Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ubi maior, Belgium cessat

Ubi maior. Spesso quando vogliamo fare i forbiti, recitiamo questo proverbio con i puntini di sospensione. In realtà è ubi maior, minor cessat, ovvero dove vi è qualcosa di maggiormente importante, la cosa minore smette di esistere.
E la cosa minore in questo caso è stata giocarsi la propria fetta di mondiale in un campionato più competitivo. Ma Laurent Ciman, 32 anni questo lo sa bene. Come sa che questa poteva essere la sua ultima occasione per andare ai mondiali con la nazionale belga che stasera si gioca le semifinali. Però, come si dice spesso, ubi maior.

Laurent infatti era ed è un buon difensore, affidabile, dedito e anche bravo. Nel 2015 sta giocando e la sfanga alla grande nello Standard Liegi, in Belgio. All’improvviso, ex abrupto, direbbero sempre i latini, decide che la sua carriera in Belgio è finita. Tra parentesi si starebbe anche giocando la sua convocazione agli europei di calcio, mica una gita fuori porta.
La decisione sembra cogliere di sorpresa tutti, specie per la destinazione. Montreal Impact. La squadra canadese che gioca nella prima divisione statunitense. Esigenze di mercato? Voglia di girare nuovi posti venuta all’improvviso? No.

Laurent ha scoperto che sua figlia Nina ha una forma di autismo molto grave. E a questo punto la sua vita è a un bivio. O continua a seguire la sua carriera di calciatore e si fa bastare le risorse mediche che ha oppure si informa su quale sia il centro migliore e fanculo la carriera. Il responso è stato Canada, il miglior centro al mondo è lì. E cosa fa Laurent? Ubi maior.

Primo belga ad andare a giocare negli USA, miglior difensore della lega nel 2015 appena arrivato. Non saranno competitivi però se la giocano e lui prevale. Anche troppo se è per questo. Infatti il suo contratto prevede che lui debba accettare i trasferimenti senza battere ciglio, siccome è bravo davvero, la squadra del Los Angeles FC lo ha voluto fortemente per ambire al titolo. Il Montreal ha detto sì e lui è dovuto partire. Dire che fosse alterato è essere britannici, lui voleva rimanere specie e soprattutto per la figlia. Anche perchè curarla significa dispendio economico. Ma nemmeno i tifosi sono stati contenti, inondando la società canadese di tweet di protesta.

Laurent oggi guarderà i suoi compagni della nazionale, pur essendo uno dei quotati per andare ai mondiali, alla fine non è stato convocato. Era in ballottaggio con Vincent Kompany. Ad un certo punto sembrava andasse, Kompany si era infortunato, ma poi si è ripreso e Martinez, ct del Belgio, ha dovuto scegliere tra chi gioca in un campionato di alto livello e chi viene da serie meno competitive e ha scelto Kompany.
Laurent però non ci è rimasto male. Per lui ogni minuto lontano dai campi da calcio è un minuto per la figlia, allontanarsi e andare in Russia, diciamo che non era proprio il massimo.
In fondo, era solo il mondiale, a casa lo aspetta sua figlia, Nina.
E si sa, ubi maior…

Ettore Zanca
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Calcio

La cantina Nevio Scala: dalla panchina alle vigne Capolavoro in Emilia-Romagna. Tra calcio e buon vino Nevio Scala ha scritto un romantico romanzo di...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 34 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato tre anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Calcio

A tu per tu con Ambra Lombardo tra calcio e spettacolo a Tiki Taka e non solo A tu per tu con la bellissima...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

La coppa fantasma: quella finale tra Udinese e Atalanta senza trofeo… La coppa fantasma. Fin dal giorno della sua assegnazione. Dove nessuno la vide...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 3 gennaio 1929 nasceva uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone. Tutti...

Sport & Diritti

Pubblicata online la brochure del progetto SAFE! La brochure deI progetto SAFE, realizzato da LAZIOCREA S.p.A. di concerto con la Regione Lazio – Direzione Cultura...

Calcio

Il Derby di Mostar tra nazionalismo, religione, politica e odio A Roma, molte volte, quando si gioca la partita tra Roma e Lazio, si...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro