Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

L’attesa, il sangue, la sofferenza: è l’oro di Majlinda, il primo per il Kosovo

Nel 1992, nel corso dell’estate olimpica che restituiva a nuova vita la città di Barcellona e la Spagna stessa, in una energica folata prima della crisi del decennio successivo, la popolazione kosovara, di fatto fallita l’opposizione non violenta al pugno duro di Milosevic, era alle prese con i risultati del referendum per l’indipendenza. Che, in realtà, fu un plebiscito: oltre il 98% dei kosovari votanti (l’80% della popolazione) voleva un Kosovo libero e indipendente. Del resto, era la manifestazione prevedibile della stragrande dominanza dell’etnia albanese (il 90%) tra i kosovari, che rappresentava il vero problema di Milosevic, fino a bandire il bilinguismo serbo-albanese e a chiudere le scuole in lingua albanese: in Kosovo si doveva parlare il serbo, la lingua madre di un kosovaro su dieci.

Nel 2000, mentre i Giochi andavano in Australia, riscoprendo terre, colori e atmosfere dell’Oceania, e mentre Domenico Fioravanti ci faceva innamorare di sé, all’apice della sua giovinezza sportiva di crudele brevità, per i kosovari il clamore e la gioia delle Olimpiadi erano mai così distanti, non solo per questioni geografiche. Lì, la popolazione faceva ancora i conti con il terribile 1999, il secondo anno di una guerra che produsse 11.000 civili albanesi morti, e 800.000 profughi che avevano varcato i confini verso Albania e Macedonia.

Le ha attese a lungo le Olimpiadi, come molte altre cose, il Kosovo, la terra degli albanesi che ha dovuto lottare e perdere tanto, per essere riconosciuta come tale. I giochi della nostra giovinezza, che hanno il sapore della innocente gioia della scoperta, non erano un pensiero per ragazzi kosovari, in altre terribili faccende affaccendati, alle prese con una battaglia per l’esistenza come popolo, come terra, come esseri umani. Magari le ha guardate, quelle di Atene 2004, all’età di 13 anni, Majlinda Kelmendi. Magari le ha sognate, prima o poi. Ha sognato molto, il Kosovo, il suo prima o poi.

La storia dell’oro di Majlinda Kelmendi, il primo ad un’Olimpiade per il Kosovo, è la storia di una lunga attesa, non senza ferite. Senza superflua retorica, quanto fa bene al sentimento, l’oro del kosovo. Passa fatalmente per la delusione azzurra di una splendida Odette Giuffrida: non se la prenderà la judoka italiana d’argento, se rappresenta una sconfitta un po’ più indolore di qualsiasi altra. Dal suo titolo mondiale nel 2013, proprio a Rio de Janeiro, all’oro olimpico, per Majlinda sono passati tre anni. Certamente brevi, probabilmente lunghissimi, per lei. Un po’ più lunga è stata l’attesa del Kosovo, che nel mezzo della sua notte ha festeggiato d’una festa non come le altre. Quella per l’oro di una ragazza che alle sue prime olimpiadi, a Londra 2012, con la bandiera dell’Albania, non era andata oltre il primo turno. Non erano le Olimpiadi giuste, forse. Non erano le Olimpiadi sotto la bandiera giusta, può darsi. Majlinda ha vinto nel 2016, e ha vinto per il suo Kosovo. No, impossibile prendersela a male.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Storie di Sport

Strage di Monaco, le colpe dei tedeschi Durante le Olimpiadi di Monaco 1972, nella notte tra il 5 e il 6 Settembre un gruppo...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il 2 settembre 1937 moriva Pierre De Coubertin, padre delle...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Ripetuto volteggio fra apice e baratro, la vita di Nadia Comăneci si è sviluppata quasi fosse...

Altri Sport

Jonathan Edwards, il Gabbiano che non volava di domenica Il 7 agosto 1995 ai Mondiali di atletica di Goteborg, Jonathan Edwards, l’uomo volante del...

Altri Sport

Lo sport non è soltanto passione ed intrattenimento, ma anche impegno ed abnegazione. Un misto di determinazione e sacrificio, senza i quali, come spesso...

Altri Sport

Hassiba Boulmerka, un oro per la libertà Compie oggi 52 anni Hassiba Boulmerka, l’atleta algerina divenuta simbolo di libertà contro la discriminazione che soffriva...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 25 giugno 1903 nasceva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti...

Pugilato

Teófilo Stevenson: tutto l’oro di Cuba L’11 giugno 2012 moriva nella sua Cuba, Teófilo Stevenson, leggendario pugile caraibico che durante tutta la sua vita...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Altri Sport

Nino Bibbia: storia di un fruttivendolo diventato Campione Olimpico Il 28 maggio 2013 moriva Nino Bibbia, il primo azzurro a conquistare un oro nei...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro