Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

L’amore di Andre per Steffi

L’amore di Andre per Steffi

Ho poche persone come riferimento nella mia esistenza. Ognuna ha il suo bravo posto arredato e un contratto a vita per stare nella mia, di vita. Salvo cataclismi, non andranno via. Sono le uniche da cui vado a far vedere le cicatrici, a cui mostro la pancia come fanno i gatti quando si fidano. Con cui divido segreti inconfessabili.

Fanno tutte un lavoro che amano. E io ho avuto la fortuna di conoscerle sia mentre davano il meglio di sé sul lavoro, sia nel privato con le loro confidenze. L’umiltà che hanno va di pari passo con la loro bravura e competenza e questo mi piace tantissimo. Però la bellezza è proprio vederle mentre fanno. Quando mi è capitato ho provato orgoglio per far parte delle loro vite. Ogni volta che le guardo, mi viene in mente quello che raccontava Andre Agassi nel suo libro.

Una volta decise di andare a giocare un po’ a tennis con sua moglie, Steffi Graf, in un campetto di periferia. Si erano già ritirati entrambi da tempo dall’agonismo. I primi tiri erano molto delicati, sua moglie non si stava impegnando. Ad un certo punto lui la provoca, le dice che potrebbe fare meglio. E lei gli spara una pallettata “che sembra un treno merci”. Da quel momento lei gioca come se fosse in una partita vera. E lui rimane incantato a guardare sua moglie che lo demolisce con colpi da professionista.

La sua frase è: “ogni tiro è importante, non si sbaglia mai, non si stanca mai, è una gioia guardarla, anzi, un privilegio.”. Ecco, chi ha il mio cuore sappia che per me è un privilegio vedergli dare il meglio e conoscerne la parte privata che andrebbe in pezzi come un cristallo. Grazie a loro, imparo qualcosa ogni giorno. Ad amare in forme atipiche ad esempio. Come Agassi, che si innamora di più della moglie mentre lo demolisce a pallate.

Ettore Zanca
A cura di

Da non perdere

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Altri Sport

Il ciclismo secondo Fabio Genovesi Il ciclismo è da sempre uno degli sport più popolari dello Stivale perché nasce da lontano e di pari...

Interviste

Pantani, Biaggi, Panatta: le relazioni (non) pericolose di Manuela Ronchi Da pochi giorni è uscito il libro di Manuela Ronchi, edito da Gribaudo, Le...

Motori

Vittorio Brambilla, un pilota da film Sbucano sempre da qualche parte, i ricordi più rari. Quando meno te lo aspetti, sembrano materializzarsi dal nulla,...

Calcio

Illustrazione di David Diehl Oleg Blokhin, l’oro dell’URSS Compie oggi 68 anni Oleg Blokhin, leggenda del calcio sovietico e pallone d’oro del 1975. Per...

Calcio

Marco Van Basten: l’eterno volo del Cigno Compie oggi 56 anni Marco van Basten, il fenomenale quanto sfortunato giocatore olandese che abbiamo avuto l’onore...

Eventi

Yuliya Mayarchuk torna al cinema con “Mai per sempre”, il nuovo film di Fabio Massa «L’amore è la cosa più importante della mia vita»....

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Chilavert non si giudica dalla copertina Spesso mando ciò che scrivo a una mia carissima amica. Le chiedo di dare un’occhiata perché di lei...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

Quelli che sono stati anche figli di Beppe Viola Il 17 Ottobre 1982 ci salutava quel genio giornalistico, ma non solo, di Beppe Viola....

Pugilato

Bruno Arcari, la concretezza del Campione riservato di una Boxe che non esiste più In un’epoca in cui la spettacolarizzazione dello sport è all’ordine...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro