Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

L’amore di Andre per Steffi

L’amore di Andre per Steffi

Per i 51 anni compiuti oggi dal leggendario tennista Andre Agassi, vi raccontiamo un episodio che spiega bene il suo amore per un’altra icona della racchetta, la moglie Steffi Graf.

Ho poche persone come riferimento nella mia esistenza. Ognuna ha il suo bravo posto arredato e un contratto a vita per stare nella mia, di vita. Salvo cataclismi, non andranno via. Sono le uniche da cui vado a far vedere le cicatrici, a cui mostro la pancia come fanno i gatti quando si fidano. Con cui divido segreti inconfessabili.

Fanno tutte un lavoro che amano. E io ho avuto la fortuna di conoscerle sia mentre davano il meglio di sé sul lavoro, sia nel privato con le loro confidenze. L’umiltà che hanno va di pari passo con la loro bravura e competenza e questo mi piace tantissimo. Però la bellezza è proprio vederle mentre fanno. Quando mi è capitato ho provato orgoglio per far parte delle loro vite. Ogni volta che le guardo, mi viene in mente quello che raccontava Andre Agassi nel suo libro.

Una volta decise di andare a giocare un po’ a tennis con sua moglie, Steffi Graf, in un campetto di periferia. Si erano già ritirati entrambi da tempo dall’agonismo. I primi tiri erano molto delicati, sua moglie non si stava impegnando. Ad un certo punto lui la provoca, le dice che potrebbe fare meglio. E lei gli spara una pallettata “che sembra un treno merci”. Da quel momento lei gioca come se fosse in una partita vera. E lui rimane incantato a guardare sua moglie che lo demolisce con colpi da professionista.

La sua frase è: “ogni tiro è importante, non si sbaglia mai, non si stanca mai, è una gioia guardarla, anzi, un privilegio.”. Ecco, chi ha il mio cuore sappia che per me è un privilegio vedergli dare il meglio e conoscerne la parte privata che andrebbe in pezzi come un cristallo. Grazie a loro, imparo qualcosa ogni giorno. Ad amare in forme atipiche ad esempio. Come Agassi, che si innamora di più della moglie mentre lo demolisce a pallate.

Ettore Zanca
A cura di

Facebook

Da non perdere

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Compie oggi 66 anni Claudio Garella, iconico portiere del Napoli Campione d’Italia, famoso per il suo modo...

Calcio

Il senso di Lukaku per la vita Compie oggi 28 anni Romelu Lukaku, il colosso belga dell’Inter. Le sue battaglie in campo sono lo...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Calcio

Ebrima Darboe, il sogno di una cosa – E poi, e poi Gente viene qui e ti dice Di saper gia’ Ogni legge delle...

Altri Sport

A tu per tu con Agostino Abbagnale, la Leggenda oltre il destino Buone notizie dal canottaggio azzurro che ha concluso gli Europei di aprile...

Pugilato

Gli amici, i riflessi, il gioco di gambe: storia di Willie Pep Ci si può scordare di un re? A quanto pare sì; perché...

Calcio

Luis Vinicio, ‘O Lione Un sudamericano napoletano d’adozione. Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato di Bruno Pesaola, stavolta è il turno di Luis Vinicio,...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta...

Altri Sport

A tu per tu con Carolina Stramare, tra moda e sport A Tu per Tu con Carolina Stramare, Miss Italia 2019. Carolina è una...

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn Tra le vittime della Strage di Superga avvenuta il 4 maggio di 72 anni fa c’era anche Valentino...

Altri Sport

A tu per tu con Antonella Fiordelisi, tra scherma e social Abbiamo avuto il piacere di intervistare Antonella Fiordelisi, giovane promessa della scherma. Antonella...

Motori

Ayrton e Alain: il mio nemico migliore Nel giorno in cui ricordiamo la scomparsa di Ayrton Senna, avvenuta il primo maggio 1994, con Paolo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro