, pertanto, perché l’esperienza capitolina di Mendieta duri un solo anno. Lo spagnolo ritroverà (soltanto parzialmente) se stesso tra Barcellona e Middlesbrough prima di appendere gli scarpini al chiodo nel 2004.

Oggi, invece, Gaizka Mendieta è diventato un dj di grande successo, tanto da essere invitato nella kermesse che ha preceduto la finale di Champions League 2016 tra Real Madrid ed Atletico a Milano.

Sarà una meteora anche nel campo della musica? Chi può dirlo..

A cura di

Nato a Roma sul finire degli anni Ottanta, dopo aver conseguito il diploma classico tra gloria (poca) e insuccessi (molti di più), mi sono iscritto e laureato in Lingue e Letterature Europee e Americane presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Tor Vergata. Appassionato, sin dall'età più tenera, di calcio, adoro raccontare le storie di “pallone”: il processo che sta portando il ‘tifoso’ sempre più a diventare, invece, ‘cliente’ proprio non fa per me. Nel 2016, ho coronato il sogno di scrivere un libro tutto mio ed è uscito "Meteore Romaniste”, mentre nel 2019 sono diventato giornalista pubblicista presso l'Ordine del Lazio

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

Sport Criminale: quando gli atleti sono vittime di agguati Quando parliamo di giocatori vittime di agguati non possiamo non cominciare da quello che, purtroppo,...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, scomparso 2 anni fa, che oggi avrebbe compiuto 52 anni....

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Sta avendo enorme successo il film da poco uscito su Netflix “Il Divin Codino”, dedicato alla vita di...

Calcio

Lunedì 3 febbraio 1964. Una data importante nella storia gigliata. Non ci riferiamo alla conquista di scudetti o trofei, ma il giorno dopo il...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro