Connect with us

Cerca articoli

Calcio

L’Africa del calcio piange ancora: 8 morti in uno stadio di Dakar ma non si fa nulla per impedirlo

Ancora una strage, l’ennesima all’interno di un fatiscente stadio africano.

Soltanto all’inizio del 2017, eravamo costretti a riportare la notizia delle 17 persone morte in Angola (ultima, a sua volta, di una lunga serie).

Oggi, purtroppo, ci risiamo.

Le morti avvenute dentro gli impianti sportivi dedicati alla disciplina dal pallone di cuoio, ormai, quasi non si contano più nel ‘Continente Nero’.

Quali che siano i motivi (risse tra tifosi, cedimenti strutturali, cariche o violenze da parte degli organi di polizia locali), siamo quasi giunti al punto in cui si debba parlare di ‘caduti’, proprio come accade in guerre sanguinarie.

L’ultimo bollettino parla di otto, o nove in base ad altre fonti, persone rimaste uccise a Dakar, in Senegal.

Lo scenario è il seguente: finale della Coppa nazionale disputata tra Ouakam e Mbour.

La gara finisce, soltanto dopo il secondo tempo supplementare, con il risultato di 2-1 in favore dello Mbour. A questo punto, si scatena una violenta rissa tra sostenitori delle fazioni opposte.

L’intervento della polizia, con annesso lancio di gas lacrimogeni, piuttosto che aiutare a risolvere la situazione, peggiora ulteriormente lo stato delle cose.

Si crea una calca infernale e, come successo nella tragica notte dell’Heysel, in molti restano a terra, schiacciati.

Come se non bastasse, la fuga della folla impazzita causa pure il crollo di una parete dello stadio Demba Diop.

E qui bisognerebbe aprire un’altra pagina riguardante unicamente le condizioni in cui gli africani sono costretti ad assistere agli incontri delle proprie squadre del cuore. Una vergogna disumana.

Ci sarà tempo e modo per farlo; intanto, piangiamo altri morti.

https://www.youtube.com/watch?v=USVPDwcIeIk

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Velokhaya: i pedali d’oro dell’Accademia che toglie i bambini dalle strade del Sudafrica Khayelitsha. Sudafrica. Anno 2003. In pochi possono immaginare che la Velokhaya...

Calcio

Sadio Mané, i pantaloncini più belli che (non) avevo – Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno; insegnagli a...

Calcio

Europei 2021: ancora incertezze sulla modalità di svolgimento Euro 2020, competizione che si sarebbe dovuta disputare l’anno scorso, ma che a seguito dell’emergenza sanitaria...

Calcio

6 febbraio 1958 – Monaco di Baviera, fiori rossi nella neve Ce la farò, padre? Io credo di sì. Mi avete dato due volte...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Il Derby di Mostar tra nazionalismo, religione, politica e odio A Roma, molte volte, quando si gioca la partita tra Roma e Lazio, si...

Calcio

Dario Fo: il Premio Nobel che amava il calcio “vecchie maniere” Il 10 dicembre 1997 il drammaturgo e attore Dario Fo ritira a Stoccolma...

Calcio

Chapecoense 4 anni dopo: storia di un sogno rimasto in bianco e nero Il 28 Novembre 2016 l’aereo con a bordo la squadra brasiliana...

Altri Sport

Giornata contro la violenza sulle donne: Lina Khalifeh, la combattente giordana e la sua palestra in difesa delle donne Domani 25 Novembre si celebra...

Calcio

Puskás Ferenc Stadion: la casa leggendaria della Squadra d’Oro Nel pantheon delle divinità del calcio vi è sicuramente un nome, quello di Ferenc Puskás....

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra L’11 novembre 1918 il primo conflitto mondiale giunse finalmente al termine con la...

Calcio

L’Etiopia, Hailé Selassié e Luciano Vassallo, il “Di Stefano d’Africa” Il 2 novembre 1930 Tafarì Maconnèn, meglio conosciuto come Hailé Selassié, veniva proclamato imperatore d’Etiopia, incarico...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro