Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

L’amore di Andre per Steffi

L’amore di Andre per Steffi

Per i 51 anni compiuti oggi dal leggendario tennista Andre Agassi, vi raccontiamo un episodio che spiega bene il suo amore per un’altra icona della racchetta, la moglie Steffi Graf.

Ho poche persone come riferimento nella mia esistenza. Ognuna ha il suo bravo posto arredato e un contratto a vita per stare nella mia, di vita. Salvo cataclismi, non andranno via. Sono le uniche da cui vado a far vedere le cicatrici, a cui mostro la pancia come fanno i gatti quando si fidano. Con cui divido segreti inconfessabili.

Fanno tutte un lavoro che amano. E io ho avuto la fortuna di conoscerle sia mentre davano il meglio di sé sul lavoro, sia nel privato con le loro confidenze. L’umiltà che hanno va di pari passo con la loro bravura e competenza e questo mi piace tantissimo. Però la bellezza è proprio vederle mentre fanno. Quando mi è capitato ho provato orgoglio per far parte delle loro vite. Ogni volta che le guardo, mi viene in mente quello che raccontava Andre Agassi nel suo libro.

Una volta decise di andare a giocare un po’ a tennis con sua moglie, Steffi Graf, in un campetto di periferia. Si erano già ritirati entrambi da tempo dall’agonismo. I primi tiri erano molto delicati, sua moglie non si stava impegnando. Ad un certo punto lui la provoca, le dice che potrebbe fare meglio. E lei gli spara una pallettata “che sembra un treno merci”. Da quel momento lei gioca come se fosse in una partita vera. E lui rimane incantato a guardare sua moglie che lo demolisce con colpi da professionista.

La sua frase è: “ogni tiro è importante, non si sbaglia mai, non si stanca mai, è una gioia guardarla, anzi, un privilegio.”. Ecco, chi ha il mio cuore sappia che per me è un privilegio vedergli dare il meglio e conoscerne la parte privata che andrebbe in pezzi come un cristallo. Grazie a loro, imparo qualcosa ogni giorno. Ad amare in forme atipiche ad esempio. Come Agassi, che si innamora di più della moglie mentre lo demolisce a pallate.

A cura di

Da non perdere

Calcio

Anna Magnani e Francisco Lojacono: una storia di calcio e di un tango a Via Veneto Il 26 settembre 1973 ci salutava la grande attrice...

Pugilato

La storia di Oscar “Ringo” Bonavena Fisico massiccio, sguardo accattivante e folta chioma nera come la pece era questo Oscar Bonavena, argentino di Buenos Aires...

Pugilato

Raccontami di Sugar Ray, di Scorsese e del revolver di Babbo Natale Il 19 Settembre 2017 ci lasciava a 95 anni Giacobbe LaMotta, meglio...

Calcio

A Ovest di Socrates: Gol e droghe di Walter Casagrande “Quando guardi a lungo nell’abisso l’abisso ti guarda dentro.”  Friedrich Nietzsche Cosa fosse più...

Calcio

Sempre jogando, Dirceu Il 15 settembre 1995 moriva in un incidente stradale a soli 43 anni il calciatore brasiliano Dirceu, vecchia conoscenza della Serie...

Calcio

Il Mistero Scaini: la triste storia di un ragazzo che non era Paolo Rossi Il 13 settembre 1955 nasceva Enzo Scaini, il calciatore prematuramente...

Calcio

Roberto Rosato, “Faccia d’angelo” rossonera Piemontese, nato il 18 agosto 1943. Campione d’Italia, d’Europa e del mondo con il Milan. Ma non è Gianni...

Pugilato

Manny Pacquiao, il Re delle Filippine Gli aneddoti che potrebbe raccontare sulla sua infanzia nelle Filippine sono più numerosi dei metri quadri delle ville...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 Settembre 1989 moriva Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

Paolo Montero: perché i cattivi, poi così cattivi non sono mai Dedicato ai cattivi, che poi così cattivi non sono mai. Così recita una...

Storie di Sport

Jimmy Connors e quel desiderio indomabile di lottare per vincere Compie oggi 69 anni Jimmy Connors, iconico e fenomenale tennista statunitense. Per celebrarlo vi...

Storie di Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Roberto Palpacelli, la racchetta spericolata del Tennis italiano Il tennis è lo sport del diavolo. Ti ammalia e ti seduce illudendoti come...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro