Connect with us

Cerca articoli

Sport & Diritti

Landis Sims, il giocatore dei New York Yankees senza braccia né gambe

Hai 10 anni, sei nato senza mani e senza la parte inferiore delle gambe. Sei sfortunato, sei nato sfortunato, eppure cosa decidi di fare nella tua vita? Giocare nei New York Yankees. Inseguire un sogno, come solo un bambino di 10 anni può fare.

Questa non è la solita storia strappalacrime magari carica di ipocrisia che troppo spesso siamo abituati a leggere perché quella di Landis Sims, il protagonista di cui vi parliamo, è una storia di sport, dura e pura.

Sims non vuole corsie preferenziali, gioca a baseball, il suo sport preferito, ad Elizabeth in Indiana (che è “The land of basketball” tra l’altro, quindi piuttosto “fuori contesto”, ed è al confine col Kentucky, altra base del basket a stelle e strisce) e fa parte della Little League.

L’Indiana non ha una squadra di baseball ed allora Sims è diventato tifoso della squadra più famosa del mondo, gli Yankees, grazie anche al suo mito, Derek Jeter, una vera e propria bandiera con 19 anni a fare da interbase alla squadra della Grande Mela. Grazie a questa passione conosce Joe Girardi, ex giocatore ed attuale allenatore degli Yankees che affascinato dalla sua passione e forza di volontà lo ha invitato allo spring training a Tampa per fargli firmare un contratto da un giorno come minor leaguer.

Girardi è venuto a conoscenza dell’esistenza di Landis grazie ad un rappresentante delle pubbliche relazioni degli Yankees che li ha fatti incontrare 2 anni fa, quando il bimbo ha poi assistito al suo primo allenamento dal vivo della sua squadra del cuore. Ora invece ha giocato con i suoi campioni che hanno assistito basiti a quello che riesce a fare con il parastinchi inserito nel guantone da baseball per giocare in difesa. Girardi ha detto che “E’ incredibile Landis e quello che riesce a fare. La sua forza di volontà è di insegnamento per tutti noi” e lo ha detto davanti a delle telecamere perché Landis sarà protagonista di un documentario girato da Eric Cochran. “Il giorno in cui ci hanno detto della sua malformazione è stato piuttosto devastante”, dice mamma Amanda, un’ insegnante di scuola superiore, che ha proseguito dicendo: “Allora Dio ha iniziato a lavorare ed è tutto un viaggio fantastico da quel fatidico giorno”.

Ma Landis Sims com’è che riesce a giocare? Il bambino davvero non ha né braccia né gambe così gli hanno “installato” delle protesi specifiche che gli hanno permesso di giocare a baseball tutti questi anni. All’altezza delle ginocchia ha dei parastinchi, ci ha fatto stampare sopra il numero 2, il numero di Derek Jeter.

A Tampa Sims si è presentato con il suo agente, perché in questo contratto è previsto il pagamento allora andava contrattato appunto.

Dopo la firma, gli hanno consegnato divisa ed armadietto personalizzato come a tutti gli altri giocatori ed il piccolo è stato però attirato dal leader della squadra, A-Rod, Alex Rodriguez, che alla fine gli ha regalato la mazza con su scritto “Ad un grande compagno di squadra”.

Landis si è allenato con Rodriguez e Teixeira dimostrando che la passione è la vera fiamma che anima lo sport.

GUARDA IL VIDEO – ABC NEWS

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Sport & Diritti

Smart Games: lo Sport a casa di Special Olympics per contrastare il Coronavirus “Everywhere We Play”, il Claim che accompagna questo evento la dice...

Altri Sport

La risposta di Special Olympics alla quarantena: “Insieme siamo più forti” L’isolamento che insegna il valore dell’inclusione Nello stare lontani si può comunque essere...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Bebe Vio, la Regina della Resilienza Testo: Ettore Zanca Illustrazione: Enrico Natoli Si voleva suicidare. Così dissero i genitori. Quando apprese dell’amputazione degli arti...

Altri Sport

Roberto La Barbera, come diventare SuperUomini Diventare campioni è qualcosa che il destino riserva a pochi uomini. Diventare SuperUomini è una questione di mentalità,...

Altri Sport

  Quando “Datti alle Bocce” è la cosa più bella che c’è Partirà dal Palazzetto dello Sport Salvador Allende, domenica 10 febbraio dalle 9...

Calcio

Quando ti invitano alla consegna di un Premio ci vai spesso se in quel momento della giornata non hai particolari impegni e se la...

Basket

Michele “è nato con il pallone in mano”, così han detto i genitori raccontando la sua storia. Alla nascita pesava oltre 3 kili per...

Altri Sport

Lucifero, Giuda Iscariota, Conte Ugolino e Cocito. Questi sono solo alcuni dei nomi dei percorsi – naturali e artificiali – di Inferno run, la...

Altri Sport

Spesso ci chiediamo se lo sport e la disabilità possano davvero essere due termini quasi speculari, o se invece chi è costretto in sedia...

Altri Sport

Tecnologia e disabilità. Lo sport che incontra il marketing e aiuta a non mollare mai. Fin da piccoli ci hanno insegnato a non farci...

Calcio

“C’è un cuore grande sorridente, c’è la lettera “I” di Insuperabili. Io in questa opera c’ho visto un supereroe”. Massimo Sirelli descrive così la...

Altri Sport

Avete presente la California? Posto assolato, mare, le onde, le belle donne in bikini e i palestrati ricoperti d’olio abbronzante? E Los Angeles, con...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro