Connect with us

Cerca articoli

Calcio

L’Atalanta di Gasp: i giovani al comando

Si dice spesso che “il pallone è rotondo” proprio per indicare che non si può sapere come possano andare le cose. O meglio qualcosa si può fare, ma non tutto. Per l’Atalanta di Gasperini sono settimane idilliache. Gli ultimi successi (su tutti quelli ottenuti con Inter e Napoli) hanno proiettato i neroazzurri al quarto posto, iniziando persino (siamo solamente alla dodicesima giornata) a parlare di Europa. Il detto “calma e gesso” va tenuto bene a mente, soprattutto se si torna a rivedere come la stessa Atalanta ha iniziato il campionato: 3 punti in 5 partite e le voci che davano il Gasp vicino all’esonero.

Insomma, dalle stalle alle stelle in un batter d’occhio per il gruppo del presidente Percassi. La svolta c’è senz’altro stata e ne va dato atto agli interpreti. La vittoria contro il Crotone ha dato la carica e ha aperto gli occhi al mister, facendogli capire su chi vale veramente la pena puntare. In una situazione delicata, le sue scelte sono cadute sui giovani. Qualcosa di stupefacente, se si pensa all’età media delle formazioni del campionato di serie A (Chievo e Juventus le più anziane), che i giovani vengono sempre relegati in panchina e palesando molte restrizioni nel dar loro responsabilità. Invece, il buon Gasp ha stupito tutti e ha iniziato a far brillare le giovani stelle che ha a disposizione: Andrea Conti, Mattia Caldara, Roberto Gagliardini tutti classe 1994, senza dimenticare i già rodati Andrea Petagna e Alberto Grassi, un anno più giovani dei precedenti.

740-petagna-caldara-conti-gagliardini-grassi

Quanto durerà questo momento? Rimarranno in pianta stabile negli schemi del mister? Difficile dirlo e fare previsioni. Sicuramente però la strada sembra tracciata e sapendo quanto la stessa società ci tenga a coltivare i propri giovani (il vivaio bergamasco è tra i più competitivi in assoluto in Italia e attualmente presenta tre formazioni in testa nei rispettivi campionati giovanili) non dovrebbe essere una semplice e breve parentesi, ma l’inizio di un cambio di rotta e mentalità.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Para e basta. Para più che puoi. La parte del corpo coinvolta non conta: para ed esulta....

Calcio

Aldo Agroppi, comunque granata Se nelle stracittadine anche gli occhi di Paolino Pulici diventavano granata, un altro cuore torinista che sentiva il derby della...

Calcio

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più Il 5 febbraio 1932 nasceva Cesare Maldini, compianto allenatore di un calcio che...

Azzardo

Conviene utilizzare i pronostici in rete prima di scommettere? Quello del betting è un mondo particolarmente ricco ed articolato, che nel corso degli anni...

Calcio

C’era una volta un Leone con un Mitra: Batigol Se non fosse per l’intensità dello sguardo, caratterizzato da profondi occhi chiari, sarebbe difficile per...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Per il Giorno della Memoria vi raccontiamo la storia di Erno Erbstein, leggendario allenatore del...

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Oggi, insieme a Cristiano Ronaldo, è unanimemente riconosciuto come il calciatore più forte in attività. Qualcuno porta...

Calcio

Andrej Kanchelskis, storia di una sfortuna infinita Compie oggi 52 anni Andrej Kanchelskis, il calciatore russo arrivato in Italia per spaccare il mondo, finito...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro