Connect with us

Cerca articoli

Varie

Le lacune di Rai sport: Grandi Eventi in chiaro, elusa raccomandazione UE

Il direttore generale della Rai Dall’Orto progetta e rilancia una Rai competitiva anche sul fronte dello sport, parzialmente adeguata alla concorrenza. Immagazzina la lezione di Netflix e proporrà contenuti a pagamenti mentre sul fronte delle newsroom la politica aziendale, secondo la consueta tradizione di discontinuità, contraddice radicalmente l’impostazione data dal predecessore Gubitosi. E’ la lezione renziana. Se il presente non sfavilla, occorre proiettare nel futuro un sogno, un’ambizione, una prospettiva. La realtà è molto più cruda. Nessuno sport, tra i più seguiti, è attualmente nel bouquet della Rai stante l’impossibilità di rincorrere Sky e Mediaset sul piano della concorrenza dei diritti televisivi.

Chi si accontenta di pallamano e di stantii revival del Giro d’Italia degli anni ’80 (magari con il forte dubbio che le vittorie mostrate siano frutto di doping) può ristagnare su Rai Sport che è talmente in crisi di contenuti da mostrare spesso la stessa pappardella sul canale uno e sul canale due. La programmazione non è frutto di scelte ma di obblighi tassativi, figli di una vecchia impostazione. Non sappiano quanto siano contente le stesse federazioni minori che, spesso, si vedono trasmesso un evento (un campionato italiano, una manifestazione internazionale) che dovrebbe essere di attualità con un mese o due di ritardo.

Un’occasione di rilancio? L’Olimpiade forse. Ma il tema dei grandi eventi ci porta al mancato rispetto del dettato dell’Unione Europea che raccomanda agli stati (e alla propria televisione pubblica di riferimento) di trasmettere in chiaro i principali avvenimenti sportivi. E’ rispettata la forte raccomandazione in Italia?  Assolutamente no. E nessuno se ne preoccupa. Purtroppo neanche le associazioni dei consumatori.

La privatizzazione degli eventi attraverso la loro vendita parcellizzata ha bypassato la Rai e la esclude come competitor. Nè i Governi intervengono, né la situazione sembra minimamente preoccupare gli ultimi presidenti del Coni (Petrucci, Malagò) rispettando l’assunto che  le raccomandazioni vanno aggirate o ignorate. Mostrare lo sport vuol dirne farne pubblicità. Mostrarlo in chiaro vuol dire arrivare al grande pubblico e fare opera di divulgazione.

La finale dei campionati europei di basket in Spagna è stata mostrata in chiaro e ha riguardato una platea di sei milioni di teleutenti iberici, non necessariamente fidelizzati alla pallacanestro. Un’audience che “batte” persino quella nostrana relativa a Montalbano, trasmesso su Rai Uno, il canale di maggiore ascolto. La citazione dovrebbe far riflettere e stimolare. Un invito ad agire per chi ne ha possibilità. Restituire alla Rai questa possibilità vorrebbe dire riattribuirle quel ruolo di player che al momento sembra quasi definitivamente perduto, stante un mercato che ruota attorno a un duopolio, inquinato da conflitti d’interesse (vedi vicenda Infront) .

social banner

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Festa d’Europa: perché alle Olimpiadi non vedremo mai il Team Europe Il 9 Maggio si celebra la Festa d’Europa (Giorno Europeo) per ricordare il...

Basket

Il giornalismo sportivo è in lutto per la morte di Franco Lauro, trovato privo di vita nella sua casa romana in seguito ad un...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Andrea Lucchetta: a tu per tu con Crazy Lucky E’ un dato di fatto che nello sport moderno, nelle sue varie accezioni,...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Gli effetti della Brexit sul calcio inglese La Gran Bretagna e l’Unione Europea hanno raggiunto l’accordo per la Brexit. A riferirlo Boris...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Sandro Campagna: a tu per tu con la Leggenda della pallanuoto azzurra Nell’universo dello sport italiano le ondate cicliche si susseguono senza...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Perché i tifosi del Liverpool hanno fischiano l’inno nazionale? Che i tifosi del Liverpool a God Save the Queen preferissero You’ll Never...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Il governo mette in crisi l’autonomia dello Sport Italiano e il CIO richiama ufficialmente il Coni E’ un momento particolare per la...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Diritti Tv Champions League: mentre la Rai e Sky litigano, Mediaset gode Ora è ufficiale: la Champions League sarà trasmessa in chiaro...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] L’altro sogno delle ragazze mondiali Bravissime ed emozionanti, la nazionale di calcio femminile di ritorno ai Mondiali dopo 20 anni, raggiunge i...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] [VIDEO] Roma Anno Zero, Antonio Padellaro: “Ora Ricominciamo” Le considerazioni del Direttore Antonio Padellaro sulle parole di Francesco Totti nella conferenza fiume...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Il sacrificio umano della Roma dal Fatto Quotidiano del 18 Giugno 2019 Il lutto si addice ad Elettra ma anche alla Roma...

Snooker

[themoneytizer id=”27127-1″] Nestor “Nenè” Gomez: il Professore, eternamente Ragazzo, della stecca (Parte Terza) Carlo Cifalà, il nuovo fenomeno del biliardo mondiale, arriva al Palace...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro