Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

L’armonia di Manuel Bortuzzo

L’armonia di Manuel Bortuzzo

Testo: Ettore Zanca

Illustrazione: Enrico Natoli

Se questo fosse un film degli Avengers, ora Manuel tornerebbe indietro nel tempo. Magari non si fermerebbe più lì dove gli hanno sparato, saprebbe cosa lo aspetta. Tornerebbe indietro e non farebbe una sola di quelle azioni per cambiare il suo destino.

Era il 3 febbraio 2019, Manuel Bortuzzo si ferma davanti ad un distributore automatico a Roma, con la fidanzata Martina. Si sentono dei colpi, Manuel non capisce cosa succede, sente solo la sua schiena cedere. Si scopre subito che è stato raggiunto da un colpo di pistola alla schiena, lesione midollare. La sentenza è atroce: difficilmente tornerà a camminare.

Sarebbe già difficile così. Ma Manuel ha un amore viscerale. Se è vero che il nostro corpo è fatto per maggioranza di acqua, per lui il suo corpo è acqua. Trova armonia nell’acqua. Manuel è un nuotatore, di quelli che hanno le Olimpiadi nel mirino, i mondiali nel DNA e le medaglie come tatuaggi. Un predestinato. La sentenza abbatterebbe un toro, anche se la sentenza su chi gli ha sparato arriva, ma non lo consola.

Basterebbe questo per urlare contro il destino e le sue ingiustizie, invece Manuel già dalla stanza d’ospedale fa capire che lui a smettere di sognare in grande non ci pensa proprio. Le sue priorità sono il nuoto, una esistenza votata allo sport e ai suoi affetti, le Olimpiadi. Sì, lo dice, il suo traguardo è quello. Un esempio di sorriso contro, di tenacia, di spaccare il mondo. O semplicemente, come ha fatto, tornare a nuotare, a riprendere il suo elemento e sentirsi solo lui e l’acqua, contando le mattonelle del fondo, che tante poi chissà dove lo porteranno.

Non siamo in un film degli Avengers, non si torna indietro, non si ristabilisce l’equilibrio cambiando le azioni. Ma si può andare avanti. Perchè hanno provato a togliere Manuel dall’acqua, ma non sapevano che Manuel, l’acqua, la possiede al posto del sangue, un po’ come un supereroe, un Avenger. Ma senza vendicarsi. Non vale la pena.

Ti è piaciuta la Storia? Segui Lo Sport oltre la siepe su Facebook! 

A cura di

Da non perdere

Motori

Dal coma al ritorno in pista: la vittoriosa battaglia di Mika Hakkinen Compie oggi 53 anni Mika Hakkinen, leggendario pilota finlandese di Formula Uno,...

Calcio

Francesco Totti: le tappe indimenticabili della storia del Capitano Compie oggi 45 anni Francesco Totti, capitano e leggenda della Roma e del calcio italiano....

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Josef Bican, il più grande marcatore della storia dimenticato per colpa della Guerra Il 25 settembre 1913 nasceva Josef Bican, un nome che potrebbe...

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Si è celebrata ieri la Giornata Mondiale della Pace Onu. Per l’occasione...

Calcio

L’Atlético Madrid ha usurpato l’identità dell’Athletic Bilbao? Oggi nella Liga spagnola si incontreranno Atletico Madrid e Athletic Bilbao, una delle sfide più antiche del...

Calcio

Christian Pulisic, l’oro americano scoperto ‘per sbaglio’ Compie oggi 23 anni Christian Pulisic, giovane talento statunitense, per anni gemma preziosa del Borussia Dortmund, oggi...

Calcio

La nascita della Coppa dei Campioni E’ iniziata ieri la 30esima edizione della Champions League. Per l’occasione vi raccontiamo la storia del glorioso trofeo...

Inchieste & Focus

Il 13 Settembre 2007, la FIA condanna la McLaren al pagamento di una multa di 100 milioni di dollari e l’azzeramento dei punti nel...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Motori

Monza e la Ferrari: un Matrimonio e sei figli “speciali” Si corre domenica il Gran Premio D’Italia a Monza. Un circuito la cui storia...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro