Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

L’America ha un problema con le Cheerleader

Dopo quelle per i salari troppo bassi, per l’orario di lavoro stremante e per molestie sessuali, un’altra accusa colpisce il mondo della NFL quella di “sfacciata discriminazione”. Il mittente è sempre lo stesso: le cheerleaders.

Bailey Davis, una delle due cheerleaders della NFL che ha accusato la lega di discriminazione sessuale si è scagliata contro la lega professionistica ed il suo commissioner Roger Goodell che avrebbe rifiutato più volte di sedersi intorno ad un tavolo per risolvere una volta per tutte queste spinose questioni.

La Davis, 22 anni, è stata licenziata dal corpo di ballo “Saintsations” dei New Orleans Saints lo scorso gennaio per aver postato una foto su Instagram, un selfie, dove indossava biancheria intima succinta. Insieme ad altre tre ex cheerleaders, tutte licenziate, vuole incontrare la federazione per una causa che il suo legale ha definito “sfacciatamente discriminante” su come le donne e gli uomini vengono trattati.

Sempre la Davis ha puntato il dito su alcune clausole del contratto che ogni cheerleader deve firmare, come quella anti-fraternizzazione dove vieta ogni tipo di contatto con i giocatori ma che non è presente nei contratti dei giocatori stessi. Dalla serie: se il giocatore ci prova, che tu ci stia o meno rischi il posto. O altre clausole come quella dove viene vietato di posare nude, seminude o in lingerie sui social media salvo poi venir invitate a posare nude o quasi per gli sponsor.

Tempo fa, cinque ex cheerleader dei Washington RedSkins hanno affermato di essere state costrette a posare in topless per un servizio fotografico del 2013 in un viaggio in Costa Rica e di dover “lavorare” poi come escort in una discoteca per alcuni sponsor maschili della squadra. Il presidente di Washington Bruce Allen ha detto che altri racconti di cheerleader contraddicono queste affermazioni.

Le accuse verso Washington si aggiungono ad un sempre più crescente numero di accuse da parte delle cheerleaders che reclamano una bassa retribuzione, lunghe ore e molestie sessuali. La NFL ha rilasciato una dichiarazione scritta dove invita le squadre a rispettare i contratti stipulati.

L’avvocato della Davis, Sara Blackwell, e di altre cheerleaders ed ex cheerleaders molestate o discriminate,  dice che la risposta della NFL equivale a lavarsi le mani dalla responsabilità come “Ponzio Pilato”.Dire che parleranno con le squadre non significa nulla quando hanno il potere di fare regole che si applicano a tutti e scelgono di non farlo. La NFL è responsabile al 100%. Goodell non dovrebbe nemmeno pensarci due volte prima di accettare un incontro con le ragazze discriminate, che hanno proposto di risolvere le loro cause con il valore simbolico di un dollaro se Goodell si incontrerà con loro.”

Sempre l’avvocato prosegue: “Molte persone hanno la percezione che il “cheerleading” sia sessualizzato in ogni caso. Ma conoscendo le ragazze, nessuna di loro si iscrive a quel lavoro per essere solo intrattenimento per gli uomini. Metà delle ragazze sono sposate e praticanti cristiane e nessuna di loro vuole addosso la reputazione di “donnaccia”. Essere una cheerleader è un lavoro di danza professionale in una squadra di danza professionale. Non so perché si pensi che le cheerleaders delle scuole superiori, delle università e della NFL siano la stessa cosa ma questa concezione va assolutamente cambiata”.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

E così, dopo quattro anni, il gran circo dei mondiali torna a varcare l’Atlantico. Per la prima volta sopra la linea del Rio Grande,...

Altri Sport

Peter Norman: il bianco di quel podio a Messico 1968 Il 15 giugno 1942 nasceva a Melbourne Peter Norman, l’atleta australiano che alle Olimpiadi...

Calcio

Aye, Mr President! – Quando Donald Trump stava per irrompere nel mondo del Calcio Compie oggi 75 anni Donald Trump, il magnate americano divenuto...

Altri Sport

In campo e dalla Legge: la vita in fuga di O. J. Simpson ll 12 Giugno 1994 vengono ritrovati i corpi senza vita di...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 10 giugno 1946 moriva Jack Johnson, il primo pugile afroamericano della storia...

Calcio

2 giugno 1978: Quando toccò alla nazionale regalare speranza a una società ferita Il 2 giugno 1978 gli azzurri di Bearzot esordivano nel Mundial...

Basket

Krešimir Ćosić, la leggenda del Fenomeno che disse di No alla Nba Il 25 maggio 1995 moriva Kresimir Cosic, il fenomeno croato della palla...

Motori

Ciao Nicky, il ragazzo normale che diventò Campione del Mondo Il 22 maggio 2017 ci lasciava Nicky Hayden, il campione del Mondo di Motociclismo,...

Sport & Diritti

E’ terminata con successo la fase conclusiva del Progetto SAFE con la Conferenza Finale Internazionale Con la Conferenza Internazionale Finale di ieri mattina, 20...

Altri Sport

André “The Giant”, diventai grande in un tempo piccolo  Avrebbe compiuto ieri 75 anni André Roussimoff, meglio conosciuto come André “The Giant”, famosissimo campione...

Sport & Diritti

SAVE THE DATE! Conferenza Finale Internazionale del progetto europeo SAFE in diretta facebook e sui canali ufficiali di LAZIOcrea! L’ultimo evento del progetto europeo ...

Altri Sport

Dutee Chand, l’atleta che corre per la libertà in India Il 19 Maggio 2019 la sprinter Dutee Chand  fa coming out, diventando la prima...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro